Carlo Scarpa e la Tomba Brion 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ORDINE DEGLI ARCHITETTI ​ Via Saragozza 175 Bologna 40135

Bologna - ven 17 novembre 2006

Carlo Scarpa e la Tomba Brion

Carlo Scarpa e la Tomba Brion
ORDINE DEGLI ARCHITETTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Saragozza 175 (40135)
+39 0514399016
www.bo.archiworld.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

una conversazione con Dino Gavina, Mario Lupano, Alessandro Marata, Giorgio Praderio e Giampiero Romanzi
biglietti: free admittance
vernissage: 17 novembre 2006. ore 17.30
editore: ELECTA, MARSILIO
autori: Carlo Scarpa
genere: architettura, incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nell'occasione delle celebrazioni del Centenario della nascita di Carlo
Scarpa e della pubblicazione dei volumi di Erilde Terenzoni (a cura di)
Carlo Scarpa.I disegni per la Tomba Brion (Electa) e di Vitale Zanchettin
Il complesso monumentale Brion (Marsilio) il giorno venerdì 17 novembre
2006, alle ore 17,30, presso l'Ordine degli Architetti di Bologna (Via
Saragozza 175/177) si terrà una conversazione con Dino Gavina, Mario
Lupano, Alessandro Marata, Giorgio Praderio e Giampiero Romanzi.

La Tomba Brion si trova nel Comune di San Vito d'Altivole (TV) ed è
l'ultima opera del maestro veneziano: la sua progettazione e l'esecuzione
lo impegnano dal 1969 (anno in cui gli viene affidata la committenza da
parte di Onorina, vedova di Giuseppe Brion, fondatore della Brionvega) fino
alla sua morte, nel 1978.
I disegni sono realizzati con le tecniche tipiche di Scarp: matita a mano
libera, matite colorate, inchiostri di china su supporti a volte inusuali
come i cartoncini "camoscio" e le veline gialle donategli da Louis Khan

Il Progetto Nuove Istituzioni Museali promuove questo incontro con
l'intento di far conoscere ulteriormente l'opera di Carlo Scarpa, ma anche
di mettere in evidenza alcuni aspetti scientifici relativi all'utilizzo
"filologico" dell'archivio, ai fini della progettazione di interventi di
restauro e manutenzione, dell'analisi e studio delle tecniche e dei
materiali, della storia e delle fasi dell'opera.
Un ricordo che Bologna deve a un artista che, insieme a Dino Gavina,
l'aveva resa uno dei punti di riferimento del design d'arredamento.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram