Sergio Zanni - di Ulisse e d'altri viandanti 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA FORNI ​ Via Farini 26 Bologna 40124

Bologna - dal 18 novembre al 12 dicembre 2006

Sergio Zanni - di Ulisse e d'altri viandanti

Sergio Zanni - di Ulisse e d'altri viandanti
Viandante part.
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA FORNI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Farini 26 (40124)
+39 051231589 , +39 051268097 (fax)
forni@galleriaforni.com
www.galleriaforni.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Sculture di piccole, medie ma anche grandissime dimensioni (fino a 2 metri di altezza) saranno esposte in questa occasione per rappresentare quanto più ampiamente possibile gli innumerevoli temi e cicli di opere che si sono susseguiti nei quarant'anni di lavoro che Sergio Zanni ha dedicato alla scultura
orario: 9,30-13 e 16-19,30. Chiuso lunedì mattina e festivi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 18 novembre 2006. ore 18
editore: SKIRA
autori: Sergio Zanni
note: Presentazione monografia: giovedì 30 novembre, ore 18
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Sculture di piccole, medie ma anche grandissime dimensioni (fino a 2 metri di altezza) saranno esposte in questa occasione per rappresentare quanto più ampiamente possibile gli innumerevoli temi e cicli di opere che si sono susseguiti nei quarant'anni di lavoro che Sergio Zanni ha dedicato alla scultura.

La difficile battaglia per la sopravvivenza sembra essere il tema dominante nel lavoro di Zanni eppure le sue opere, tutt'altro che angoscianti, invitano al sorriso per via di una ricerca condotta da sempre sul filo dell'ironia e costantemente pervasa di poesia: dai titanici kamikaze alle piccole e misteriose figure dall'ampio cappotto, dai fragili equilibristi agli imponenti "Giganti di sabbia", tutti sembrano evocare la precarietà dell'esistenza mitigata da un candido stupore che riconduce all'infanzia.

Come suggerisce il titolo della mostra, le opere in esposizione saranno prevalentemente concentrate sul tema dei viandanti: gli arcani condottieri paradossalmente solitari (tratti dal ciclo dei "Custodi delle pianure"), i viaggiatori e avventurieri senza meta, artisti erranti ed imperscrutabili personaggi con grandi zaini, tutti rigorosamente con le mani in tasca, il volto coperto da grandi cappelli e l'alone di mistero che immancabilmente li avvolge.

Diversi materiali hanno assecondato le esigenze formali di un cammino artistico continuamente in divenire. Dai primi "mostri meccanici", così definiti dall'artista, realizzati in scagliola e filo di ferro, all'adozione della terra creta, alle fusioni in bronzo fino al polistirolo ricoperto di iron-ball, materiale sintetico utilizzato in scenografia.

Le sculture in esposizione saranno prevalentemente in terracotta, non mancheranno però alcuni pezzi in bronzo ed altri, quelli di dimensioni più grandi, in iron-ball.

"Le sculture di Zanni sono dei viaggi pieni di ricordi e di immaginazione, sono dei racconti fatti di poesia, di mito e di suggestione che seducono chi guarda e lo costringono a partire insieme all'Ulisse omerico all'equilibrista che sfida lo spazio, al kamikaze che affronta l'avventura con il piacere arcano di battersi, tutti in fondo alla ricerca del sé e del perché del nostro essere."
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram