Piero Marussig 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CIVICO MUSEO REVOLTELLA - GALLERIA D'ARTE MODERNA ​ Via Armando Diaz 27 Trieste 34123

Trieste - dal 24 novembre 2006 al 29 gennaio 2007

Piero Marussig

Piero Marussig

 [Vedi la foto originale]
CIVICO MUSEO REVOLTELLA - GALLERIA D'ARTE MODERNA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Armando Diaz 27 (34123)
+39 0406754350 , +39 0406754137 (fax)
revoltella@comune.trieste.it
www.museorevoltella.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un catalogo generale che dà lo spunto a una mostra per rendere omaggio all'importante figura di Piero Marussig, il solo artista triestino del ‘900 che abbia conquistato una fama nazionale e posizioni di primo piano nei più importanti musei d’arte moderna e nelle più prestigiose collezioni private
orario: lunedì: 9.00 > 18.00
mercoledì-domenica: 9.00 > 18.00
martedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 24 novembre 2006. ore 18
editore: SILVANA EDITORIALE
ufficio stampa: IRMA BIANCHI
curatori: Nicoletta Colombo, Claudia Gian Ferrari, Elena Pontiggia
autori: Piero Marussig
genere: arte contemporanea, personale
email: gferrari900@tin.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Un catalogo generale che dà lo spunto a una mostra per rendere omaggio all'importante figura di Piero Marussig, il solo artista triestino del ‘900 che abbia conquistato una fama nazionale e posizioni di primo piano nei più importanti musei d’arte moderna e nelle più prestigiose collezioni private.

Il Catalogo Generale, edito da Silvana Editoriale, rappresenta l’impegno di molti anni di lavoro e di ricerca, impegno che ha consentito di giungere a costituire un archivio scientificamente corretto, raccogliendo e schedando le immagini di tutte le opere di Marussig che è stato possibile reperire, con la sola esclusione dei disegni, e che può finalmente considerarsi un punto fondamentale per la ricostruzione critica e storica della sua arte. Gli studi approfonditi che hanno portato a tale esito, sono il risultato di una indagine complessa e impegnativa dalla quale sono emersi dipinti di straordinaria qualità, poco noti e a volte mai esposti.

La schedatura scientifica delle opere, a cura delle studiose Valentina Cisventi ed Elisabetta Staudacher, è preceduta da una nota introduttiva di Claudia Gian Ferrari. Seguono due saggi critici di Elena Pontiggia e Nicoletta Colombo dedicati, rispettivamente, alla lettura del profilo artistico di Marussig e alla sua storia critica. Infine, completano il volume una biografia, una bibliografia aggiornata e un elenco delle esposizioni e delle aste.

Dal 24 novembre 2006 al 29 gennaio 2007, il Museo Civico Rivoltella di Trieste ospita la mostra antologica "Piero Marussig (Trieste, 1879 - Pavia, 1937)"

La mostra antologica "Piero Marussig (Trieste, 1879 - Pavia, 1937)" a cura di Claudia Gian Ferrari, Elena Pontiggia e Nicoletta Colombo, che si inaugurerà il 24 novembre nelle sale del Civico Museo Revoltella di Trieste, sarà l’occasione per presentare contestualmente e nella sede più prestigiosa e correlata all’artista, l’importante pubblicazione del Catalogo Generale, ricco di ben 800 schede.

Dopo oltre vent’anni dall’ultima presentazione pubblica, si è fatta viva la necessità di riproporre la personalità e l’opera di Piero Marussig nella sua città natale per il fascino che continua a esercitare sul pubblico e sugli studiosi, malgrado le rare apparizioni, il suo stile personalissimo, fatto di echi secessionisti e di influssi classici; non solo, ma anche perché l’analisi scientifica e l’indagine critica della sua vicenda artistica, consente di fare luce anche sul dinamico e dialettico contesto triestino degli anni che precedono la prima guerra mondiale fino alla fine del secondo decennio.

La mostra propone una sessantina di opere, suddivise in quattro sezioni: il periodo mitteleuropeo; il momento parigino del 1905, anno in cui l’artista conosce l’impressionismo e il post-impressionismo; Milano e il “Novecento italiano”; i paesaggi e le nature morte degli anni trenta, ovvero dell’ultima, importante, stagione dell’artista, prima della precoce morte a soli 58 anni.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram