Guido Guidi 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva JARACH GALLERY ​ Campo San Fantin (San Marco) 1997 Venezia 30124

Venezia - dal 28 luglio al 15 ottobre 2006

Guido Guidi

Guido Guidi

 [Vedi la foto originale]
JARACH GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Campo San Fantin (San Marco) 1997 (30124)
Venezia
+39 0415221938 , +39 0412778963 (fax)
info@jarachgallery.com
www.jarachgallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

48 fotografie di Guido Guidi con un reading di Vitaliano Trevisan
orario: Dal martedì alla domenica 15,00 - 20,00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 28 luglio 2006. ore 18-22
editore: ELECTA
curatori: Antonello Frongia
autori: Guido Guidi
note: Sabato 9 settembre 2006, ore 18: presentazione del libro e reading
genere: fotografia, inaugurazione, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Jarach Gallery di Venezia inaugura la propria attività espositiva sulla fotografia contemporanea con una mostra di lavori inediti di Guido Guidi e un reading dello scrittore Vitaliano Trevisan. La mostra e il volume che l'accompagna sono l'esito di un dialogo tra il fotografo e lo scrittore, che da prospettive differenti hanno riflettuto sul rapporto tra esterno e interno, sulla "superficialità" del nostro paesaggio quotidiano e sulle possibilità di una riappropriazione attraverso il lavoro parallelo della memoria visiva e verbale.

La serie di 48 fotografie di Guidi (realizzate in varie località dal 1997 ad oggi) riprende una ricerca avviata negli anni settanta sugli spazi domestici come luoghi di luce e di ombre, sulla casa come camera oscura dell'esistenza. Guidi rinnova questo suo "viaggio intorno alla mia stanza" portando la meditazione anche verso l'esterno, e anzi interiorizzando le superfici del paesaggio attraverso una meditazione geografica, biografica e metaforica. In questo lavoro è il mondo stesso ad essere visto come fotografia, materia sensibile animata dalla luce che la percorre. Guidi ricerca le diverse qualità della luce che trascolora su una parete o sulla pelle di una persona; interroga i palinsesti di segni e di scritte in un sottopassaggio, su un palo, in un'aula scolastica; ritrova nella cella di un carcere il bisogno di animare i luoghi con i desideri e con la presenza del corpo. Si tratta di immagini di luoghi comuni, che si inscrivono in una tradizione del vedere come tentativo di "chiarificazione": dalla trasparenza di Mies van der Rohe evocata in un'immagine dello IIT di Chicago alla luce netta di Walker Evans, dai "primitivi" del quattrocento italiano lla la pittura di Morandi.

Il racconto scritto per l'occasione da Vitaliano Trevisan anima la scena chiara di Guidi con la presenza di un personaggio che allo stesso tempo osserva, ricorda e agisce - e agisce precisamente modificando ciò che vede e ricorda. Anche per Trevisan si tratta di una meditazione avviata in lavori passati: spunti di questo racconto si trovano già in Standards vol. I e ne I quindicimila passi. Ma forse l'aspetto più interessante di questo esperimento tra fotografia e scrittura è la capacità della narrazione di sbalzare lo sguardo dalla sua pace contemplativa e di riattivare storie possibili a partire dalle tracce fotografiche. Trevisan ci indica come le fotografie di Guidi (e forse tutte le fotografie) siano fatte per essere riguardate e abitate, allo stesso tempo finestre sul mondo e specchi sensibili che attendono di essere animati dalle nostre proiezioni individuali.


Gli autori

Guido Guidi (1940) ha esposto nei maggiori musei internazionali e ha pubblicato numerose monografie, tra cui Lo spazio della quiete (1983), Varianti (1995), In Between Cities. Un itinerario attraverso l'Europa 1993/1996 (2003) e Bunker (2006). Insegna alla Facoltà di design e arti dell'Università Iuav di Venezia.

Vitaliano Trevisan (1960) è scrittore, musicista, sceneggiatore e attore. Tra i suoi ultimi libri si segnalano I quindicimila passi (2002), Standards. Vol. I (2002), Un mondo meraviglioso (2003), Wordstar(s). Trilogia della memoria (2004) e Shorts (2004). È stato co-sceneggiatore e protagonista del film Primo amore (2003) di Matteo Garrone.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram