Ironica. La leggerezza dell’ironia 3090 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA GRUPPO CREDITO VALTELLINESE / REFETTORIO DELLE STELLINE ​ Corso Magenta 59 Milano 20123

Milano - dal 28 novembre 2006 al 31 gennaio 2007

Ironica. La leggerezza dell’ironia
[leggi la recensione]

Ironica. La leggerezza dell’ironia
[leggi la recensione]
Gian Marco Montesano, Arcangelo Michele, 1990
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA GRUPPO CREDITO VALTELLINESE / REFETTORIO DELLE STELLINE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Magenta 59 (20123)
+39 0248008015 , +39 024814269 (fax)
galleriearte@creval.it
www.creval.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'esposizione si propone di analizzare la presenza di un particolare tipo di ironia nell’arte italiana degli ultimi decenni
orario: 12.00 – 19.00 da lunedì a sabato. Chiuso domenica e festivi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 28 novembre 2006. ore 18,30
catalogo: in mostra
ufficio stampa: IRMA BIANCHI
curatori: Valerio Dehò, Elena Pontiggia
autori: Vincenzo Agnetti, Alighiero Boetti, Aldo Damioli, Gino De Dominicis, Piero Gilardi, Corrado Levi, Salvatore Mangione, Aldo Mondino, Gian Marco Montesano, Luigi Ontani, Pino Pascali, Lisa Ponti, Tino Stefanoni
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il 28 novembre inaugura la mostra Ironica. La leggerezza dell’ironia alla Galleria Gruppo Credito Valtellinese di Milano a cura di Valerio Dehò ed Elena Pontiggia.

L'esposizione si propone di analizzare la presenza di un particolare tipo di ironia nell’arte italiana degli ultimi decenni. La parola ironia deriva dal greco "eironia", che significa "finzione" e può assumere diverse sfumature; esistono infatti infiniti generi di ironia, da quella clownesca a quella più sfuggente, che non appare a prima vista. La mostra si sofferma esclusivamente su quest’ultima, un'ironia leggera e sottile: un'ironia insomma che non si tramuta mai in smorfia accentuata, in irrisione aggressiva.

L’articolato percorso espositivo comprende tredici artisti, attivi tra gli anni '60 e '70 del secolo scorso, emblematici di questa linea espressiva: Gino De Dominicis, Pino Pascali, Alighiero Boetti, Aldo Mondino, Piero Gilardi, Salvo, Vincenzo Agnetti, Luigi Ontani, Corrado Levi, Gian Marco Montesano, Tino Stefanoni, Aldo Damioli, Lisa Ponti.

Tra le opere più significative si segnalano: la spontaneità imprevedibile di Pino Pascali con "Bombe Bombe Bambù", esemplare lavoro in cui le armi assumono una dimensione quasi ludica e insieme visionaria; "Il difensore dell'arte" del 1968 di Gian Marco Montesano che recupera la storia affrontando l'iconografia di Hitler e di Stalin, cosa che non ha riscontri nell'arte contemporanea; "La risata" di Gino De Dominicis, un’installazione incentrata sul suono provocato dal riso; "Autoritratto
Ali Adil Sha" di Salvo, che ripensa ironicamente al mescolarsi della civiltà occidentale e orientale nell'autoritratto in cui si dipinge in veste di autoritario sapiente arabo; "14 Telegrammi" di Vincenzo Agnetti, in cui l'artista indirizza a se stesso una serie di telegrammi scritti con frasi che mettono in crisi le certezze del linguaggio; la "Vetrata" di Aldo Mondino, in cui l'arte della decorazione è realizzata con impercettibile leggerezza ludica; le "Composizioni" di Tino Stefanoni, che possono essere considerate una sorta di enciclopedia di oggetti ironici; "Venezia New York" di Aldo Damioli, interscambio figurativo con Venezia che diventa New York, e viceversa la Grande Mela che si fa Città sull'acqua; le "Composizioni" di Lisa Ponti, che presentano famiglie di personaggi pudicamente fiabeschi; e l'installazione Denti dal Marocco di Corrado Levi, con i denti applicati su carta che giocano sull'idea di corporeità.

La mostra fa emergere il saper fare arte con velata e tagliente ironia, un'arte intelligente che si confronta sorridendo col passato, e nello stesso tempo esprime poeticità totale. L'ironia si propone quindi come gioco mentale, necessario per cogliere la profondità di uno sguardo critico sulla realtà che sta alla base di questi lavori. Il sorriso viene così a far parte dell’opera, privilegiando un rapporto diretto con lo spettatore, un suo coinvolgimento, anche se del tutto spontaneo, come protagonista: è un lavoro concettuale che parte dalla fisicità dell'opera per raggiungere l'intelletto dell'osservatore.

"Ironica. La leggerezza dell’ironia" è una raccolta di opere, anche poco conosciute al grande pubblico, di artisti sui generis, che attraverso tecniche diverse e spesso estremamente personali forzano l’uso del linguaggio tradizionale dell'arte fino a limiti inconsueti quanto divertenti.

Accompagna la mostra un catalogo con saggi dei curatori Valerio Dehò ed Elena Pontiggia e la riproduzione di tutte le opere in mostra
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram