Massimo Gatti - Wind Shapes 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA CARDI ​ Via Marco De Marchi 2 Milano 20121

Milano - dal 20 al 30 settembre 2005

Massimo Gatti - Wind Shapes

Massimo Gatti - Wind Shapes
GALLERIA CARDI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Marco De Marchi 2 (20121)
+39 0249473064 , +39 0249500225 (fax)
info@galleriacardi.com
www.galleriacardi.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

una sequenza di immagini fotografiche dove, sulla linea di confine tra il bianco e il nero, delimitati dalla bruciatura rossa di fine rullino, emergono storie forti impresse nei volti
biglietti: free admittance
vernissage: 20 settembre 2005. ore 17
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA
autori: Massimo Gatti
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“Borderline”: un progetto artistico che racconta per immagini fotografiche la sofferenza e la fragilità della condizione umana.

Contemporaneamente all’esposizione “Wind Shapes”, alla Galleria Cardi di Milano, Massimo Gatti espone, in anteprima, “Borderline” una sequenza di immagini fotografiche dove, sulla linea di confine tra il bianco e il nero, delimitati dalla bruciatura rossa di fine rullino, emergono storie forti impresse nei volti, negli sguardi e nei gesti di uomini e donne che hanno vinto la loro battaglia nella vita.

Scrive Antonio Calabrò nella sua prefazione del catalogo:
… come Massimo Gatti (finanziere, per mestiere e invece, per passione e diletto, attento e compassionevole indagatore di stati d’animo da fissare in immagini), per spiegare questo suo “Borderline” fa ragionamenti di frontiera. Confessa,infatti, di “provare da sempre una forte attrazione per le linee di confine”. E spiega: “Mi affascina quello che avviene al limite degli opposti, la fine che genera inizio e anche quella sorta di senso di rischio che ogni confine porta con se”.

Continua, “Borderline”, così: “vuol essere la storia di un'andata e un ritorno, la fine di un inferno, la testimonianza della capacità di riattraversare quella linea di confine che porta verso un nuovo inizio. Un bianco assoluto, tutto da scrivere”. Le foto sono volti muti. L’immaginazione può suggerire storie, confidenze, confessioni. Racconto d’umanità.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram