Mario Schifano 1964-1970. Dal paesaggio alla TV 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE MARCONI ​ Via Alessandro Tadino 15 Milano 20124

Milano - dal 23 febbraio al 30 marzo 2006

Mario Schifano 1964-1970. Dal paesaggio alla TV
[leggi la recensione]

Mario Schifano 1964-1970. Dal paesaggio alla TV
[leggi la recensione]
FONDAZIONE MARCONI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Alessandro Tadino 15 (20124)
+39 0229419232 , +39 0229417278 (fax)
info@fondazionemarconi.org
www.fondazionemarconi.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra curata da Giorgio Marconi, direttore della Fondazione Marconi ed esperto dell’opera di Mario Schifano, raccoglierà un centinaio di opere del periodo 1964-1970 provenienti da importanti collezioni private e pubbliche, tra cui la GAM Galleria d’Arte Moderna di Torino e il CSAC –Università di Parma
orario: da martedì a sabato 10,30-12,30 e 15,30-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 23 febbraio 2006. ore 18,30
editore: SKIRA
ufficio stampa: CRISTINA PARISET
curatori: Giorgio Marconi
autori: Mario Schifano
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il 23 febbraio 2005 verrà inaugurata la mostra, Mario Schifano 1964-1970. Dal paesaggio alla TV. Si tratta della seconda mostra che la Fondazione Marconi dedica all’artista Mario Schifano dopo quella tenutasi con grande riscontro di stampa e pubblico dal 9 febbraio al 26 marzo scorsi, Schifano 1960-1964. Dal monocromo alla strada.

La mostra curata da Giorgio Marconi, direttore della Fondazione Marconi ed esperto dell’opera di Mario Schifano, raccoglierà un centinaio di opere del periodo 1964-1970 provenienti da importanti collezioni private e pubbliche, tra cui la GAM Galleria d’Arte Moderna di Torino e il CSAC –Università di Parma.

La collaborazione tra Giorgio Marconi e Mario Schifano risale ai primi anni Sessanta. La mostra inaugurale dello Studio Marconi nel novembre 1965 vede l’artista romano insieme ad Adami, Del Pezzo e Tadini. Si susseguono poi le mostre Vero Amore, dicembre 1965, Inventario con anima e senza anima, novembre 1966, Tuttestelle, ottobre 1967, Compagni, compagni, dicembre 1968, e Paesaggi TV , dicembre 1970,.

L’opera di Mario Schifano si colloca all’interno delle correnti artistiche legate ad “una nuova oggettività” attenta come non mai alle impronte della città e allo spazio umano ed in cui il rapporto con il mondo è mediato dai “mezzi di massa” (il film, il segnale, il fumetto, la pubblicità). Il pittore capisce prima di tanti altri che è compito dell’artista accettare criticamente questi nuovi strumenti, che saranno emblema della pop art made in USA, evitando che diventino il “fine” della propria espressione artistica.

Schifano opera per cicli tematici: dopo i quadri-schermo monocromi e le scritte pubblicitarie, i particolari di paesaggio da autostrade, le sequenze di gambe e braccia aperte, gli alberi con le scale cromatiche, ecco i “Paesaggi anemici”, la foto rivisitata del gruppo futurista di Futurismo rivisitato, Tuttestelle, Compagni, compagni, Paesaggi TV. In queste opere la pittura è schermata dalla plastica trasparente o a riquadri colorati.




Nei “Paesaggi anemici”, le vedute di paesaggio sono il ricordo, la memoria che costruiscono questi paesaggi, sono invenzione così come l’idea di spalancare una porta, un rettangolo in alto, di aprire come una finestra nella superficie continua di quel cielo. In questo periodo si matura il suo interesse per il film, per la fotografia e per le figure immote e in movimento, disegni di piedi in moto montati assieme a righe e tiracerchi, composizioni come “When I remember Giacomo Balla“ 1965, quadri che evocano la finestra di Matisse come “Suicidio” 1965. Nello stesso periodo troviamo “Vero amore” o “Albero”, dove l’albero, che ci rimanda al Battesimo di Piero della Francesca, è protagonista al centro dell’immagine con un gran tronco, accentuato a livello del colore e con le fronde minute su cui molte volte si aprono delle finestre, come riquadri oscuri o chiari sulla memoria. Il dadaismo, il futurismo, la fotografia si coordinano e si compongono in un’intenzione di analisi dell’universo reale, organica. In “Futurismo rivisitato”, Schifano prende un’immagine-chiave, la notissima fotografia dei futuristi a braccetto, Malevic col suo quadrato, e la rivisita, stampandola senza fondo, con le figure sospese come apparizioni, in nero, a colori, gli sovrappone uno schermo di plastica trasparente che non nasconde l’immagine ma che incita a vederla meglio. “Tuttestelle”, stelle dipinte a spruzzo e rifratte da strati di plastica trasparenti e diversi di ordito ricoprono ciascun opera evocando sensazioni infantili. In “Compagni, compagni”, Schifano muove da una fotografia, in questo caso legata alla situazione politica, lavoratori Cinesi, a gruppi di tre, falce e martello, la scritta “Sulla giusta soluzione delle contraddizioni in seno alla società”, ricoperti dalla plastica dove i compagni in corteo sono un’icona di cui si nutrono i mass media. Nei “Paesaggi TV” incomincia a riportare le immagini video direttamente su tela emulsionata, isolandole dal ritmo narrativo delle sequenze a cui appartengono e riproponendole con tocchi di colore alla nitro. Dice a questo proposito Schifano “ Il processo è lungo ed elaborato.Ma solo così riesco ad ottenere quegli effetti di realismo e di visionarietà che rincorro con l’immaginazione.”

Anche in questa occasione, verrà stampato da Skira editore un volume di circa 280 pagine circa un’ampia selezione di testi critici dell’epoca e successivi riguardanti l’opera di Schifano dal 1964 al 1970. Il volume ha l’ambizione di documentare in modo esaustivo il lavoro di Schifano di quel periodo riproducendo a colori circa 200 opere.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram