Informale. Jean Dubuffet e l’arte europea 1945-1970 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FORO BOARIO ​ Via Bono Da Nonantola Modena 41100

Modena - dal 17 dicembre 2005 al 9 aprile 2006

Informale. Jean Dubuffet e l’arte europea 1945-1970
[leggi la recensione]

Informale. Jean Dubuffet e l’arte europea 1945-1970
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
FORO BOARIO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Bono Da Nonantola (41100)
+39 3351621739
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Dopo il successo dell’esposizione sull’astrattismo americano Action Painting, l’ente modenese si avvarrà ancora una volta della collaborazione della Collezione Peggy Guggenheim e negli spazi del Foro Boario approfondirà lo stesso periodo storico-artistico, dal 1945 al 1970, osservandone il versante europeo
orario: Tutti i giorni orario continuato dalle 10.00 alle 19.00
Chiuso il lunedì, la mattina del 25 dicembre e del 1 gennaio
Aperto il 26 dicembre
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 17 dicembre 2005.
editore: SKIRA
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Luca Massimo Babero
autori: Pierre Alechinsky, Karel Appel, Afro Basaldella, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Jean Dubuffet, Lucio Fontana, Bice Lazzari, Georges Mathieu, Gastone Novelli, Jean Paul Riopelle, Pierre Soulages
patrocini: alto patronato del Presidente della Repubblica, patrocinio della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Modena
genere: arte contemporanea, collettiva
email: info@mostre.fondazione-crmo.it
web: www.mostre.fondazione-crmo.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In alcune lettere di Jackson Pollock si scopre quanto avidamente l’artista attendesse di vedere i cataloghi e le opere di Jean Dubuffet, che considerava uno dei maestri dell'arte astratta. Questo punto di vista degli artisti e dei collezionisti americani nei confronti dell’arte informale europea darà il taglio originale alla prossima mostra della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena: Informale. Jean Dubuffet e l’arte europea 1945 -1970.



Dopo il successo dell’esposizione sull’astrattismo americano Action Painting, l’ente modenese si avvarrà ancora una volta della collaborazione della Collezione Peggy Guggenheim e negli spazi del Foro Boario approfondirà lo stesso periodo storico-artistico, dal 1945 al 1970, osservandone il versante europeo. Per quanto sia impossibile riassumere in un’unica mostra la complessa e talvolta contraddittoria corrente dell’Informale, al Foro Boario verranno esposti per la prima volta nuclei importanti di opere che riassumono le principali correnti di quel movimento. Luca Massimo Barbero, Curatore Associato della Collezione Peggy Guggenheim, curerà questo percorso attraverso le collezioni dell’istituzione americana. Jean Dubuffet, di cui il Museo Solomon R. Guggenheim conserva un rilevante nucleo di opere, sarà il perno attorno al quale sarà possibile osservare l’esperienza esplosiva della pittura del gruppo CoBra, come ad esempio Karel Appel e Pierre Alechinsky, i segni materici della pittura gestuale di Jean-Paul Riopelle, Georges Mathieu, Pierre Soulages, e le esperienze degli artisti italiani presenti come “informali” nelle collezioni americane, tra i quali Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Lucio Fontana, Bice Lazzari, Afro Basaldella, Gastone Novelli ed altri.



L’idea curatoriale è di fornire al pubblico modenese e nazionale un panorama delle personalità europee che contribuirono al cambiamento radicale della pittura nel secondo dopoguerra, attraverso il “punto di vista” del grande collezionismo americano. Sarà un’occasione imperdibile per vedere quali opere di artisti europei furono acquistate dai collezionisti americani. Opere di grandi dimensioni costruiranno il percorso in un gioco assolutamente curioso di grandi assenti e presenze originali, dando al pubblico l’idea delle scelte compiute in quegli anni dal collezionismo americano. La mostra comprenderà inoltre una serie di bacheche contenenti preziosi documenti grafici, disegni e cataloghi, seguendo la linea didattica che ha segnato il successo delle precedenti esposizioni realizzate dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.



Da sempre sensibile alle finalità didattiche connesse all’attività espositiva e ai linguaggi dell’arte contemporanea in particolare, la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena garantirà anche quest’anno al pubblico l’ingresso gratuito alla mostra, così come gratuite saranno le visite guidate e le attività formative per i docenti, caso unico nel panorama delle grandi mostre nazionali.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram