Boris Savelev - La nostalgia di uno sguardo perduto 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO MAGNANI ​ Corso Giuseppe Garibaldi 29 Reggio Nell'emilia 42100

Reggio Nell'Emilia - dal 18 febbraio al 9 aprile 2006

Boris Savelev - La nostalgia di uno sguardo perduto

Boris Savelev - La nostalgia di uno sguardo perduto
Reggio Emilia, 2004
 [Vedi la foto originale]
PALAZZO MAGNANI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Giuseppe Garibaldi 29 (42100)
+39 0522454437 , +39 0522444436 (fax)
info@palazzomagnani.it
www.palazzomagnani.it.
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

62 immagini a colori di uno dei maggiori fotografi russi contemporanei
orario: 9.30-13 e 15-19, chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Euro 5 intero, Euro 4 ridotto, Euro 2 studenti
vernissage: 18 febbraio 2006.
catalogo: contiene testi del curatore e di Colin Westerbeck
editore: SKIRA
ufficio stampa: CLP
curatori: Sandro Parmiggiani
autori: Boris Savelev
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In contemporanea, si terrà l’esposizione “Boris Savelev. La nostalgia di uno sguardo perduto”, curata da Sandro Parmiggiani, che presenta per la prima volta in Italia, 62 immagini a colori di uno dei maggiori fotografi russi contemporanei, realizzate in alcune città dell'Europa (Chernowitz, Mosca, Londra, Madrid, Roma). La sezione più ricca è quella dedicata a Reggio Emilia, con 22 immagini che Savelev (Chernowitz, 1948) ha scattato durante il suo soggiorno nell'ottobre 2004.
I lavori di Savelev sono intrisi di uno sguardo malinconico, fortemente segnato dalla cultura yiddish della città natale Chernowitz, detta la "piccola Vienna" che, fino all’occupazione nazista, è stata uno dei centri culturali più importanti della Mitteleuropa, con oltre un terzo della popolazione di origine ebraica.
Le persone che Savelev fissa nelle sue fotografie raramente sono colte nell'interezza del viso o del corpo, ma spesso per frammenti, riflessi in qualche vetrina, semicoperti da una porta: un mondo quasi di fantasmi, di colori spenti, di una luce malata, come se il sole avesse smesso di brillare, e tutto recasse i segni di un'illusione ormai perduta.
L'esordio di Savelev come fotografo risale ai primi anni Settanta. Dopo avere tenuto mostre in Russia, il suo esordio a livello internazionale avviene nel Museum of Fine Arts di Oxford (Gran Bretagna) nel 1986. Da allora, sue personali si sono tenute in spazi pubblici e privati in Germania, Stati Uniti, Spagna, Inghilterra, Cecoslovacchia. La qualità dell'opera di Boris Savelev, pure noto come grande maestro delle tecniche di stampa, ha fatto sì che i suoi lavori siano entrati in molte tra le più importanti collezioni pubbliche: tra le tante, il MoMA di New York, la Corcoran Gallery di Washington, la Staatsgalerie di Stoccarda, il Museum of Fine Arts di Santa Fe, la Calcografia Nazionale di Madrid.
Il catalogo Skira, contiene testi del curatore e di Colin Westerbeck.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram