I capolavori della collezione Kerstan 3115 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO MAGNANI ​ Corso Giuseppe Garibaldi 29 Reggio Nell'emilia 42100

Reggio Nell'Emilia - dal 6 luglio al 30 settembre 2007

I capolavori della collezione Kerstan
[leggi la recensione]

I capolavori della collezione Kerstan
[leggi la recensione]
Otto Dix, Ruffiana, 1923. Litografia a colori su carta a mano, 48,4 x 36,7 cm. Esemplare 2/65
 [Vedi la foto originale]
PALAZZO MAGNANI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Giuseppe Garibaldi 29 (42100)
+39 0522454437 , +39 0522444436 (fax)
info@palazzomagnani.it
www.palazzomagnani.it.
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Palazzo Magnani, un’ampia selezione di 250 opere, tra grafiche, dipinti, sculture, disegni e acquerelli di Picasso, Beckmann e dell’espressionismo tedesco, Kandinskij, Rodin, Modigliani, Cézanne, Renoir, Toulouse-Lautrec e molti altri, racconteranno la storia del gusto in una raccolta d’arte simbolo delle avventure intellettuali del collezionare
orario: martedì, mercoledì e domenica 10.00-13.00; 16.00-20.00; giovedì, venerdì e sabato 10.00-13.00; 16.00-23.00; lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero = 7 euro; ridotto = 5 euro; studenti = 2 euro
vernissage: 6 luglio 2007. ore 18
editore: SKIRA
ufficio stampa: CLP
autori: Ernst Barlach, Willi Baumeister, Max Beckmann, Heinrich Campendonk, Paul Cézanne, Lovis Corinth, Henri de Toulouse-Lautrec, Otto Dix, Ilse Fehling, Lyonel Feininger, August Gaul, Erick Heckel, Erich Heckel, Karl Hofer, Adolf Hölzel, Wassily Kandinsky, Ida Kerkovius, Paul Klee, Fritz Klimsch, Georg Kolbe, Käthe Kollwitz, Wilhelm Lehmbruck, André Lhote, Ernst Ludwig Kirchner, August Macke, Franz Marc, Gerhard Marks, Henri Matisse, Ivan Mestrovic, Amedeo Modigliani, Otto Müller, Gabriele Münter, Rudolf Möller, Emil Nolde, Pablo Ruiz Picasso, Pierre-Auguste Renoir, Auguste Rodin, Karl Schmidt-Rottluff, Renée Sintenis, Suzanne Valadon, Alexej von Jawlensky, Marianne Werefkin, Jean Wiegers, Kurt Zimmermann
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
A Reggio Emilia, dal 23 giugno al 26 agosto 2007, si terrà la mostra che presenterà, per la prima volta, capolavori e opere importanti della collezione Dr. Charlott e Tistou Kerstan.

In Palazzo Magnani, 250 opere (su circa 400 dell’intero corpus) testimonieranno la ricchezza e la varietà di questa raccolta, in grado di raccontare la storia del gusto collezionistico di grande raffinatezza dei coniugi Kerstan, in un percorso che comprende grafiche, dipinti, sculture, disegni e acquerelli di alcuni dei maggiori artisti del Novecento, da Picasso a Beckmann, da Kandinskij a Gabriele Münter, da Alexej von Jawlenskij a Marianne von Werefkin, da Dix a Kirchner, da Heckel a Nolde, da Rodin a Modigliani, da Cézanne a Renoir e a Toulouse-Lautrec, da Feininger a Baumeister, e a molti altri.

L'esposizione, curata da Sandro Parmiggiani e promossa dalla Provincia di Reggio Emilia, con il contributo di Fondazione Pietro Manodori e CCPL di Reggio Emilia, si inserisce nella linea d’indagine delle collezioni private, iniziata con la mostra “Parole disegnate, parole dipinte. La collezione Mingardi di libri d'artista”, e proseguita con “Senza di loro, nemmeno io. La collezione Pierre Borhan di fotografie”, in un luogo come Palazzo Magnani, il cui nome si lega a uno dei più sensibili collezionisti italiani del Novecento, Luigi Magnani.

Se i capisaldi della collezione sono una raccolta di incisioni e di litografie di Pablo Picasso (circa settanta fogli, compresa l'incisione d'esordio dell'artista spagnolo, Le repas frugal, 1904) e di Max Beckmann (circa settanta incisioni, tra cui tutta la serie dei più famosi autoritratti), non mancano i pezzi unici (dipinti, acquerelli, disegni, sculture).

Tra le opere pittoriche, si potrà ammirare un grande dipinto su carta di Max Beckmann, Operai sul tetto, e una serie di importanti lavori dell'Espressionismo tedesco.

Nel percorso espositivo si incontrerà un dipinto di Vasilij Kandinskij del 1908, sette tele di Gabriele Münter, realizzate tra il 1908 e il 1934, sei opere di Alexej von Jawlensky (1911-1935), due lavori di Marianne von Werefkin (1907-1908) - alla quale Palazzo Magnani ha dedicato una vasta antologica nel 2001 -, uno di Franz Marc del 1906, due di August Macke (1910-1911), due di Emil Nolde (1913-1930), due di Lovis Corinth (1917-1922), uno di Rudolf Möller (1913).

Le sale di Palazzo Magnani accoglieranno inoltre alcuni acquerelli di Otto Müller (1926-27), di Ernst Ludwig Kirchner (1930), di Erich Heckel (1935), di Karl Hofer (1948), tre acquerelli e due disegni di Lyonel Feininger (1909-1934), quattro dipinti di Willi Baumeister (1927-1947), uno di Suzanne Valadon (1922), due di André Lhote (1927-1948), tre acquerelli "erotici" di Auguste Rodin (1895-1900) - cui Palazzo Magnani aveva dedicato una mostra nel 2003 -, otto tra dipinti e disegni di Adolf Hölzel (1898-1930), e due opere di Ida Kerkovius (1956-1960).

La collezione Kerstan vanta pure alcune importanti sculture. A Reggio Emilia ne verranno presentate venticinque, tra cui quelle di Amedeo Modigliani (1908), Pierre-Auguste Renoir (1916), Ernst Barlach (1912-1931), Wilhelm Lehmbruck (1917-1960), Ivan Mestrovic (1917-1918), Renée Sintenis (1926-1953), Georg Kolbe (1927), Ilse Fehling (1931), August Gaul (1932), Kurt Zimmermann (1935), Fritz Klimsch (1936), Käthe Kollwitz (1943), Gerhard Marks (1957-1969).

Non mancano una quarantina di memorabili fogli di grafica, tra i quali ricordiamo: due Vasilij Kandinskij, cinque Otto Dix, un Ernst Ludwig Kirchner (Ritratto di Ludwig Schames, 1918), sei Ernst Barlach (1909-1932), tre Erick Heckel (tra cui il Bambino in piedi, 1910), due Karl Schmidt-Rottluff (1916-1918), quattro Käthe Kollwitz (1920-1930), quattro Paul Klee (1918-1925), due Otto Müller (1922-1926), un Paul Cézanne (la celebre litografia acquarellata Les Baigneurs, 1896-97), un Henri de Toulouse-Lautrec (Le Jockey, 1899), un Heinrich Campendonk (Adamo e Eva, 1925), un Jean Wiegers (Im Caffee, 1925), due Henri Matisse (1924-1950).

Tutte le opere in mostra sono riprodotte nel catalogo Skira, con testi del curatore, di Tistou Kerstan e di Franz Armin Morat.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram