Una stanza ritrovata. Il restauro della Piccola Sacrestia di Santa Maria delle Grazie 3098 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE E SAGRESTIA DEL BRAMANTE ​ Via Caradosso 1 Milano 20123

Milano - dal 6 giugno al 30 settembre 2006

Una stanza ritrovata. Il restauro della Piccola Sacrestia di Santa Maria delle Grazie

Una stanza ritrovata. Il restauro della Piccola Sacrestia di Santa Maria delle Grazie
CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE E SAGRESTIA DEL BRAMANTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Caradosso 1 (20123)
+39 024676111
centro@grazieop.it
www.grazieop.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

A Santa Maria delle Grazie apre al pubblico la Piccola Sacrestia del convento, prezioso ambiente rinascimentale finora non visibile al pubblico e al cui restauro viene dedicata una mostra, allestita nel chiostro adiacente
orario: tutti i giorni dalle ore 8.30 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 19.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 6 giugno 2006.
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA
telefono evento: +39 02667351
genere: documentaria, arte antica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dopo circa 15 mesi di lavori, sarà possibile visitare - per la prima volta - la Piccola Sacrestia di Santa Maria delle Grazie: un intervento di restauro estremamente delicato ha permesso di recuperare ed aprire al pubblico un prezioso ambiente nel cuore di uno dei massimi capolavori dell’architettura rinascimentale di Milano. La Piccola Sacrestia, era adibita da anni a piccolo deposito e si trovava in evidente stato di degrado, come documentato dalle immagini riprese prima dell’inizio dei lavori. Questo locale, che collega il coro al chiostro bramantesco e si trova accanto al vano del campanile, è stato realizzato nell’ambito dei grandiosi lavori di ampliamento e di decorazione del convento domenicano tra la fine del 1400 e l’inizio del 1500. L’interno, di limpide forme rinascimentali, è caratterizzato da una rigorosa articolazione geometrica, con cornici, tondi e riquadri: sono stati recuperati e valorizzati gli affreschi che ornano le pareti e ritraggono le figure dei Santi più rappresentativi dell’Ordine domenicano, affiancati da serie ordinate di motivi floreali.

Poco dopo l’inizio dei lavori, su una parete, nascosto da un armadio, è stato rinvenuto un frammento di dipinto murale raffigurante una “Madonna con Bambino”; dai primi studi condotti il dipinto risalirebbe agli inizi del 1500 e sembrerebbe appartenere all’ambito stilistico leonardesco. Per tutte le opere di restauro e in particolare per questo frammento pittorico sono state utilizzate indagini diagnostiche di altissimo livello tecnologico, in considerazione anche della particolare valenza religiosa e storica del sito. Il restauro - come anche la realizzazione della mostra - è stato interamente sostenuto da Grandi Stazioni, a testimonianza di come pubblico e privato operando insieme nel rispetto dei propri ruoli, possano giungere a risultati di grande valore come la salvaguardia di una piccola ma importante parte delle più alte espressioni dell'architettura rinascimentale a Milano.

I lavori sono stati condotti dalla dr.ssa Paola Villa di Milano, che già si era occupata del restauro delle superfici esterne della tribuna bramantesca, sotto la direzione dell’Architetto Libero Corrieri della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano Parallelamente ai lavori di restauro è stato progettato e realizzato l’impianto di illuminazione che esalterà tutte le particolarità di questo piccolo ambiente. In coincidenza con la conclusione dei lavori di restauro e di valorizzazione, viene allestita lungo le pareti del Chiostro bramantesco una mostra illustrativa, sotto forma di percorso di lettura, che introduce il visitatore alla storia di Santa Maria delle Grazie e spiega le fasi del restauro della piccola Sacrestia.

Il significato storico e culturale di questa esperienza sarà raccolto in un volume di approfondimento edito da Electa.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram