Antony Gormley - Critical Mass 3053 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA ​ Via Luigi Settembrini 79 Napoli 80139

Napoli - dall'undici dicembre 2006 al 15 febbraio 2007

Antony Gormley - Critical Mass

Antony Gormley - Critical Mass

 [Vedi la foto originale]
MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Luigi Settembrini 79 (80139)
+39 08119313016
www.museomadre.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Antony Gormley sarà il primo artista a utilizzare l'imponente cortile interno del Madre, presentando un nuovo allestimento, rielaborato site-specific di una delle sue installazioni più famose e complesse “Critical Mass" del 1995
orario: dal lunedì al giovedì e domenica dalle ore 10.00 alle 21.00; venerdì e sabato dalle ore 10.00 alle 24.00. Chiuso il martedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: € 7.00
Ridotto: € 3.50
vernissage: 11 dicembre 2006. ore 18.30
editore: ELECTA
ufficio stampa: CIVITA
curatori: Eduardo Cycelin
autori: Antony Gormley
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Antony Gormley sarà il primo artista a utilizzare l'imponente cortile interno del Madre, presentando un nuovo allestimento, rielaborato site-specific di una delle sue installazioni più famose e complesse "Critical Mass" del 1995. Antony Gormley è uno dei più noti scultori inglesi contemporanei; fin dai primi anni settanta si è dedicato con coerenza ad una ricerca che parte dalla rivisitazione dell'idea di monumento utilizzando la figura umana. L'artista usa il corpo come misura e matrice, come punto di partenza per realizzare figure che, attraverso la loro particolare disposizione nello spazio, assumono connotati domestici e al tempo stesso estranianti. Sebbene la forma originaria sia quindi sempre quella della sagoma dell'artista stesso, la sua non è un'opera strettamente autobiografica, ma piuttosto un "veicolo" per interrogarsi sui grandi quesiti esistenziali: "la scultura, per me, usa mezzi fisici per parlare dello spirito, il peso per parlare della sua assenza, la luce per parlare del buio, un medium visivo per rimandare a cose che non possono essere viste" (Gormley). Antony Gormley è nato a Londra nel 1950. Dopo aver completato gli studi di archeologia, antropologia e storia dell'arte al Trinity College di Cambridge, fa un lungo viaggio in India per tornare a Londra tre anni dopo, completando gli studi alla Central School of Art del Goldsmiths College e alla Slade School of Art. Antony Gormley ha realizzato sculture per i maggiori musei di tutto il mondo, installazioni su ampia scala in Gran Bretagna e all'estero nonché alcuni dei lavori pubblici più significativi degli ultimi decenni (tra cui Field for the British Isles, Angel of the North). Da segnalare, inoltre, la sua partecipazione alla Biennale di Venezia del 1982, a Documenta 8 (1987), personali nelle maggiori gallerie inglesi (quali Whitechapel Gallery, Serpentine e White Cube) e il conferimento, fra gli altri, del prestigiosissimo Turner Prize nel 1994 e nel 1999 il South Bank Prize per le Arti Visive. Da giugno ad agosto 2006 un'altra grande installazione, Asian Field, sarà ospitata nell'ambito della Biennale di Sidney e nella primavera del prossimo anno sarà la Hayward Gallery di Londra a ospitare una sua importante mostra personale. Questo progetto è il primo di una serie al quale seguirà l'istallazione dell'artista francese Claude Closky a partire dalla fine di febbraio dell'anno prossimo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram