Sergio Fermariello - Senza piangere e senza ridere opere 1989-2005 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE VOLUME! ​ Via Di San Francesco Di Sales 86 Roma 00165

Roma - mar 8 novembre 2005

Sergio Fermariello - Senza piangere e senza ridere opere 1989-2005

Sergio Fermariello - Senza piangere e senza ridere opere 1989-2005

 [Vedi la foto originale]
FONDAZIONE VOLUME!
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di San Francesco Di Sales 86 (00165)
+39 066892431 , +39 066892431 (fax)
press@fondazionevolume.com
www.fondazionevolume.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Presentazione del libro
biglietti: free admittance
vernissage: 8 novembre 2005. ore 18.30
editore: GLI ORI
autori: Sergio Fermariello
genere: arte contemporanea, presentazione

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Galleria Ronchini Arte Contemporanea di Terni in collaborazione con VOLUME! presentano martedì 8 novembre alle ore 18,30 il libro dedicato a Sergio Fermariello “Senza piangere e senza ridere opere 1989-2005”.



Il libro, pubblicato da Edizioni Gli Ori e curato da Maurizio Sciaccaluga ripercorre la ricerca sulla reiterazione del segno e sugli ideogrammi archetipici che hanno da sempre caratterizzato il lavoro dell'artista napoletano.

“Quello di Sergio Fermariello – scrive Maurizio Sciaccaluga – è un lavoro lungo e complesso sulla scrittura. Un lavoro che finisce poi anche per indagare la rappresentazione dell’epos (con le icone di arcieri e soldati rubate agli Etruschi e ai Garamanti), per studiare da un’angolazione diversa i problemi più annosi della pittura (nello studio della monocromia e della terza dimensione), per forzare gli esili confini che dividono la realtà dall’immaginazione (nel rapporto promiscuo tra figura e astrazione), per misurare le capacità espressive di elementi inusuali e spiazzanti (quali il laser e la superficie del mare), ma che comunque continua con costanza, e soprattutto, a mettere alla prova la potenza evocativa e significante del segno.”

Il libro, conterrà inoltre testi di Achille Bonito Oliva, Franco Fanelli, Sergio Fermariello ed Alberto Fiz.



Sergio Fermariello nasce a Napoli il 29 aprile 1961. Comincia la sua ricerca dal recupero dei modelli: memorie familiari che si estendono agli archei universali. Nel '89, ottiene il Premio Internazionale Saatchi & Saatchi per giovani artisti tenuto al Palazzo delle Stelline di Milano. Nello stesso anno incontra Lucio Amelio con cui inizia una lunga collaborazione. Presto anche la collezione Terrae Motus si arricchisce di una sua opera.

Negli anni successivi l’artista espone presso la Galleria Protirion a Spalato, presso la Galleria Albrecht a Monaco di Baviera e presso la galleria Il Capricorno di Venezia.

Nel '91 partecipa al Martin Gropius Bau di Berlino con la mostra internazionale Metropolis e presso il Musée de l'Abbaye Sainte-Croix di Les Sables-d'Olonne con Les pictographes. Nel '92 espone alla Galerie Yvon Lambert di Parigi, in una collettiva itinerante nei principali musei del Sud America, curata da Giovanni Castagnoli, e alla III Biennale di Istanbul.

Nel '93 Achille Bonito Oliva gli dedica uno spazio personale nel "Padiglione Italia" della XLV Esposizione Internazionale Biennale d'Arte Venezia. Nel '96 partecipa alla Contemporanea Como 2 a Villa Olmo e alla XII Quadriennale di Roma. Nel '97 presenta Lavori 1990/1997 presso l'Istituto Italiano di Cultura di Colonia. Nel '98 partecipa a ‘900 nudo al museo del Risorgimento di Roma e a Tracce significanti presso la Fondazione J.F. Costopoulos di Atene. Recentemente ha esposto anche a New York, a Napoli e a Parma.

L’artista vive e lavora a Napoli.


Sabato 12 novembre alle ore 17,30 avrà luogo presso la galleria Ronchini Arte Contemporanea di Terni una mostra personale attraverso la quale la ricerca estetica dell’artista mette a fuoco una inedita lettura del segno, anche in rapporto a nuovi materiali, come l’acciaio corten.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram