ObiettivoUomoAmbiente 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SEDI VARIE ​ Viterbo 01100

Viterbo - dal 23 settembre al 9 ottobre 2005

ObiettivoUomoAmbiente
[leggi la recensione]

ObiettivoUomoAmbiente
[leggi la recensione]
4 Marzo 1973, Wounded Knee (South Dakota, Usa). Oscar Bear Runner (Oscar Orso che corre), membro dell’American Indian Movement, fotografato mentre è in corso una difficile trattativa tra Governo Americano e indiani per la difesa dei loro diritti.

© Bettmann - CORBIS / ObiettivoUomoAmbiente
 [Vedi la foto originale]
SEDI VARIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
(01100)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

1a Biennale Internazionale di fotografia e dibattiti tra scienza e cultura
biglietti: free admittance
vernissage: 23 settembre 2005.
ufficio stampa: AMBRA NEPI
curatori: Lello Piazza
autori: Abbas, Stefano Amantini, Pablo Balbontin, Massimo Borchi, Gary Braash, Stéphane Compoint, Emanuele Coppola, Guido Cozzi, James Whitlow Delano, Alessandro Digaetano, Peter Essick, Jim Fitzharris, Franco Fontana, Harri Kallio, Antonin Kratochvil, Frans Lanting, Gerd Ludwig, Peter Menzel, Nasa e Corbis, Daniele Pellegrini, Andrea Pistolesi, Stefano Torrione, Sandro Vannini, Paolo Woods, Norbert Wu, Christiane Ziegler, Francesco Zizola
telefono evento: +39 0761344138
genere: fotografia, collettiva
web: www.obiettivouomoambiente.net

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
28 mostre fotografiche con reportage di grandi nomi della fotografia italiana e internazionale in prima mondiale od europea; 25 incontri con la partecipazione di numerosi esperti e personalità internazionali tra cui 3 premi Nobel: Wangari Maathai, Nobel per la Pace 2004, Paul Crutzen, Nobel per la Chimica 1995, Mikhail Gorbaciov, Nobel per la Pace 1990; 25 proiezioni di programmi televisivi d’autore in collaborazione con Teche RAI, selezionati tra i più significativi degli ultimi cinquanta anni sui beni ambientali e culturali.

Questo in sintesi il programma di ObiettivoUomoAmbiente, la 1a Biennale Internazionale di fotografia e dibattiti tra scienza e cultura, organizzata dall’Università degli Studi della Tuscia, in occasione del Venticinquennale della sua fondazione, a Viterbo dal 23 settembre al 9 ottobre 2005.
Sponsor ufficiali di ObiettivoUomoAmbiente: Canon, De Agostini editore, Editoriale Giorgio Mondadori e Agenzia Fotografica Grazia Neri.

La manifestazione si pone l’obiettivo di affrontare le grandi tematiche ambientali, culturali e sociali del mondo contemporaneo, secondo un’idea di sviluppo sostenibile e di dialogo tra le culture. Temi nei quali da diversi anni – in particolare per quel che riguarda lo studio dei cambiamenti climatici, l’elaborazione di nuove politiche agro-alimentari, la difesa e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali – l’Ateneo della Tuscia occupa una posizione di eccellenza nel campo della ricerca in Italia e all’estero.
Obiettivo della manifestazione, da un lato, attraverso una serie di lezioni, dibattiti e giornate di studio aprire un canale diretto tra il pubblico ed importanti figure del mondo della scienza e della cultura, della ricerca e delle università; dall’altro, rendere più fruibili e accessibili tali tematiche, attraverso l’immediatezza e la spettacolarità di una serie di mostre fotografiche di particolare valore artistico e documentario.

Le mostre fotografiche saranno allestite nei luoghi più suggestivi di Viterbo, a partire dal complesso di Santa Maria in Gradi, sede dell’Ateneo, in un percorso all’interno del centro storico medievale della città. Direttore artistico della rassegna fotografica Lello Piazza, photeditor della rivista Airone, considerato tra i massimi esperti italiani di fotografia.
Cinque le tematiche affrontate dalla Rassegna Fotografica: Ambiente, Uomo, Risorse, Natura e Patrimonio Culturale. Terra in fiamme: Il riscaldamento globale del pianeta di Gary Braash, I giganti e il mistero delle foreste scomparse dell’Isola di Pasqua di Stéphane Compoint, Paesaggi immaginari di Franco Fontana, Se la terra diventa l’inferno di Gerd Ludwig, Acqua dalle viscere del deserto di Daniele Pellegrini, Vanishing di Antonin Kratochvil, Viaggio negli Islam del mondo di Abbas, Quashqai: i pastori erranti delle steppe della vecchia Persia di Pablo Balbontin, Ai confini del mondo di James Whitlow Delano, L’uomo e il senso di Dio di Andrea Pistolesi, Gnawa: la danza e il furore dell’estasi di Stefano Torrione, Né quelque part/Born somewhere di Francesco Zizola, Anche le lingue si estinguono di autori vari, L’oro trasparente: il problema dell’acqua di Peter Essick, Insetti a colazione, pranzo, cena di Peter Menzel, Pianeta petrolio di Paolo Woods, Il sole con foto della Nasa e Corbis, L’invisibile folletto del Mediterraneo. La foca monaca: una sfida per il futuro di Emanuele Coppola, Natura virtuale di Jim Fitzharris, Il dodo e l’isola di mauritius di Harri Kallio, Biodiversità di Frans Lanting e Norbert Wu, Il labirinto magico della foresta pluviale di Christian Ziegler, Tsunami: dies irae di autori vari, Morte e rinascita di Shanghai e Pechino di Alessandro Digaetano, I tesori di Luxor di Sandro Vannini, I siti protetti dall’Unesco e i problemi del turismo di Stefano Amantini, Massimo Borchi e Guido Cozzi.
Infine due mostre speciali: Focus on your world (UNEP) realizzata da Canon e Nazioni Unite e Scavi egiziani tra 19° e 20° secolo.

Dal punto di vista scientifico e culturale sono previsti 25 incontri, tra lezioni, tavole rotonde e giornate di studio su tre ampie tematiche: Ambiente e Cambiamenti Climatici; Emergenze Ambientali e Sociali e Conservazione del Patrimonio artistico; Rapporto Uomo-Natura; Immagini, Voci e Memoria. Interverranno alcuni tra i massimi esperti internazionali per fare il punto sullo stato di salute del nostro pianeta e sulle prospettive che si aprono alla luce dei condizionamenti operati dall’uomo sull’ambiente.
Tra gli interventi previsti: Wangari Maathai, premio Nobel per la Pace 2004, vice-ministro per l'ambiente del Kenia; Paul Crutzen, premio Nobel per la Chimica 1995; Mikhail Gorbaciov, premio Nobel per la Pace 1990, nonché presidente della Fondazione Internazionale Non-Governativa per gli Studi Socio-Economici e Politici (Fondazione Gorbaciov) e di Green Cross International; Corrado Clini, direttore generale del Ministero dell'Ambiente; Franco Prodi, docente di Fisica all’Università di Bologna; Antonio Navarra, fisico, si occupa di simulazione climatica all’Istituto Nazionale di Geofisica.

Con “ObiettivoUomoAmbiente” l’Università della Tuscia intende dunque celebrare nella maniera più prestigiosa i suoi venticinque anni di attività, promuovere il completo coinvolgimento nelle sue attività scientifiche e culturali della città di Viterbo e sopratutto proporsi, non solo come una realtà di eccellenza nel campo della ricerca scientifica, ma anche come un punto di riferimento nazionale per la promozione della cultura scientifica nell’ambito delle tematiche ambientali e dei beni culturali.
Tutte le iniziative di “ObiettivoUomoAmbiente” sono a ingresso libero.

Per il programma generale consultare il sito: www.obiettivouomoambiente.net
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram