Presentazione del volume "Ranaldi" 3052 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA DEGLI UFFIZI ​ Piazzale Degli Uffizi 1 Firenze 50122

Firenze - ven 20 gennaio 2006

Presentazione del volume "Ranaldi"

Presentazione del volume "Ranaldi"
GALLERIA DEGLI UFFIZI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazzale Degli Uffizi 1 (50122)
+39 0552388651 , +39 0552388694 (fax)
direzione.uffizi@tin.it
www.uffizi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’ampia monografia dell’artista Renato Ranaldi curata da Bruno Corà sarà presentata venerdì 20 gennaio alla Biblioteca degli Uffizi con interventi del Soprintendente Antonio Paolucci, dell’artista Luciano Fabro, di Gianni Pettena, professore presso l’Università di Architettura di Firenze e del critico d’arte Mario Bretoni.
biglietti: free admittance
vernissage: 20 gennaio 2006. ore 18
editore: GLI ORI
ufficio stampa: CSC SIGMA
genere: presentazione

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il volume, 452 pagine con oltre 400 foto e traduzione in inglese è edito da Gli Ori, si articola in 18 capitoli tematici attraverso i quali è possibile ripercorrere tutta l'attività dell'artista dalla pittura al disegno, dal cinema alle istallazioni, dalla scultura alla produzione letteraria.

Sono stati inoltre pubblicati una serie di scritti teorici di Ranaldi, alcuni dei quali inediti.



Nato nel 1941 a Firenze, Ranaldi frequenta il liceo artistico e l’Accademia di Belle Arti, dove si diploma nel 1962.

Attraverso un’intensa sperimentazione di tecniche e materiali e sulla base di un costante esercizio dell’attività del disegno, ben presto l’opera pittorica e quella plastica si dissolvono l’una nell’altra. Nel tracciare un proprio percorso autonomo rispetto alle tendenze del minimalismo, della pop, dell’arte povera e della costellazione dei neoespressionismi, Ranaldi mette a punto negli anni Settanta un repertorio di opere che trovano – fuori da schemi accademici – interlocuzioni con la grande tradizione, ancorché lontana e con le maggiori e minori esperienze del ‘900. Sono gli anni in cui si lega di amicizia con artisti come Giuseppe Chiari, Eugenio Miccini, Ketty La Rocca, ma anche come Andrea Granchi e Sandro Chia, con i quali condivide l’esperienza del Teatro Musicale Integrale (1967-69) e parzialmente anche l’esperienza cinematografica del film d’artista (a partire da Senilix, 1968). Negli stessi anni incontra anche Fernando Melani e Luciano Fabro ed esegue le prime fusioni in bronzo dell’Archetipo (1979-80), considerata “Forma delle forme”.

Dopo aver esposto in gallerie e musei europei (Galleria Vivita, Firenze, Konsthall Malmö), nel 1988 è invitato con una Sala personale alla XLIII Biennale di Venezia.

Dagli anni Novanta, attraverso una ricchissima creazione di sculture, dove utilizza laminati di zinco, rame, ottone, e giunge spesso a opere che si dipanano da telai in legno, quasi a dare la suggestione di trovarsi di fronte a una pittura scolpita, cui si lega costantemente la necessità interiore del segnare la carta, si afferma nel novero degli artisti italiani contemporanei di maggior interesse, con esposizioni personali in gallerie private e in musei in Italia (Ravenna, Pinacoteca Comunale; Firenze, Galleria Gentili; Perugia, Opera; Pistoia, Palazzo Fabroni, La Spezia) e all’estero (Los Angeles, Convention Center; Parigi, Gran Palais, FIAC; Fresnes, Maison d’Art Contemporain Chaillioux; Vienna, Galleria Christine König).



 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram