Roberto Coda Zabetta / Giovanni Manfredini - Viaggio al termine della notte 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE BANDERA ​ Via Andrea Costa 29 Busto Arsizio 21052

Busto Arsizio (VA) - dal 26 novembre 2005 al 12 febbraio 2006

Roberto Coda Zabetta / Giovanni Manfredini - Viaggio al termine della notte

Roberto Coda Zabetta / Giovanni Manfredini - Viaggio al termine della notte
Viaggio al termine delle notte
Roberto Coda Zabetta e Giovanni Manfredini
www.fondazionebandera.it
 [Vedi la foto originale]
FONDAZIONE BANDERA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Andrea Costa 29 (21052)
+39 0331322311 , +39 0331398464 (fax)
info@fondazionebandera.it
www.fondazionebandera.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

un faccia a faccia tra due artisti che si muovono in un buio inquietante, gravido di interrogativi esistenziali
orario: 10 – 19 dal venerdì alla domenica. Chiuso 25 dicembre, 1 e 6 gennaio
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 4 €, ridotti 2 €
vernissage: 26 novembre 2005. ore 18,30
editore: SKIRA
curatori: Marina Pizziolo, Romano Ravasio
autori: Roberto Coda Zabetta, Giovanni Manfredini
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dopo “Il corpo e l’anima. Federico Guida e Paolo Schmidlin”, prima battuta dell’annunciata trilogia volta a presentare stimolanti confronti tra i protagonisti della nuova scena artistica italiana, � la volta di un faccia a faccia tra due artisti che si muovono in un buio inquietante, gravido di interrogativi esistenziali: Roberto Coda Zabetta e Giovanni Manfredini.

“Dopo il corpo ci sono solo i morti. Il corpo � il pieno, occorre raccontarlo nelle sue piaghe e il suo calvario quotidiano � la resurrezione nella pittura”, ha scritto Giovanni Manfredini. “Dipingere il proprio corpo � dipingerne la biologia, la coscienza del destino in uno stato allucinatorio percorso dalla ribellione di ci� che � stato creato, contro il creatore stesso”. L’indagine di Manfredini � un ossessivo affondo nell’apparenza corporea, nel corpo come doloroso affiorare dal buio in un eroico “tentativo di esistenza”, titolo ricorrente di molti suoi dipinti. Le opere di Manfredini sono calchi corporei su velature di nerofumo. L’artista imprime il suo corpo nudo su grandi tavole che assumono l’aspetto di drammatiche sindoni. Il corpo sembra voler fuggire dal nero che lo avvolge verso una luce che mentre definisce dissolve, corrode. Metafora della disperata lotta contro il tempo che passa, consumando inesorabilmente l’attimo della vita.

“Il mio lavoro � azione, non forma”, dice Coda Zabetta. “Io dipingo l’azione e la figura � il risultato di una lotta corpo a corpo con la materia. Alla fine , per�, meno impiego per realizzare un’opera pi� sono soddisfatto. Se finisco un quadro da tre metri per tre in venti minuti, allora lo sento davvero mio”. Un’altra volta il dipinto vale come forma del gesto. Un gesto frenetico che sciabola di bianco, rosso o giallo grandi superfici nere, fino a dar vita a primissimi piani di volti allucinati, disperati, stravolti da un grido che � rabbia, dolore, stupore. “Non so cosa sia il dolore nell’arte e devo dire che mi interessa anche molto poco”, scrive Coda Zabetta “Mi interessa, invece, capire il significato di questa parola. Nel profondo, in quella sottile trasmissione di saggezza che ha nell’anima. I miei urli non sono dolore, ma rabbia…per non aver capito ancora”.

Attraverso l’accurata selezione di quaranta opere di grande formato, venti per artista, prende vita alla Fondazione Bandera un coinvolgente duello tra due protagonisti dell’arte italiana, sempre pi� apprezzati sulla scena internazionale come qualificati interpreti di un disagio del vivere che � il dramma sordo del nostro tempo.



Roberto Coda Zabetta � nato a Biella nel 1975 e vive tra Londra e Milano. Si � diplomato all’Istituto d’arte di Roma. � stato assistente di studio di Aldo Mondino. Nel 2004 ha vinto il premio giovani artisti MIART, con Marco Cingolani e Federico Guida. Ha tenuto personali a Milano, Roma, Firenze, Arezzo, Monaco di Baviera. Ha esposto in importanti collettive allestite in sedi museali, in Italia e all’estero, a Milano, Torino, Roma, Modena, New York, Berlino etc.



Giovanni Manfredini � nato a Pavullo nel Frignano, in provincia di Modena, nel 1963. Vive e lavora a Milano e Modena. Ha allestito mostre personali a Madrid, Napoli, Milano, Roma, Berlino, Basilea, Londra, Francoforte e Stoccarda. Ha esposto anche in prestigiose collettive in vari musei: “Minimalia” al PS1 di New York, “�ber menschen” allo Schiller Museum di Weimar, “The opening” allo Stedelijk Museum di Gand e alla mostra “Young Italian artists” svoltasi nelle Gallerie d’arte Contemporanea di Kuala Lampur, Singapore e Bangkok.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram