Felix Ravenna. La croce, la spada, la vela: l'alto Adriatico nel V e VI secolo 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CHIESA DI SAN NICOLO' ​ Via Nicolò Rondinelli 6 Ravenna 48100

Ravenna - dal 9 marzo al 7 ottobre 2007

Felix Ravenna. La croce, la spada, la vela: l'alto Adriatico nel V e VI secolo
[leggi la recensione]

Felix Ravenna. La croce, la spada, la vela: l'alto Adriatico nel V e VI secolo
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
CHIESA DI SAN NICOLO'
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nicolò Rondinelli 6 (48100)
+39 0544213371
www.ravennantica.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'esposizione prende le mosse da nuovi esempi di mosaici provenienti dalla basilica di San Severo a Classe, restituiti alla fruizione del pubblico dopo un adeguato restauro
orario: tutti i giorni feriali e festivi dalle ore 10 alle ore 18.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 9 marzo 2007.
editore: SKIRA
curatori: Andrea Augenti, Carlo Bertelli
genere: archeologia, arte antica
web: www.felixravenna.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Tra V e VI secolo, e in particolare dopo il 540, anno della conquista di Ravenna da parte dei Bizantini, la rete che interconnette questi centri urbani e i territori circostanti si fa sempre più fitta. L'alto Adriatico diviene una delle aree più rappresentative relativamente alla costruzione di nuovi edifici ecclesiastici e alla produzione della loro decorazione, in scultura e mosaico: le tracce si possono riscontrare a Ravenna, Aquileia, Grado, Pola, Parenzo.

La mostra è stata concepita appositamente per raccontare questa vicenda, suddividendola in più sezioni.

L'esposizione prende le mosse da nuovi esempi di mosaici provenienti dalla basilica di San Severo a Classe, restituiti alla fruizione del pubblico dopo un adeguato restauro.
I tesori da Classe, da Rimini, da Isola Rizza (Museo di Verona), i piatti da Cesena e Castelvint, gemme provenienti da Aquileia e da Ravenna fanno fede della ricchezza materiale di questa zona nel periodo in questione.
In particolare, il tesoretto rinvenuto a Classe negli scavi del 2004, composto da sette cucchiai ed una coppa in argento, costituisce una delle più importanti scoperte degli ultimi anni in area ravennate.
A questi oggetti, appannaggio dei ceti dirigenti, si affianca una scelta di contenitori da trasporto e altre ceramiche provenienti dal porto di Classe, utili per illustrare la tipologia ed il volume dei commerci. Nella mostra troverà inoltre posto la ricostruzione di un intero magazzino del porto di Classe, distrutto in un incendio al tempo di Teoderico e rinvenuto, nel 2005, con tutto il suo prezioso contenuto di anfore che trasportavano vino ed olio.
Numerosi altri reperti: l'artigianato destinato al mercato di ambito ecclesiastico, sculture e pavimenti a mosaico, con esempi dal Ravennate e dal resto dell'area in questione.
La società del periodo era infine contraddistinta da un alto tasso di militarizzazione: per illustrare questo aspetto saranno esposti alcuni significativi armamenti ed accessori del vestiario militare, come l'elmo conservato nel Museo di Crecchio, il pugnale del Museo dell'Alto Medioevo (Roma) e alcuni corredi funerari da Zagabria.
La mostra è curata dal professor Andrea Augenti dell'Università di Bologna e dal grande medievalista Carlo Bertelli.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram