Douglas Gordon - pretty much every word written, spoken, heard, overheard from 1989... 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MART ​ Corso Angelo Bettini 43 Rovereto 38068

Rovereto (TN) - dal 6 ottobre 2006 al 21 gennaio 2007

Douglas Gordon - pretty much every word written, spoken, heard, overheard from 1989...
[leggi la recensione]

Douglas Gordon - pretty much every word written, spoken, heard, overheard from 1989...
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MART
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Angelo Bettini 43 (38068)
+39 0464438887 , +39 0464430827 (fax), 800397760
info@mart.trento.it
www.mart.trento.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Douglas Gordon, nato nel 1966 a Glasgow, è tra i più significativi artisti della grande stagione britannica degli anni Ottanta-Novanta. Nel 1996 ha vinto il Turner Prize, il più prestigioso premio internazionale per l'arte contemporanea. Il Mart lo presenta ora per la prima volta al pubblico italiano con una mostra di ampio respiro - presenti anche i video "24 Hour Psycho"(1993) e "Play Dead; Real Time" (2003) - e un'opera appositamente creata per il museo
orario: mar. – dom. 10.00 - 18.00
ven. 10.00 - 21.00
lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero: euro 8
ridotto: euro 5
gratuito fino a 14 anni
scolaresche: euro 1 per studente
biglietto famiglia (valido per tutti i componenti di un nucleo famigliare): euro 20
gratuito per gli Amici del Museo
vernissage: 6 ottobre 2006. ore 18
editore: SKIRA
curatori: Mirta d’Argenzio, Giorgio Verzotti
autori: Douglas Gordon
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Douglas Gordon al Mart

pretty much every word written, spoken, heard, overheard from 1989…


Sarà il Mart a ospitare pretty much every word written, spoken, heard, overheard from 1989…, la prima mostra museale di Douglas Gordon in Italia.

Dal 7 ottobre 2006 al 21 gennaio 2007 il Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto presenterà una retrospettiva dell’artista britannico e una nuova installazione pensata appositamente per il Mart. Inaugurazione venerdì 6 ottobre 2006 alle ore 18.

Douglas Gordon, vincitore del Turner Prize nel 1996, si è ormai distinto come uno dei più importanti artisti internazionali. Da sempre interessato al doppio registro espressivo della comunicazione verbale e di quella delle immagini in movimento, Gordon si è imposto per le sue video-installazioni di dimensioni inusitate, e per i suoi testi, stampati sui muri degli spazi espositivi nelle collocazioni più diverse, Negli ultimi dieci anni ha tenuto mostre nelle principali gallerie e nei maggiori musei del mondo. Ultimo della serie, il Museum of Modern Art di new York che quest’anno gli dedica una retrospettiva.

Gordon ha sempre considerato quello artistico come un ambito dove il pubblico si pone in relazione con l'opera, uno spazio aperto al dialogo e alle dinamiche sociali, un luogo dove riflettere sulla vita.

La mostra al Mart è stata pensata a partire da questa idea, e intende intervenire attivamente sugli spazi espositivi. Le opere in mostra, scelte dall'artista, sono 24 Hour Psycho , un video in cui l'artista interviene sul tempo reale per alterarlo, e sull'immagine in movimento per monumentalizzarla, in modo da modificare radicalmente la percezione consueta dello spazio reale. Le immagini sono quelle del film di Alfred Hitchcock Psycho, appunto, la cui durata viene distorta fino ad arrivare a 24 ore.

Play dead. Real time (2003) sarà la seconda video-installazione in mostra, giocata sulla doppia immagine, proiettata su schermi giganteschi, di un elefante da circo che, ammaestrato, “fa il morto”. Infine Pretty much every film and video... presenta tramite un gran numero di monitor televisivi una selezione di opere video dell'artista, dal 1992 ad oggi.

Questa parte verrà presentata nella galleria dedicata alle mostra temporanee, al buio, sezione alla quale i curatori Giorgio Verzotti e Mirta D'Argenzio hanno contrapposto una parte diurna, tutta giocata alla luce naturale: nel corridoio circolare che al Mart connette il mezzanino con il secondo piano, Gordon presenta un lavoro composto da tutti i tuoi testi verbali, ricontestualizzati in una nuova versione pensata appositamente per questo particolare spazio architettonico e con l’aggiunta di un testo nuovo, anch’esso realizzato per il Mart.

Il catalogo, edito da Skira, documenta l’attività di Douglas Gordon in Italia. Nel nostro paese l’artista ha esposto fin dal 1992, quando al cafè Picasso di Roma ha realizzato uno dei suoi “Instruction Piece”. In seguito, ha partecipato a collettive in gallerie e spazi espositivi fino a partecipare alla Biennale di Venezia del 1997 e 1999. La sua più recente mostra italiana si è tenuta, in coppia con Philippe Parreno, alla Fondazione Davide Halevim di Milano nel 2006.

Il catalogo documenterà queste partecipazioni con le immagini delle opere esposte e con una elaborazione grafica relativa al “text work” realizzato per il nostro museo.

Douglas Gordon

Douglas Gordon, nato in Scozia nel 1966, si esprime con video installazioni, film, fotografie, oggetti e testi verbali. Con questi diversi linguaggi indaga prolematiche vicine all'introspezione psicologica, la ricerca dell'identità, i concetti di innocenza e colpevolezza, la tensione fra i principi opposti di bene e male, segni del suo interesse per un profondo scandaglio della condizione umana.

Molto conosciuto ormai per le sue installazioni video dove riutilizza sequenze da famosi film hollywoodiani, Gordon ha studiato a The Glasgow School of Art e a The Slade School of Fine Arts, a Londra. A Glasgow le sue performaces sono state molto seguite nel mondo dell'arte fra i tardi anni ottanta e i primi novanta. L'opera che maggiormente ha attirato l'attenzione internazionale è 24 Hours Psycho, dove il famoso film di Hitchcock viene proiettato alla surreale lentezza di 24 ore. Gran parte del lavoro dell'artista indaga sulle culture popolari, dai film come "La finestra sul cortile" o "L'Esorcista" o "Taxi Driver" fino a documentari anonimi, per studiare i processi percettivi e per interferire con le aspettative dello spettatore.

Nella sua carriera, Gordon ha ricevuto importanti premi internazionali quali il Turner Prize nel 1996, il premio della Biennale di Venezia nel 1997 e l' Hugo Boss Prize nel 1998. Recentemente ha tenuto mostre antologiche a New York e in Scozia.

A cura di Giorgio Verzotti e Mirta D'Argenzio

Con il contributo della Fondazione Davide Halevim
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram