Elena Arzuffi - Sull'acqua 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva VITAMIN ARTE CONTEMPORANEA ​ Via Vittorio Andreis 12C Torino 10152

Torino - dal 20 settembre al 5 novembre 2005

Elena Arzuffi - Sull'acqua
[leggi la recensione]

Elena Arzuffi - Sull'acqua
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
VITAMIN ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Vittorio Andreis 12c (10152)
+39 3358111286 , +39 3358123565
info@vitaminart.it
www.vitaminart.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nelle fotografie e nel video H2O di Elena Arzuffi, in tutti i suoi disegni, si ritrova la natura diretta di quello sguardo, senza connotazioni superflue, senza troppe sovrapposizioni di idee
orario: martedì-venerdì 16–19. Sabato 10-13 e 15.30-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 20 settembre 2005. ore 19
catalogo: testo critico di Elena Volpato
autori: Elena Arzuffi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Elena Arzuffi: sull’acqua

In questa mostra c’è un senso pieno di scoperta che appartiene ad una particolare stagione della nostra vita. Difficilmente lo si prova dopo l’infanzia. In genere resta imprigionato tra una pagina e l’altra del nostro sussidiario delle elementari, ce ne possiamo ricordare solo se abbiamo la fortuna di riaprire vecchi libri per nuovi bambini. Si tratta di quello strano stupore, non puramente lirico, che coglie chi, per la prima volta, scopre in elementi naturali, semplici come l’acqua, mondi interi da esplorare. È una vera e propria rivoluzione dello sguardo, un momento dalle potenzialità creative illimitate. Solo l’infanzia della scienza ci ha donato viaggi irripetibili come quelli raccontatici da Jules Verne. Perché questo momento abbia luogo è necessaria l’unione di una completa disponibilità alla scoperta con un’incrollabile fiducia in verità naturali e inoppugnabili, è quel momento in cui ci si innamora ciecamente delle possibilità della mente senza sospettare che la semplicità degli elementi possa un giorno essere tradita de geometrie non euclidee, da sistemi relativistici, da salti e intermittenze di quel concetto di evidenza che è la nostra prima forma d’esperimento, che è il primo abito di ciò che impariamo a chiamare scientifico e razionale. Nelle fotografie e nel video H2O di Elena Arzuffi, in tutti i suoi disegni, si ritrova la natura diretta di quello sguardo, senza connotazioni superflue, senza troppe sovrapposizioni di idee. Tutto in questi suoi lavori sembra vivere di una medesima temperatura emotiva, raffreddata ma priva di durezza, leggera come l’immaginazione di chi è capace di vedere comunanze tra oggetti che l’abitudine separa; così una piccola matita bianca può appartenere allo stesso insieme dei tubicini, delle siringhe e delle provette, e uno spinotto audio può confondersi tra i componenti di un microscopio. Del resto, chi da bambino gioca al piccolo chimico, ordinatamente e diligentemente, solo coi pezzi che trova confezionati nella scatola da gioco, difficilmente scoprirà davvero qualcosa.

Elena Volpato
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram