Cuba. Avanguardie 1920-1940 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO BRICHERASIO ​ Via Giuseppe Luigi Lagrange 20 Torino 10123

Torino - dal 13 luglio all'otto ottobre 2006

Cuba. Avanguardie 1920-1940
[leggi la recensione]

Cuba. Avanguardie 1920-1940
[leggi la recensione]
Amelia Pelaéz
(1896 – 1968)
Frutas 1944
Tempera su carta
Cm 42 x 48,9


 [Vedi la foto originale]
PALAZZO BRICHERASIO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giuseppe Luigi Lagrange 20 (10123)
+39 0115711811 , +39 0115711850 (fax)
info@palazzobricherasio.it
www.palazzobricherasio.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’esposizione presenta, per la prima volta in Italia, i più importanti artisti attivi a Cuba tra gli anni Venti e gli anni Quaranta del Novecento, dando l’opportunità al visitatore di cogliere le peculiarità del ruolo svolto dalla pittura nel contesto del movimento moderno cubano
orario: dal 14 luglio al 3 settembre:
da martedì a domenica 15.30 - 22.30
giovedì: 10.30 – 22.30
chiusura: lunedì
dal 4 settembre all’8 ottobre:
lunedì: 14.30 – 19.30
da martedì a domenica: 9.30 – 19.30
apertura serale: giovedì e sabato fino alle 22.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: € 7,00
Gruppi e convenzioni: € 6,00
Ridotto: € 5,00
Bambini (6 – 14 anni): € 3,50
vernissage: 13 luglio 2006. ore 21
editore: ELECTA
curatori: Humiliana LLilian LLanes
autori: Eduardo Abela, Mario Carreño, Victor Manuel García, Antonio Gattorno, Wilfredo Lam, Amelia Peláez, Marcelo Pogolotti, René Portocarrero, Carlos Enriquez Mariano Rodriguez
patrocini: Ambasciata di Cuba in Italia
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In collaborazione con il Museo Nacional de Bellas Artes de l’Habana e l’Istituto Valenciano de Arte Moderno (IVAM) di Valencia il 14 luglio arriva a Torino, nelle sale di Palazzo Bricherasio, la mostra CUBA. Avanguardie 1920 - 1940, dedicata al movimento che nasce nell’isola caraibica nella metà degli anni Venti del Novecento.

L’esposizione, patrocinata dall’Ambasciata di Cuba in Italia e curata da Humiliana LLilian LLanes, presenta , per la prima volta in Italia, i più importanti artisti attivi a Cuba tra gli anni Venti e gli anni Quaranta del Novecento, dando l’opportunità al visitatore di cogliere le peculiarità del ruolo svolto dalla pittura nel contesto del movimento moderno cubano.

Il percorso della mostra è suddiviso in tre nuclei che ripercorrono le tappe fondamentali della modernizzazione della pittura cubana e l’universo formale e concettuale in cui agirono artisti quali Victor Manuel García, Antonio Gattorno, Amelia Peláez, Eduardo Abela, Marcelo Pogolotti, Carlos Enriquez Mariano Rodriguez, René Portocarrero, Mario Carreño, Wifredo Lam.

Il primo, incentrato sulla donna e sul ritratto femminile, tradizionalmente presenti nell’arte cubana, si propone di segnalare gli elementi di continuità e la rottura delle vecchie formule nell’opera pittorica dei moderni. I quadri esposti sottolineano come la figura femminile abbia fatto parte del processo di rivendicazioni estetiche portate avanti dal movimento e - di conseguenza - il cambio di prospettiva introdotto dalle avanguardie nella rappresentazione della donna. Molto interessante anche il tema della coppia: ampliato il mondo di riferimento entro cui questa si colloca, consente una riflessione intorno alla sensualità, elemento all’epoca già riconosciuto come distintivo della personalità del cubano. In questo contesto spicca l’opera di Carlos Enríquez, la cui serie di nudi e di donne in atteggiamento omosessuale costituì uno schiaffo al conservatorismo imperante, fatto che lo inserisce tra le personalità più progredite del suo tempo.

Il secondo nucleo si concentra sulla visione introdotta dalla pittura moderna in relazione alle tesi sull’identità culturale, che è stata la base degli ideali avanguardisti. Si sviluppa attraverso alcune opere che riflettono il protagonismo che i pittori di questo movimento attribuirono alla campagna cubana e al mondo contadino, così come si legge chiaramente anche l’enfasi data alle vestigia coloniali esistenti nelle città. Ma non è la suggestione del paesaggio che interessa agli artisti, bensì i personaggi che popolano l’ambiente rurale: il rigore, il contadino, l’uomo e la donna dei campi, la vita quotidiana di quegli esseri e i loro miti.

Infine, nel terzo nucleo s’incontra l’opera di Marcelo Pogolotti, colui il quale per i suoi importantissimi contributi dovrebbe essere considerato l’iniziatore della corrente sociale nella pittura dell’isola.

Lo splendore di Cuba e della sua poetica urbana sono ancora in auge da quando questi geni hanno lasciato il loro segno nell’arte nazionale, contribuendo alla sua grandezza e creando un nuovo sistema di valori che da allora perdura con la stessa resistenza e interezza rispecchiata in questa mostra.
 
documenti
documento Word  testo Llanes [140 kb] 

(30/05/2006 21:11:21)
documento Word  Biografie Artisti [76 kb] 

(30/05/2006 21:11:04)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram