Franco Bonetti - Dialoghi 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA FALERIA ​ Via Faleria 49 Roma 00183

Roma - dal 7 aprile al 5 maggio 2006

Franco Bonetti - Dialoghi

Franco Bonetti - Dialoghi

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA FALERIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Faleria 49 (00183)
+39 0670450821
galleriafaleria@inwind.it
www.galleriafaleria.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

A distanza di poco più di un anno il pittore Franco Bonetti torna a Roma con un doppio appuntamento: un unico tema per due mostre contemporanee
orario: dal merc. al sab. (no festivi) 16.30-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 7 aprile 2006. ore 17.30
editore: SKIRA
ufficio stampa: INTERNO1
autori: Franco Bonelli
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
A distanza di poco più di un anno il pittore Franco Bonetti torna a Roma con un doppio appuntamento: un unico tema per due mostre contemporanee.

Giovedì 6 Aprile p.v. alle 18.00 verrà inaugurata l’esposizione presso l’Archivio Centrale dello Stato e venerdì 7 Aprile alle 17.30 quella alla Galleria Faleria.

Artista ‘sinestetico’, spesso Bonetti ha realizzato opere e cicli pittorici ispirati alla letteratura, alla musica, alla danza, ma questa volta l’autore mette in mostra se stesso, i suoi ideali, i suoi pensieri, le sue riflessioni, insomma quei “dialoghi” intimi consumati giorno per giorno tra sé e sé alla volta di trovare quel senso delle cose che non sempre è facile ravvisare tra le assurdità della guerra e delle miserie umane che giorno per giorno convivono contradditoriamente con la facciata più ‘patinata’ della nostra esistenza intrisa di individualismo, indifferenza, superficialità. “Dialoghi” allora che vogliono oltrepassare il limite privato e confinato della tela e dell’artefice per scatenare altri dialoghi, altre riflessioni, ma soprattutto azioni come lo stesso Bonetti spiega nell’apertura del catalogo che accompagna le due mostre:

“Il dialogo, alla fin fine, non è più quello fatto di emozioni e parole, ormai fagocitate e riproposte svuotate del loro originario significato, bensì di opere, fatti, azioni. Ma, e questa è la mia speranza ed il mio auspicio, che siano opere, fatti, azioni non solo commerciali di “roba” senz’anima, bensì anche sociali, culturali, artistici. La fede senza le opere è vana si potrebbe dire, chiosando San Paolo. Ed è a partire da ciò che con la mia opera pittorica visibile e concreta ho voluto rinnovare la dimensione del dialogo, il suo recupero, la sua rivalutazione. Ho cercato di far “rinascere” il Dialogo, morto e travolto dal “Diluvio”, come una Fenice dalle sue ceneri (“In sogno”). Anche se quelle di oggi mi paiono, più che ceneri, macerie (“Improbabile volo”)” (tratto dal catalogo delle mostre).

Lo stile è quello collaudato di sempre “uno stile superbo ed impeccabile [che] si unisce [ad] un eccezionale senso del colore evocato nelle tonalità più diffuse e profonde, solcate da suggestivi giochi di luce” come scrive Salvatore Italia in catalogo.

Questo, disponibile in entrambe le sedi espositive ed edito da SKIRA, oltre ai contributi dello stesso autore e del capo dipartimento del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, si avvale della presentazione di Amnon Barzel che si aggiunge così alla lunga lista di critici che nel corso degli anni hanno commentato l’opera di questo artista.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram