Alberto Moretti - Tra astrattismo geometrico e informale 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CANTIERE D'ARTE ALBERTO MORETTI ​ Via Castello 38 Carmignano 59015

Carmignano (PO) - dal 15 aprile al 2 luglio 2006

Alberto Moretti - Tra astrattismo geometrico e informale
[leggi la recensione]

Alberto Moretti - Tra astrattismo geometrico e informale
[leggi la recensione]
Lavoratori 1945-46
 [Vedi la foto originale]
CANTIERE D'ARTE ALBERTO MORETTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Castello 38 (59015)
+39 0558712107
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

un nucleo importante di opere dell’artista degli anni Quaranta e Cinquanta
orario: su appuntamento
Cappella di San Luca, Propositura di San Michele: da venerdì a domenica e festivi (17 aprile, 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno 2006) dalle ore 16.00 alle ore 19.00
Rocca di Carmignano: dal 1 aprile al 30 settembre, giovedì sabato e domenica ore 15.00-19.00. Oppure apertura su prenotazione
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 aprile 2006. ore 16 alla Propositura di San Michele
pre 17 all'Archivio Alberto Moretti
catalogo: con un ampio repertorio iconografico e testo critico di Marco Meneguzzo
ufficio stampa: AMBRA NEPI
curatori: Raul Dominguez, stefano pezzato
autori: Alberto Moretti
patrocini: Archivio Alberto Moretti/Galleria Schema
note: altre sedi: Cappella di San Luca nella Propositura di San Michele (piazza SS. Francesco e Michele), Rocca di Carmignano
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Con la mostra “Alberto Moretti tra astrattismo geometrico e informale” dal 15 aprile al 2 luglio 2006 a Carmignano, città natale dell’artista, prosegue il Progetto Cantiere d’arte Alberto Moretti promosso dalla Regione Toscana, TRA ART - rete regionale per l’arte contemporanea, Provincia di Prato, Comune di Carmignano e Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

L’esposizione realizzata dal Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, avvalendosi del patrimonio dell’Archivio Alberto Moretti/Galleria Schema, presenta per la prima volta un nucleo importante di opere dell’artista degli anni Quaranta e Cinquanta: dagli esordi di matrice figurativa, alle esperienze astratto-geometriche e in seguito informali, documentando la partecipazione ai movimenti d’arte astratta e i primi riconoscimenti ottenuti a livello nazionale ed internazionale.

50 dipinti su tela, masonite, tavola e carta, tra cui le visionarie “Carte Abissali”; 40 disegni e 20 stampe (xilografie, serigrafie e la serie completa delle litografie edite a Firenze dalla rivista "La Nuova Città" diretta dall'architetto Giovanni Michelucci, 1952); pubblicazioni e preziosi documenti d’archivio. In mostra importanti inediti tra cui un autoritratto dell'artista su carta del 1942, un piccolo "Paesaggio" carmignanese dipinto nel 1946, numerosi disegni figurativi e astratti dell'immediato dopoguerra, una serie di composizioni pittoriche realizzate in forma di trame di tessuto, olii e tempere che documentano l'originale fase di passaggio dall'astrazione geometrica all'informale nei primi anni Cinquanta.

Alberto Moretti (1922) può essere considerato uno dei maggiori sperimentatori e animatori del dibattito artistico in Toscana lungo un arco temporale che va dal 1945 ad oggi. L'artista ha fondato e diretto a Firenze dal 1972 al 1994 la Galleria Schema, punto di riferimento in Italia delle neoavanguardie internazionali.

La mostra, curata da Raul Dominguez e Stefano Pezzato in stretta collaborazione con l’artista, è dislocata in due sedi a Carmignano: presso i suggestivi spazi espositivi della Cappella di San Luca nella Propositura di San Michele e nell’Archivio Alberto Moretti. Completa l’esposizione, la visita alle opere di arte contemporanea nella Rocca medievale di Carmignano, realizzate in occasione della mostra “Moto a Luogo” del 2003 e diventate permanenti.

L’esposizione offre anche l’occasione per riscoprire uno dei luoghi più affascinanti di tutta la Regione Toscana, che conserva capolavori assoluti come la “Visitazione” del Pontormo.

“Alberto Moretti tra astrattismo geometrico e informale” si inserisce in un progetto più vasto, iniziato nel 2003, denominato “Cantiere d’arte Alberto Moretti” che ha l’obiettivo di valorizzare l’esperienza di un artista, tra i più significativi della contemporaneità in Toscana, e della Galleria Schema da lui diretta fino agli anni ’90.

Nell’ambito di questo progetto sono state già realizzate, la mostra Moto a luogo (Rocca di Carmignano, 2003, a cura di Saretto Cincinelli) e la successiva acquisizione di quattro opere diventate permanenti (installazioni di Paolo Fabiani, Liliana Moro, Paolo Parisi, Bernhard Rudiger) l’esposizione “Alberto Moretti: lo Studio e la Collezione (Studio Alberto Moretti, 2004); una prima ricognizione del patrimonio dell’archivio dell’artista e della Galleria Schema.

Recentemente, dal 22 dicembre 2005 al 5 febbraio 2006, al Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci è stata presentata una significativa selezione di opere pittoriche e fotografiche, realizzate dall'artista nei primi anni Novanta, intitolata “Ultime Ricerche”. Quest’ultima esposizione ha dato inizio al Progetto Alberto Moretti a Carmignano di cui la mostra odierna è la seconda tappa.

In occasione della mostra sarà realizzato un catalogo edito dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci delle opere del periodo relativo alla mostra, con un ampio repertorio iconografico e testo critico di Marco Meneguzzo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram