Oltre l'Occidente 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva COMPLESSO DELLE LUCREZIE ​ Via Paolo Rolli Todi 06059

Todi (PG) - dall'otto dicembre 2006 al 4 febbraio 2007

Oltre l'Occidente

Oltre l'Occidente

 [Vedi la foto originale]
COMPLESSO DELLE LUCREZIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Paolo Rolli (06059)
+39 0758944148
todi@sistemamuseo.it
www.sistemamuseo.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

rappresentazioni estreme nei tessuti orientali
orario: 10 – 13; 14;30 – 18 (lunedì chiuso)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 8 dicembre 2006. ore 17,30
editore: SKIRA
ufficio stampa: ACAS SERVICES
curatori: Graziano Marini, Enrico Mascelloni
patrocini: REGIONE UMBRIA; PROVINCIA DI PERUGIA; COMUNE DI TODI
genere: arti decorative e industriali, arte etnica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Quante volte, osservando un tessuto orientale, viene spontaneo leggerci delle forti similitudini con opere celebri dell’arte contemporanea occidentale? Fin troppo spesso, sembra lecito rispondere. E se una parte dell’arte d’oggi resta visualmente estrema e radicale, lo sono e lo son state anche alcune esperienze tessili. Tuttavia risultano pressoché ignote in occidente e questa mostra intende presentarne alcune tra le più sorprendenti.

“Il criterio è far conoscere delle rappresentazioni estreme in un linguaggio d’immensa gittata com’è quello del tessuto e in un territorio vastissimo che va dall’Iraq alla Cina. In un mondo, quindi, in cui il tessuto è stato e in parte ancora resta il nodo di massima eccellenza tecnica di molte civiltà e d’innumerevoli culture. Qualcosa di simile, per chiarirne l’importanza, a ciò che è stata la pittura in occidente sino a tempi recenti. In quanto “rappresentazioni estreme”, assai diverse dalla stragrande maggioranza dei tessuti orientali vecchi e nuovi che hanno circolato in Occidente (e spesso poco note anche in oriente), hanno relazioni strettissime con le più audaci esperienze visuali dell’arte contemporanea. Sono state infatti scelte da occhi occidentali e volenti o nolenti innescano meccanismi comparativi con l’arte di casa nostra” (Graziano Marini e Enrico Mascelloni, dal saggio che introduce il catalogo)

Verranno presentate 90 opere a volte di notevoli dimensioni e di eccezionale qualità, allestite negli spazi suggestivi della Sala delle Pietre e del Nido dell’Aquila. I tappeti di propaganda dello Xing-Xiang (anni ’40-60) e i Tappeti di guerra afghani (dagli anni ’80 ad oggi), protagonisti di un mondo iperfigurativo che si misura con la contemporaneità più calda, convivono con opere che sembrano appartenere a tradizioni immutate e remote e dove l’astrazione tende sia ad un radicale minimalismo che ad un’occupazione fittissima di tutto il campo visivo: antichi feltri centroasiatici, Julakhirs di Buchara e Samarkand, Kilim anatolici e caucasici, grandi teli ricamati ( a volte Kilim) del Sind, del Beluchistan e dei territori della Frontiera di Nord-Ovest (area pakistana a ridosso dell’Afghanistan, che, come si vedrà, non produce soltanto le armi per Al Quaeda), tessuti Zoroastriani e teli Qashqa'i dell’Iran.

La rassegna è organizzata da Acaservices Eventi e si avvale di un catalogo per i tipi SKIRA editore che contiene i testi di Alessandro Fantò, Graziano Marini e Enrico Mascelloni, la riproduzione di tutte le opere in mostra, foto di repertorio, schede e apparati bibliografici.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram