Federico Guida - Mimetica-mente 3116 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ROBERTA LIETTI ARTE CONTEMPORANEA ​ Via Armando Diaz 3 Como 22100

Como - dal 3 dicembre 2005 al 19 febbraio 2006

Federico Guida - Mimetica-mente

Federico Guida - Mimetica-mente

 [Vedi la foto originale]
ROBERTA LIETTI ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Armando Diaz 3 (22100)
+39 031242238 , +39 031242238 (fax)
info@robertalietti.com
www.robertalietti.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In occasione dei quindici anni di attività, la Galleria Roberta Lietti Arte Contemporanea di Como dedica un doppio omaggio ad uno degli artisti più interessanti del panorama artistico italiano degli ultimi anni
orario: da martedì a sabato, 10.30-12 e 15.30-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 dicembre 2005. ore 18,30
editore: MAZZOTTA
ufficio stampa: UESSEARTE
autori: Federico Guida
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In occasione dei quindici anni di attività, la Galleria Roberta Lietti Arte Contemporanea di Como dedica un doppio omaggio ad uno degli artisti più interessanti del panorama artistico italiano degli ultimi anni: Federico Guida. E lo fa con una mostra che, grazie alla collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Como, ha un’importante estensione presso la Pinacoteca Civica della città.
Federico Guida (Milano, 1969) nasce pittore, naturalmente dedito all’uso dell’olio e della tela. Una passione innata, forse trasmessa per ereditarietà (anche il padre era artista) che, fin dagli esordi, si sviluppa essenzialmente sulla rappresentazione della figura umana. I ritratti di Guida, come già i corpi contorti o in lotta - temi di precedenti esposizioni - sono frutto di una continua, ossessiva meditazione su persone a lui particolarmente familiari. Il volto di Angelo, il carrozziere sotto casa, quello di Dino, l’anziano vicino di porta, le nipotine, gli amici, rappresentati nelle loro espressioni più caratterizzanti, diventano archetipi, volti senza epoca, uno, nessuno, centomila….
Da questa riflessione dell’artista sui volti, metafore della sua ricerca sulla natura umana, nasce il titolo della mostra “Mimetica-mente”, volutamente giocato su ‘mimesi’ (imitazione) e ‘mente’ (intelletto, ragione), vocaboli uniti in un ambiguo calembour.
Le opere esposte a Como, tutte inedite, rappresentano un ulteriore passo avanti nella ricerca di Guida. Con un’attenzione sempre rivolta allo studio del Rinascimento e del Barocco, in questi nuovi lavori l’artista propone atmosfere stilisticamente meno drammatiche. Lo spirito dei grandi maestri, esplicitamente evocato in tante opere, si amplifica con nuovi riferimenti: uno su tutti John Singer Sargent, grande ritrattista americano di fine Ottocento.
Tema dei lavori in mostra sono ancora i soggetti già noti ma ora rappresentati anche con cromatismi più morbidi. Non solo quindi fondali catramosi, ”caravaggeschi”, ma anche nuovi sfondi in cui il colore diventa sempre più rarefatto fino a disfarsi, quasi a confondersi con il soggetto. Non solo corpi rossi , in cui il “rosso Guida” conduce al una dimensione irreale, ma anche carni rosee, di un rosa grave, saturo, ma pur sempre rosa.
In galleria una quindicina di opere di formato piccolo (cm 50x60) e medio (100x 120). In Pinacoteca invece un trittico di grande formato che rappresenta uno schermitore ritratto in tre diverse pose. La postura di questo novello cavaliere, l’abbigliamento, i guanti, l’arma rimandano a immagini mai dimenticate dell'arte del passato, richiamando alla mente i cavalieri di Bronzino o di Tiziano. Inoltre il triplice ritratto, visto attraverso angolazioni diverse, genera un intrigante gioco visivo tra il personaggio e lo spettatore.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram