Mimmo Jodice - Eden 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA FOTO-FORUM ​ Via Weggenstein 3f Bolzano 39100

Bolzano - dall'otto maggio al 9 giugno 2007

Mimmo Jodice - Eden

Mimmo Jodice - Eden

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA FOTO-FORUM
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Weggenstein 3f (39100)
+39 0471982159
info@foto-forum.it
www.foto-forum.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

ciclo "Eden" 1994 - 1998: fotografie in bianco e nero
orario: ma-ve 16-19.30, sab 10-12.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 8 maggio 2007. ore 19-20.30
editore: SKIRA
autori: Mimmo Jodice
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Mimmo Jodice è oggi considerato uno dei più prestigiosi maestri italiani della fotografia, capace di esprimere valori estetici ben al di là di quelli meramente documentari, tradizionalmente assegnati al mezzo fotografico.

Di questo originale artista il foto-forum espone, un gruppo di lavori fotografici ascrivibili alla sua piena “maturità”, capace di esprimere al meglio la sua personale estetica: “Eden” (1994 –1998), proveniente dalla collezione d’arte di Anna Rosa e Giovanni Cotroneo attualmente in deposito al Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto.

Le fotografie di Jodice sono quasi sempre di formato quadrato e sempre in bianco e nero; quelle esposte a Bolzano mostrano elementi naturali, reperti archeologici, oggetti comuni, materie organiche, e mai presenze umane, se non per via di qualche “resto” insignificante.

“La fotografia per Jodice – scrive Verzotti nel catalogo Skira - è uno strumento atto non a registrare i fenomeni della realtà ma a trascenderli in nome di un continuo, inesausto confronto con l’assoluto. Le sue opere recenti esprimono questa profonda istanza con la semplice, disarmante chiarezza propria dei grandi, che l’hanno conquistata con anni di ricerca ansiosa”.

Fin dai suoi primi approcci, dalla metà degli anni sessanta, Jodice vede infatti nella fotografia un linguaggio da mettere alla prova, un oggetto di sperimentazione. La sua ricerca irrequieta s’identifica ampiamente con una interrogazione che pone il mezzo tecnico a metà strada fra la realtà, intesa come la dimensione esteriore in cui si opera, e il linguaggio, inteso come la dimensione interiore, le “voci di dentro” che vogliono emergere alla consapevolezza. L’opera avviene quando avviene questa corrispondenza.

Il suo percorso artistico nasce a Napoli sua città natale.

Durante gli anni sessanta il fotografo conduce anche ricerche di tipo antropologico su molti temi, affrontando problematiche sociali stringenti: tuttavia la sua fotografia non si colloca nel quadro del reportage tradizionale. L'attenzione di Jodice si rivolge più allo scenario che all'azione, più alla maschera e al gesto che all'evento, puntando soprattutto a organizzare il campo visivo e a studiare il valore simbolico della luce e degli spazi nei quali si muovono le figure.

Dal 1978 nelle fotografie di Jodice scompare la presenza umana: resta soltanto la città vuota come metafisico contenitore.

Le immagini di “Eden” nascono come volontà di rivitalizzare il genere della natura morta, tema certo poco frequentato nell’arte contemporanea e non molto neppure in fotografia. Jodice risolve questa nuova sfida assumendola come un confronto non con la tradizione pittorica, dalla quale si allontana radicalmente, ma con una discesa nell’universo delle merci, nella dimensione quotidiana, proprio ciò che fino a questo momento aveva accuratamente evitato di incontrare.

“Si tratta di merci – scrive Verzotti - non di oggetti e di elementi naturali: questo quotidiano non è innocente né edificante. L’artista vaga per la città in una sorta di nuova crudele flanerie e ferma con la fotografia gli oggetti esposti nelle vetrine, appunto le merci che conformano la quotidianità”.

Anche qui, come in precedenti lavori, il procedimento di “muovere” l’immagine, di sfocarne i contorni, resi imprecisi anche dai riflessi delle vetrine dietro cui sono posti, infonde all’inanimato un’intensità strana, estranea, che intensifica il senso di allarme di cui sono già abbondantemente circonfusi.

“Se Jodice torna momentaneamente al mondo degli oggetti, all’universo della contingenza, è per cogliervi segni di morte, e per esprimere un suo giudizio morale sull’aggressività, quando non sulla violenza che connatura i rapporti fra noi e le cose”.

Mimmo Jodice: *1934 a Napoli, studi di fotografia all' Académie des Beaux-Art, Napoli, è fotografo dalla metà degli anni Sessanta. Molto noto a livello internazionale, ha pubblicato innumerevoli volumi e ha esposto nelle più importanti sedi pubbliche e private in Italia, Europa, Stati Uniti. La sua opera è presente nelle più grandi collezioni museali del mondo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram