You have not been honest 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA ​ Via Luigi Settembrini 79 Napoli 80139

Napoli - dal 24 maggio al 24 settembre 2007

You have not been honest
[leggi la recensione]

You have not been honest
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Luigi Settembrini 79 (80139)
+39 08119313016
www.museomadre.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

British Council. Film e video contemporanei dal Regno Unito
orario: dal lunedì al giovedì e domenica ore 10.00 - 21.00
venerdì e sabato ore 10.00 - 24.00 chiuso il martedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: € 7.00
Ridotto: € 3.50
vernissage: 24 maggio 2007. ore 19
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA, CIVITA
curatori: Colin Ledwith, Polly Staple
autori: Mark Aerial Waller, Pablo Bronstein, Duncan Campbell, Phil Collins, Luke Fowler, Lisson Ryan Gander, Roger Hiorns, Simon Martin, Nashashibi & Skaer, Margaret Salmon, The Otolith Group, Cathy Wilkes
note: Commissionata e prodotta dal British Council in collaborazione con il MADRE
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
You have not been honest � una mostra assolutamente innovativa di film e video britannici che sar� inaugurata in anteprima mondiale al MADRE, il 24 maggio 2007. You have not been honest propone il lavoro di una generazione di artisti contemporanei che utilizzano le strutture del documentario e del film narrativo con finalit� inedite. In molti casi, le opere coinvolgono lo spettatore in uno spazio personale e soggettivo, che coniuga influenze diverse: cinema, filmati amatoriali, notiziari e immagini di repertorio. I soggetti spaziano da ritratti intimi, che ci immergono in ambienti domestici, a prospettive narrative apparentemente obiettive che confondono i confini tra la verit� filtrata attraverso la telecamera e la realt� effettiva.

You have not been honest � un refrain tratto dal film P.S., realizzato nel 2002 da Margaret Salmon. P.S., come tutti i film della mostra, � al tempo stesso documentario e fiction. Con la scelta di questo titolo si � voluto evocare l�atmosfera della mostra e le diverse preoccupazioni che animano gli artisti. Sincerit�, onest� e falsit� sono tutti concetti rappresentati in questi film, dall�impulso narrativo all�espediente estetico e al testo parlato. Per alcuni di questi artisti il filmmaking non rappresenta l�attivit� principale; introducono quindi influenze diverse nella loro esplorazione della capacit� del film e del video di giocare con lo spazio e con il tempo, con il suono e con l�immagine in movimento.

You have not been honest occupa due piani del museo con le opere di 12 artisti e sar� la pi� grande presentazione di film e video britannici organizzata in Europa negli ultimi anni. La gamma variegata di voci, tecniche e approcci denota chiaramente l�avvento di una nuova generazione, successiva alla Young British Art.

Molti artisti sono stati selezionati per due importanti mostre antologiche nel Regno Unito, la Tate Triennial 2006 (Bronstein, Fowler, Gander, Martin and The Otolith Group) e la British Art Show 6, 2005/06 (Collins, Hiorns, Nashashibi and Skaer). Phil Collins � stato candidato lo scorso anno al Turner Prize mentre Rosalind Nashashibi e Lucy Skaer sono state scelte per il Padiglione scozzese a Venezia nel 2007, dopo la presentazione di Cathy Wilkes nel 2005. Margaret Salmon ha vinto nel 2006 la prima edizione del MaxMara Art Prize for Women.

Colin Ledwith � Direttore Progetti Speciali della Union Gallery di Londra, ed � stato in passato Curatore per le Arti Visive del British Council. Polly Staple, curatrice e scrittrice, vive a Londra, ed � Editor at Large della rivista frieze.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram