Franco Vaccari - Photomatic e altre storie 3114 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA BEL VEDERE ​ Via Santa Maria Valle 5 Milano 20123

Milano - dal 30 marzo al 7 maggio 2006

Franco Vaccari - Photomatic e altre storie

Franco Vaccari - Photomatic e altre storie

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA BEL VEDERE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Santa Maria Valle 5 (20123)
+39 0245472468 , +39 0245472469 (fax)
info@belvedereonlus.it
www.belvedereonlus.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Curata da Claudia Zanfi del laboratorio culturale aMAZElab, la mostra propone una novità assoluta per l’Italia: la ricostruzione filologica del progetto originario di “Photomatic d’Italia” attraverso immagini a colori di squarci urbani
orario: da martedì a domenica 13-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 marzo 2006. ore 18-21
editore: ELECTA
curatori: Claudia Zanfi
autori: Franco Vaccari
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Proseguendo nella sua linea culturale volta a valorizzare autori importanti che tuttavia a Milano hanno avuto poche occasioni di mettere in mostra le loro opere, la Galleria Bel Vedere propone una personale di Franco Vaccari dal titolo “Photomatic e altre storie”. Realizzata in contemporanea con l’importante rassegna MiArt (29 marzo-2 aprile) che vedrà Milano al centro dell’attenzione del mondo dell’arte, la mostra vede altri momenti di incontro e riflessione (come il CineBox, cinema mobile che ospiterà i video d’autore di Vaccari sul tema della migrazione e delle comunità di stranieri sulla via Emilia) per festeggiare i quarant’anni di carriera dell’artista modenese.

Curata da Claudia Zanfi del laboratorio culturale aMAZElab, la mostra propone una novità assoluta per l’Italia: la ricostruzione filologica del progetto originario di “Photomatic d’Italia” attraverso immagini a colori di squarci urbani, in un’Italia dal tipico sapore anni ’70, e i ritratti in bianco e nero delle persone in fototessera. Il progetto prevedeva la possibilità di usufruire per un anno di 700 photomatic sparse in tutte le città italiane e di raccogliere i vari ritratti in fototessera, per la selezione di una parte in un film. Vaccari inizia così una serie di viaggi in quelle città, che lo porteranno ad una mappatura inconsueta, dei luoghi di in cui vengono collocate le photomatic. La mostra ricostruisce, per la prima volta in Italia, il progetto originario, La galleria presenta inoltre una selezione dei più rappresentativi film e video dell’artista. Accompagnerà l’evento una pubblicazione bilingue (Electa/BelVedere), con testi critici di Claudia Zanfi, Luca Molinari, e Roberto Mutti.


Franco Vaccari nasce a Modena nel 1936. Compie studi di tipo scientifico ed esordisce come poeta visivo per poi intraprendere, sin dalla fine degli anni '60, un percorso di tipo concettuale orientato a una riflessione profonda sui nuovi mezzi di comunicazione. Per l’autore l’opera non è mai un fatto chiuso, rigido, finito, ma in divenire, in una continua trasformazione, aperta ad imprevisti e casualità. A partire da questo periodo, Vaccari realizza una serie di interventi sul campo che chiama "Esposizioni in tempo reale", in cui utilizza il video e la fotografia per documentare in diretta accadimenti di diverso genere, a volte da lui stesso provocati.
Vaccari ha sempre accompagnato l'attività artistica con la riflessione teorica, pubblicando, tra l'altro, i libri "Duchamp e l'occultamento del lavoro" (1978) e "Fotografia e inconscio tecnologico" (1979), che costituisce tuttora un contributo importante al dibattito teorico sulla fotografia.
Attualmente Franco Vaccari è docente di Arti Visive, presso il Politecnico di Milano
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram