Filippo Lippi - Genio e passione 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CATTEDRALE DI SANTO STEFANO ​ Piazza Duomo Prato 59100

Prato - sab 5 maggio 2007

Filippo Lippi - Genio e passione

Filippo Lippi - Genio e passione
Storie di Santo Stefano e San Giovanni Battista, Prato, Duomo
 [Vedi la foto originale]
CATTEDRALE DI SANTO STEFANO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Duomo (59100)
info@diocesiprato.it
www.diocesiprato.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Termina il restauro di uno dei grandi capolavori del Rinascimento: il ciclo pittorico di affreschi di Filippo Lippi nel Duomo di Prato. Recuperati gli originali valori cromatici, la forza dei volumi e degli spazi. La Salomè danza di nuovo in tutta la sua leggerezza
orario: dal lunedì al sabato: 10.00 -12.00 – 15.30 -17.00
Domenica: 15.30 – 17.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 3 euro con accesso alla Cappella Maggiore
vernissage: 5 maggio 2007.
ufficio stampa: AMBRA NEPI
autori: Filippo Lippi
genere: arte antica, inaugurazione
web: www.restaurofilippolippi.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Termina il restauro di uno dei grandi capolavori del Rinascimento: il ciclo pittorico di affreschi di Filippo Lippi nel Duomo di Prato. Recuperati gli originali valori cromatici, la forza dei volumi e degli spazi. La Salomè danza di nuovo in tutta la sua leggerezza.

Un itinerario a Prato per riscoprire le opere di Fra Filippo e la tormentata storia d’amore con Lucrezia Buti, immortale modella dei suoi dipinti, “seconda amante” di D’Annunzio.

Termina il restauro di uno dei grandi capolavori del Rinascimento, opera fondamentale per artisti come Michelangelo, Botticelli e Ghirlandaio: il ciclo pittorico con Storie di Santo Stefano e San Giovanni Battista di Filippo Lippi nella Cattedrale di Prato. A 600 anni dalla nascita del pittore, il grandioso ciclo, una delle più alte espressioni della produzione del Lippi per qualità e complessità della pittura, sarà di nuovo visibile al pubblico a partire da sabato 5 maggio 2007. Interamente finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con un contributo della Provincia e della Diocesi di Prato, il restauro è stato curato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio e dalla Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico e Etnoantropologico per le province di Firenze, Pistoia e Prato. I lavori, preceduti da una campagna diagnostica coordinata dalla Soprintendenza e dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, sono stati eseguiti dai restauratori della CBC di Roma. Per non precludere al pubblico la visibilità dell’opera durante gli anni del restauro, è stato progettato un innovativo cantiere che ha permesso a migliaia di visitatori l’accesso sui ponteggi. Si conclude così una più ampia campagna di restauro, che a partire dagli anni ’80 del Novecento, ha interessato l’intero complesso del Duomo di Prato: dalla struttura architettonica, alle sculture, ai grandi cicli pittorici come quelli di Agnolo Gaddi e Paolo Uccello.

Il restauro del ciclo del Lippi a Prato, al pari della Cappella Scrovegni di Giotto a Padova e della Cappella Maggiore di Piero della Francesca ad Arezzo, è uno dei più importanti e complessi interventi conservativi condotti negli ultimi venti anni in Italia. Il restauro, iniziato nel 2001, oltre ad aver risolto i gravi fenomeni di degrado, ha restituito all’opera, nonostante le perdite verificatesi nel corso del tempo, i valori pittorici originari, la trasparenza e la brillantezza dei colori, la forza dei volumi e degli spazi. Tutto appare più coerente ed armonioso. La Salomè danza di nuovo in tutta la sua leggerezza e la complessa umanità rappresentata nelle Storie di Santo Stefano e San Giovanni Battista pulsa di nuova vita.

Prima del restauro, gli affreschi apparivano offuscati da uno spesso strato di nerofumo, a cui si aggiungevano depositi di polveri e agenti inquinanti, e da un diffuso biancore, dovuto alla solfatazione, soprattutto in corrispondenza dei toni scuri e della volta, oltre che da alterazioni di fissativi e consolidanti dei precedenti restauri (resine sintetiche). Le scene erano interessate da lesioni, sollevamenti e distacchi di intonaci e colore: tutta la superficie pittorica si presentava particolarmente fragile. Un fenomeno dovuto a vari fattori, tra cui la particolare tecnica di esecuzione ad affresco con interi brani dipinti successivamente a secco, quest’ultimi destinati a cadere nel tempo se sottoposti a stress climatici e umidità. Se il restauro odierno non ha potuto recuperare le parti a secco andate perdute nei secoli passati, di cui oggi rimangono solo tracce o frammenti, ha tra i meriti quello di essere riuscito a consolidare le superfici pittoriche ed evitare in futuro ulteriori cadute di colore.

Dall’intervento è scaturita anche una più approfondita conoscenza della tecnica pittorica del Lippi, in cui il ricorso alle applicazioni in cera dorata e l’utilizzo di numerose rifiniture a secco sono funzionali ai ricercati effetti luministici e alla libertà spaziale delle scene.

E’ evidente che nel ciclo di Prato, al Lippi non basta la tecnica medievale dell’affresco e nella pittura a tempera, trova la possibilità di esprimere liberamente la forza e la passione del suo genio artistico. Fu infatti Fra Filippo uno spirito libero, impulsivo e passionale che riuscì ad elaborare uno stile personalissimo.

Per tredici anni, dal 1452 al 1465, Fra Filippo lavorerà agli affreschi del Duomo, fra interruzioni, richieste di denaro, solleciti per la conclusione dei lavori, fughe, verifiche e rinegoziazioni del contratto. Sono anni cruciali anche per la vita personale del pittore che proprio all’inizio del 1456, nel periodo centrale dell’esecuzione degli affreschi di Prato, nominato cappellano nel Convento agostiniano di Santa Margherita, si innamora della giovane monaca Lucrezia Buti. Dopo averla fatta posare per una pala destinata al medesimo monastero, convince Lucrezia a fuggire dal convento portandola a vivere nella sua casa acquistata a Prato. Un anno dopo Lucrezia darà alla luce il primo figlio, Filippino e sarà solo per l’intercessione della famiglia Medici che papa Pio II concederà ai due nel 1461 lo scioglimento dei voti. Il Lippi non sposerà mai Lucrezia, ma ne farà la modella immortale e dolcissima dei suoi dipinti, dalla Salomè del ciclo di Prato alla Lippina degli Uffizi, che darà vita ad un vero e proprio genere copiato per secoli.

Se la tormentata storia d’amore del Lippi darà scandalo senza precedenti tra i contemporanei, la grandezza della sua arte non sarà mai messa in dubbio, come testimonia l’apprezzamento del Vasari: “Fece in questo lavoro le figure maggiori del vivo dove introdusse poi agli altri artefici moderni il modo di dare grandezza alla maniera d’oggi”.

Fra tutti i committenti, Cosimo il Vecchio sarà il suo più grande estimatore, pronto a sopportare per amore dell'arte le intemperanze sentimentali del frate scapestrato. Narra sempre il Vasari (Vite, 1568) che un giorno Cosimo spazientito per i suoi continui ritardi, chiudesse il frate nel Palazzo di via Larga con l’intento di fargli finire un lavoro. Ma dopo due giorni il Lippi “spinto da furore amoroso, anzi bestiale, una sera con un paio di forbici fece alcune liste de’ lenzuoli del letto, e da una finestra calatosi, attese per molti giorni a' suoi piaceri”.

Nei secoli successivi, la fama del Lippi cadrà in oblio, oscurata dalle condanne giudiziarie e dalle vicende amorose. Solo nell’Ottocento, in pieno Romanticismo, avverrà una piena riscoperta di questo grande artista: per primo sarà il poeta Robert Browning a dargli nuova fama con il poemetto “Fra Filippo Lippi”. Passeranno appena venti anni e Gabriele D’Annunzio, allievo del Convitto Cicognini a Prato dal 1874 al 1881, colpito dalla bellezza della Salomè, si proclamerà “secondo amante di Lucrezia Buti”. Davanti agli affreschi, la invoca: “Chi [...] sei tu Lucrezia Buti? Sei tu quella che danza, simile ad un fior voluttuoso fatto di pieghe in vece di petali, ora chiuso ora socchiuso ora dischiuso? O sei quella che seduta alla mensa fa il gesto pacato e spietato verso la testa mozza, o sei quella dalla chioma a grappoli [...] non una sei ma tre per mio amore, Lucrezia Buti”.

A partire dal ciclo di affreschi della Cappella Maggiore, sarà possibile percorrere un itinerario alla scoperta di Filippo Lippi a Prato che con i suoi collaboratori qui realizzò numerosi dipinti per chiese e monasteri.
 
altri documenti
documento Word  itinerario [41 kb] 

(27/02/2007 20.30.44)
documento Word  Il restauro odierno [28 kb] 

(27/02/2007 20.30.21)
documento Word  Il ciclo di Prato [31 kb] 

(27/02/2007 20.30.00)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram