Michelangelo - Benché non sia mia professione... 3081 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASA BUONARROTI ​ Via Ghibellina 70 Firenze 50122

Firenze - dal 15 dicembre 2006 al 19 marzo 2007

Michelangelo - Benché non sia mia professione...

Michelangelo - Benché non sia mia professione...

 [Vedi la foto originale]
CASA BUONARROTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ghibellina 70 (50122)
+39055241752 , +39 055241698 (fax)
fond@casabuonarroti.it
www.casabuonarroti.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La grande rassegna presenterà tutte le opere ospitate a Vicenza presso il Centro Internazionale di Studi d'Architettura Andrea Palladio nella prima tappa della mostra, ma sarà arricchita da altri, fondamentali fogli del Buonarroti che non è stato possibile portare a Vicenza
orario: ore 9.30 - 14, chiuso il martedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero Euro 6,50, ridotto Euro 4,00
vernissage: 15 dicembre 2006.
editore: MARSILIO
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Guido Beltramini, Howard Burns, Caroline Elam
autori: Michelangelo Buonarroti
genere: arte antica, personale, disegno e grafica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
I più bei disegni di architettura di Michelangelo saranno esposti in Casa Buonarroti a Firenze dal 16 dicembre 2006 al 19 marzo 2007. La grande rassegna presenterà tutte le opere ospitate a Vicenza presso il Centro Internazionale di Studi d'Architettura Andrea Palladio nella prima tappa della mostra, ma sarà arricchita da altri, fondamentali fogli del Buonarroti che non è stato possibile portare a Vicenza.

Ad accogliere i visitatori sarà lo stesso Maestro proposto in un grande dipinto cinquecentesco che lo raffigura nel suo studio. L'antica tela sarà idealmente messa a confronto con un sorprendente "ritratto dal vivo" di Michelangelo, opera del fotografo Pino Guidolotti: una inedita serie di immagini digitali, montate in sequenza, del celeberrimo busto di Michelangelo, realizzato da Daniele da Volterra ed esposto in originale in Casa Buonarroti nella "Camera della Notte e del Dì".

Nelle quattro sale espositive a piano terra e in un'ampia sala al primo piano della Casa Buonarroti si avrà una visione ravvicinata ed intensa dei più importanti disegni michelangioleschi di architettura.

Nella straordinaria edizione fiorentina, la mostra presenta ben 39 disegni originali; inoltre, un ampio apparato didattico multimediale consentirà di verificare la genesi delle architetture michelangiolesche, dal primo momento creativo sino all'opera compiuta.

Da una mostra come questa emerge una dimensione nuova dell'artista. "Nelle sue architetture - afferma Howard Burns che, con Caroline Elam e Guido Beltramini, ha curato la mostra - Michelangelo scrive poesia. In senso letterale perché non è raro trovare versi appuntati dal Maestro accanto agli schizzi di architettura, quasi ad esprimere di getto l’emozione sorta dall’aver 'inventato' forme armoniche, poetiche appunto. Ma anche perché si serve, nelle sue architetture non di figure scolpite, ma di capitelli e basamenti, luce e ombra, che evocano i grandi temi poetici della Vita e della Morte, dell'Amore, del Tempo e della Fama". Michelangelo architetto è stato grande, grandissimo, interprete, assolutamente all'altezza di quanto ha raggiunto in pittura, scultura e poesia.

L'approfondita ricerca scientifica che ha preceduto questa fondamentale mostra ha portato anche a numerose nuove scoperte. Da questa esposizione e dagli studi raccolti nel catalogo, edito da Marsilio, emerge un Michelangelo ancora più "titanicamente poeta", afferma Burns. Tra le numerose novità, la scoperta del primo disegno di architettura oggi conosciuto del Maestro, un foglio con schizzi sul recto e sul verso, prima solo attribuito e ora documentato di sua mano. Burns, con l'ausilio di nuove tecnologie digitali, ha scoperto il disegno originale di mano di Michelangelo sotto il ripasso a inchiostro di un suo allievo, e sullo stesso foglio un’annotazione di misure espresse in braccia fiorentine, anch'essa autografa del Maestro. Lo studioso ha inoltre dimostrato che il verso di questo disegno raffigura, della chiesa fiorentina di San Felice in Piazza, il progetto degli addobbi per la festa annuale della chiesa. Michelangelo passò poi il foglio all'amico Jacone che aveva avuto l'incarico di lavorare a questi effimeri ornamenti.

Le ricerche (che, nei secoli, su Michelangelo architetto sono state meno intense che sugli altri aspetti della sua arte) hanno anche portato ad assegnare a lui un edificio sino ad oggi ritenuto di architetto anonimo del Cinquecento, il Palazzo di Baccio Valori, oggi noto come Galli Tassi, in via Pandolfini a Firenze.

Riunire tante opere originali di questo livello non è stata impresa facile. Determinante è risultata la costante condivisione del progetto tra il Centro Internazionale di Studi di Architettura "Andrea Palladio" e la Fondazione Casa Buonarroti. La direttrice dell'istituzione, Pina Ragionieri, che ha lavorato a fianco dei curatori nella elaborazione e costruzione dell'iniziativa, così ne parla: "Dobbiamo riportarci a tempi abbastanza vicini a noi per vedere compresi e valutati nel loro intrinseco valore i disegni di architettura; e l'esposizione voluta dal Centro Internazionale Palladio, alla quale la Casa Buonarroti si è con impegno e partecipazione associata, si rivela molto utile anche in questo senso. Qui si parla infatti di disegni d'architettura di Michelangelo e se ne mostrano esempi insigni proclamandone l'intrinseco valore. Qui si celebra la forza e la bellezza del progetto in sé. La Casa Buonarroti possiede il numero più alto al mondo di disegni di architettura di Michelangelo; ecco una occasione degna e ottima per parlarne e per farne conoscere la portata al pubblico delle persone colte, anche se non esplicitamente addette ai lavori".

Non meno preziosa la disponibilità del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi di Firenze, e delle raccolte inglesi dell'Ashmolean Museum di Oxford e della Christ Church della stessa città, che hanno prestato per le due sedi fogli di grande rilievo mai esposti in Italia.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram