Verso la città sostenibile. L’esperienza cinese di Huai Rou 3116 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Bologna via alla raccolta fondi e alla mostra per aiutare Esmeralda
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE ​ Viale Emilio Alemagna 6 Milano 20121

Milano - mer 9 maggio 2007

Verso la città sostenibile. L’esperienza cinese di Huai Rou

Verso la città sostenibile. L’esperienza cinese di Huai Rou

 [Vedi la foto originale]
TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Emilio Alemagna 6 (20121)
+39 02724341 , +39 0289010693 (fax), +39 0272434208
info@triennale.it
www.triennale.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

presentazione del volume di Mario Occhiuto
biglietti: free admittance
vernissage: 9 maggio 2007. ore 18
editore: ELECTA
genere: presentazione

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il volume, edito da Electa, individua nell’applicazione dei principi della progettazione sostenibile, di cui l’arch. Occhiuto è tra i maggiori esperti nazionali, la via obbligata per prevenire e correggere gli squilibri del modello urbano sino ad ora adottato, in modo da evitare il manifestarsi dei problemi ambientali di cui siamo testimoni e il decadimento della qualità della vita. L’occasione è l’incarico che gli è stato conferito nel 2004 dalla Municipalità di Pechino per la progettazione del masterplan di Huai Rou, una delle città satelliti con 80.000 abitanti, a cinquanta km dalla capitale cinese.

Verso la città sostenibile. L’esperienza cinese di Huai Rou, raccoglie gli approfondimenti portati avanti da Occhiuto e dal suo studio, il mOa architetture, sui temi della sostenibilità urbana e le ricerche per la loro applicazione al progetto e al contesto cinese, illustrando la metodologia utilizzata e le soluzioni di sostenibilità scelte e usate nel masterplan, con costanti richiami al problema architettonico specifico. Federico Butera contribuisce allo studio con un capitolo dedicato all’utilizzo delle tecnologie eco-compatibili e delle fonti energetiche rinnovabili come sistema integrato per contenere i consumi e favorire i sistemi di mobilità innovativi.










Mario Occhiuto è architetto e si interessa dei temi del progetto urbano e della pianificazione territoriale, organizzando l’attività intorno ad alcuni punti cardine: identità culturale, estetica della città, innovazione e sostenibilità del progetto.

È stato membro del Consiglio Superiore dei Beni Culturali e componente del Comitato Tecnico Scientifico per i Beni Architettonici e Paesaggistici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali oltre che membro dell’Unità Tecnica Operativa per i Balcani, istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per la ricostruzione dei paesi dell’area balcanica. È professore di Legislazione delle Opere pubbliche e dell’Edilizia nel Corso di laurea in Ingegneria Edile presso l’Università della Calabria. Tra i suoi scritti attinenti alla sostenibilità è stato pubblicato un manuale sulla progettazione dal titolo La città accessibile, edizioni Alinea.


Federico M. Butera è professore ordinario di Fisica Tecnica Ambientale presso il Politecnico di Milano e coordinatore dell’unità di ricerca «Energia e Ambiente Costruito» del Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell’Ambiente Costruito. Ha partecipato alle attività della International Energy Agency, sia nell’ambito dell’Implementing Agreement «Energy Conservation in Buildings and Community Systems» che nell’ambito «Solar Heating and Cooling». Oltre che di un’ampia produzione scientifica è anche autore di numerosi libri di testo e divulgativi; gli sono stati conferiti molti premi internazionali in riconoscimento del suo impegno nel campo dell’energia solare e dell’architettura sostenibile.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram