Giuseppe Bergomi 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO MARTINENGO ​ Via Dei Musei 30 Brescia 25121

Brescia - dal 18 febbraio al 15 aprile 2006

Giuseppe Bergomi

Giuseppe Bergomi

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO MARTINENGO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Musei 30 (25121)
+39 03040668
mostre@amicimartinengo.it
www.amicimartinengo.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

figure plasmate in terracotta o rese in bronzo dipinto
orario: tutti i giorni dalle 11.00 alle 21.00 – chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 18 febbraio 2006. ore 18
editore: ELECTA
ufficio stampa: ADICORBETTA
autori: Giuseppe Bergomi
genere: arte contemporanea, personale
web: www.italianfactory.org

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dopo il successo dell'esposizione romana, negli storici spazi del Chiostro del Bramante, Giuseppe Bergomi propone un inedito allestimento presso Palazzo Martinengo, a Brescia, da febbraio sino al 15 aprile 2006. Circa cinquanta opere, in bronzo dipinto e in terracotta: figure, ritratti, sentimenti ed emozioni in un alternarsi di volume e malinconia, di monumentalità e solitudine.



"Mi era apparso, nella sua prima maturità, Giuseppe Bergomi, come un artista della realtà, nella grande tradizione bresciana identificata e celebrata da Roberto Longhi. […] Dal nostro primo incontro sono passati quasi quindici anni, la sua bibliografia si è arricchita, molti artisti hanno condiviso il mio entusiasmo e oggi Bergomi è un Maestro". (V. Sgarbi)



"Pittura e scultura si fondono nella ricerca di Giuseppe Bergomi secondo una prassi consolidata: dallo stiacciato di Donatello ai busti policromi di Fontana" (M. Fiaschetti, "Corriere della Sera", agosto 2005 )



"Una serenità (quella delle sculture di Bergomi) che si avverte e che rimanda da un'opera all'altra […] una serenità, quindi, non orientale e distaccata dal mondo, ma un sentimento tutto da conquistare, un punto d'arrivo, come dimostra quel filo di inquietudine che comunque resta nel fondo dei suoi personaggi" (P. Petroni, "Ansa", luglio 2005)



il catalogo

Edito da Electa, il volume è inserito nella collana Italian Factory e raccoglierà, oltre alle opere in mostra, buona parte della produzione di Giuseppe Bergomi degli ultimi vent'anni.

La parte dei testi sarà affidata a Fabio Benzi, Philippe Daverio, Fabrizio Dentice, Alessandro Riva e Duccio Trombadori. A completare i testi inediti sarà presente un'antologia critica e una sezione biografica.



Giuseppe Bergomi, Electa, Milano 2005

pagine 198, italiano e inglese, euro 50,00

testi di Fabio Benzi, Philippe Daverio, Fabrizio Dentice, Alessandro Riva e Duccio Trombadori
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram