La Villa Imperiale di Katsura a Kyoto 3111 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva POLITECNICO DI MILANO - CAMPUS BOVISA ​ Via Giovanni Durando 10 Milano 20158

Milano - dal 13 al 27 marzo 2006

La Villa Imperiale di Katsura a Kyoto

La Villa Imperiale di Katsura a Kyoto

 [Vedi la foto originale]
POLITECNICO DI MILANO - CAMPUS BOVISA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giovanni Durando 10 (20158)
www.design.polimi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

mostra e seminario
orario: da lunedì a venerdì 9-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 marzo 2006. ore 15 in aula Carlo De Carli
editore: ELECTA
curatori: Fernanda De Maio, Alberto Ferlenga
genere: architettura, fotografia, incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 13 al 27 marzo 2006 presso lo spazio mostre della Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano (via Durando 10) sarà aperta la mostra La Villa Imperiale di Katsura a Kyōto.

In occasione dell’inaugurazione il prof. Francesco Dal Co terrà una lezione su questo superbo esempio di architettura giapponese.

La villa imperiale di Katsura fu costruita nel corso di un cinquantennio a partire dal secondo decennio del XVII secolo su commissione di due principi della famiglia imperiale. Quella che nelle intenzioni del suo primo committente doveva essere “una semplice casa del tè nell’orto dei meloni”, nelle successive fasi di costruzione, si è trasformata nel magnifico complesso che ancora oggi, grazie ad accurati lavori di restauro, possiamo ammirare e che ha così potentemente influenzato l’architettura ma anche l’arte occidentale del XX secolo.

Il rigido protocollo che ne regolamenta da sempre le visite e il mistero che tuttora aleggia sul nome del suo reale “costruttore” non fanno che accrescere la magia della villa di Katsura, insuperabile “monumento” architettonico ma anche privilegiato “luogo” dell’anima concepito per e a misura d’uomo.



Katsura è da sempre al centro del dibattito sullo sviluppo dell’architettura giapponese, ma, in Occidente, il primo a interessarsi della villa e a tentarne un’interpretazione in chiave modernista fu, negli anni trenta, Bruno Taut che ne lasciò un documento commovente nell’album di schizzi Gedanken nach dem Besuch Katsura, e suggestive descrizioni in alcune pagine del suo Diario giapponese.

Da allora gli studi su Katsura si sono moltiplicati e negli anni sessanta veniva pubblicato un libro, tuttora fondamentale, Katsura. Tradition and Creation in Japanese Architecture con fotografie di Yasuhiro Ishimoto e scritti di Walter Gropius e di Kenzo Tange, seguito, negli anni ottanta, da Katsura Villa: Space and Form con testi di Arata Isozaki (e fotografie ancora di Yasuhiro Ishimoto).



I testi della mostra sono tratti dai saggi contenuti nel volume Katsura: la villa imperiale, a cura di Virginia Ponciroli, edito da Electa. Le fotografie sono di Yoshiharu Matsumura
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram