La musica segreta del maestro 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
I capolavori degli Uffizi, raccontati dalle voci degli attori
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO BOSSI BOCCHI ​ Strada Ponte Caprazucca 4 Parma 43100

Parma - dal 14 aprile al 10 giugno 2007

La musica segreta del maestro

La musica segreta del maestro

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO BOSSI BOCCHI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Strada Ponte Caprazucca 4 (43100)
+39 0521532111 , +39 0521289761
museo@fondazionecrp.it
www.fondazionecrp.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le opere d’arte collezionate da Arturo Toscanini
orario: 10-12.30-15-18.30, chiusa lunedì e martedì 1° maggio 2007
Aperta mercoledì 25 aprile 2007
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 aprile 2007. ore 17
editore: MAZZOTTA
curatori: Renato Miracco
autori: Umberto Boccioni, Giovanni Boldini, Giovanni Fattori, Antonio Fontanesi, Vincenzo Gemito, Vittore Grubicy de Dragon, Gerolamo Induno, Silvestro Lega, Gaetano Previati
genere: arte moderna e contemporanea, collettiva
email: museo@fondazionecrp.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In occasione del cinquantesimo anniversario della morte di Arturo Toscanini la Provincia di Parma e la Fondazione Cariparma, con la collaborazione della Regione Emilia Romagna, presenta la mostra

LA MUSICA SEGRETA DEL MAESTRO.

Le opere d’arte collezionate da Arturo Toscanini

curata da Renato Miracco con la Fondazione Mazzotta di Milano, ideatrice del progetto e responsabile degli aspetti organizzativi.



Dedicata a Toscanini collezionista la rassegna presenta un nucleo di opere appartenute al grande maestro provenienti da New York, che per la prima volta vengono presentate in Italia. L’inaugurazione fissata per sabato 14 aprile a Parma, città Natale di Toscanini, presso l’elegante sede di Palazzo Bossi Bocchi, è destinata a diventare uno degli appuntamenti artistici di maggior richiamo della prossima primavera.



La mostra si inserisce all’interno del ricco programma di eventi artistici e culturali realizzati dal Comitato per le Celebrazioni di Arturo Toscanini che intendono commemorare il Maestro esplorandone la vita, l’opera, la personalità complessa e affascinante.

Partendo dall’inaugurazione del Museo “Casa natale Arturo Toscanini”, l’umile dimora dell’Oltretorrente dove l’artista nacque in una famiglia di sentimenti garibaldini, il calendario predisposto dal Comitato procede per tutto il 2007 con un’articolata offerta di concerti, convegni e pubblicazioni di rilevanza internazionale. Si daranno appuntamento a Parma grandi artisti e autorevoli esperti del mondo accademico e della ricerca. Verrà inaugurato un innovativo centro studi sul “suono riprodotto”, che testimonierà come attorno a Toscanini sia cresciuto il primo eclatante fenomeno discografico della storia musicale. (www.toscanini.2007.it)



La grande passione di Toscanini per le Arti in generale e per le Arti plastiche e figurative in particolare è sempre stata nota, infatti la sua collezione all’epoca vastissima contava più di cento opere di artisti italiani e stranieri.

La mostra evidenzia questo aspetto della personalità del Maestro attraverso uno straordinario “corpus” di opere dimostrando, anche in questo caso, la sua grande sensibilità.



Dalla testimonianza del figlio Walter e del nipote Walfredo (come si legge anche nel catalogo della mostra) sappiamo che tutti i dipinti erano posti sui muri di casa quasi a formare una partitura musicale. “Una moltitudine di dipinti appesi dappertutto accompagna i miei primi ricordi della casa del nonno in via Durini, a Milano. A cominciare dall’ingresso e dallo studio dove il busto di Verdi di Vincenzo Gemito mi guardava dall’alto, fino al soggiorno dove i ritratti della nonna e del nonno, eseguiti da Giacomo Grosso, erano appesi di fronte al camino, e al salotto dove erano esposti dipinti più grandi, per lo più paesaggi, e un’enorme tela di Telemaco Signorini che oggi s’intitola La toilette del mattino ambientata in un salone (che poi da grande scoprii essere una casa di malaffare). Ma la concentrazione più sorprendente si trovava in un ampio corridoio che dal soggiorno portava in cucina, e lì i quadri, illuminati dalla luce naturale, erano appesi a circa un metro dal pavimento fino al soffitto, in file verticali, ricoprendo interamente le pareti”.



Toscanini aveva scelto come adviser Vittore Grubicy de Dragon, critico, pittore, padre del Divisionismo italiano e mentore di moltissimi artisti della “nuova scuola”, quali Segantini, Fattori, Boldini ecc.



Per il maestro il quadro suggeriva uno stato d’animo, un sentimento, una musica, una sinfonia. Di qui l’estremo rigore non scolastico, non didattico, ma emotivo della collezione che attraversa le correnti più all’“avanguardia” della seconda metà dell’Ottocento: dalla Scuola dei Macchiaioli, al Divisionismo, dalla Scapigliatura alla scuola di Posillipo. Tra gli artisti presenti in mostra ricordiamo: Vittore Grubicy de Dragon, Giovanni Boldini, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Gaetano Previati, Antonio Fontanesi, Gerolamo Induno, Vincenzo Gemito, ma anche Umberto Boccioni di qui in mostra sarà esposto un bellissimo Autoritratto del 1908.

Toscanini collezionava opere pittoriche e nutriva un amore particolare proprio per i lavori di Grubicy, che sono per lui “musica misteriosa [che] va insinuandosi a poco a poco! Musica leggera, inafferrabile, eppur così calda d’armonia! Ma ci vuole l’anima non le orecchie per sentirla” (lettera di Arturo Toscanini a Vittore Grubicy del 19 maggio 1915). Grubicy diventa per Toscanini un consigliere attento e raffinato, capace di indicargli le opere e gli artisti più interessanti presenti sul mercato, di aiutarlo a portare a termine gli acquisti, di seguire spedizioni e consegne, di scegliere le cornici delle opere.

Ogni quadro è accompagnato da una storia, o una dedica, che il visitatore può leggere in mostra o sul catalogo edito Mazzotta, per comprendere meglio il legame tra Toscanini e l’opera o l’artista che l’ha realizzata.



La mostra presenta quindi 54 opere (tra dipinti, sculture, ceramiche, vetri, incisioni e disegni) realizzate tra la fine dell'Ottocento e primo Novecento italiano in gran parte appartenenti a Walfredo Toscanini, figlio di Walter, provenienti da New York, dove vive attualmente. Per la prima volta il nipote ha deciso di presentare queste opere in una mostra in Italia in occasione del cinquantesimo anniversario.

Le opere di Vittore Grubicy De Dragon (Milano 1851-1920) invece sono di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno che recentemente le ha acquistate dagli eredi Toscanini con l'intento di ricomporre il nucleo fondamentale di opere provenienti dall'eredità del grande critico e mercante di cui Toscanini e Benvenuto Benvenuti (pittore livornese divisionista discepolo di Grubicy) furono gli esecutori testamentari. La Fondazione infatti possiede anche il corpus di opere di Grubicy possedute da Benvenuti donate a questa istituzione dal figlio Ettore.



La rassegna ha avuto come prestigiosa première l’Avery Fisher Hall di New York, sede della Philarmonic Opera, per iniziativa del Ministero degli Affari Esteri; a settembre verrà trasferita a Livorno grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmi e la collaborazione della Fondazione Teatro Goldoni che la ospita.



Il catalogo, contiene saggi di Harvey Sachs (biografo di Toscanini), di Renato Miracco (curatore del progetto), di Walfredo Toscanini (che scriverà una breve memoria sul nonno) e di Paola Pettenella e Francesca Velardita del Mart (cha hanno scritto sui ritrovamenti e sulla corrispondenza tra Toscanini e Grubicy). All’interno del catalogo saranno riprodotti i documenti e le lettere messe a disposizione dalla Casa Ricordi e da Walfredo Toscanini, oltre alle lettere rintracciate all’interno dell’Archivio Grubicy, ora di proprietà del Mart.



Arturo Toscanini (Parma, 25 marzo 1867 – New York, 16 gennaio 1957) fu il più influente direttore d’orchestra del Novecento. Impresse una svolta decisiva all’interpretazione non soltanto musico-orchestrale ma anche lirico-teatrale nella sua totalità. Iniziò la carriera quando Verdi stava ancora componendo l’Otello e la concluse nell’èra dei concerti televisivi e della stereofonia. Diresse le prime mondiali di opere quali I pagliacci di Leoncavallo e La bohème, La fanciulla del West e Turandot di Puccini; guidò il Teatro alla Scala (1898-1903, 1906-08, 1921-29), il Metropolitan di New York (1908-15), la Filarmonica di New York (1926-36) e l’Orchestra sinfonica della NBC americana (1937-54), nonché, come ospite, la maggior parte delle altre orchestre più importanti di tutto il mondo. Il suo orecchio acutissimo e la sua memoria fotografica, il terrificante rigore e l’incontenibile energia contribuirono a elevare il livello dell’esecuzione musicale ai due lati dell’Atlantico.

Con la sua frenetica attività, condotta sempre ai massimi livelli in uno sterminato repertorio che non badava a frontiere nazionali, Toscanini non solo contribuì come pochi altri a plasmare la vita musicale del ventesimo secolo: fu anche un protagonista delle vicende del suo tempo. Il suo antifascismo, che portò nel 1931 al discusso episodio dello schiaffo bolognese, lo spinse a un lungo esilio, prima artistico e poi anche fisico, dalla sua amata patria, interrotto solo dopo la fine della Seconda guerra mondiale. L’opposizione al nazismo lo spinse ad abbandonare il Festival di Bayreuth (dove era stato il primo musicista non di scuola tedesca a dirigere) nel 1933 e quello di Salisburgo nel 1938; sostenne invece, a propria spesa, un’orchestra di profughi ebrei scappati in Palestina (oggi il complesso si chiama la Filarmonica d’Israele) e un nuovo festival a Lucerna (oggi uno dei più importanti del mondo).

Diresse per l’ultima volta nel 1954, all’età di ottantasette anni, e morì poche settimane prima del suo novantesimo compleanno.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram