Mimmo Rotella 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUCCIACCIA ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA ​ Largo Della Fontanella Di Borghese 89 Roma 00186

Roma - dal 30 maggio al 30 luglio 2007

Mimmo Rotella

Mimmo Rotella
Il grande circo, 1963
 [Vedi la foto originale]
MUCCIACCIA ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Largo Della Fontanella Di Borghese 89 (00186)
+39 0669923801 , +39 0669200634 (fax)
info@galleriamucciaccia.it
www.galleriamucciaccia.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Appuntamento a Roma con Mimmo Rotella per una grande mostra che ne celebra la lunga carriera, il talento innovativo, la capacità mai sazia di rimettersi in gioco attraverso un felice incastro di arte ispirata e vita vissuta
orario: da lunedì a sabato 10:00 – 13:30 / 15:30 – 19:30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 maggio 2007. ore 18:30
catalogo: con un contributo di Renato Barilli
editore: SKIRA
ufficio stampa: SPAINI & PARTNERS
curatori: Gianluca Marziani
autori: Mimmo Rotella
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Appuntamento a Roma con Mimmo Rotella per una grande mostra che ne celebra la lunga carriera, il talento innovativo, la capacità mai sazia di rimettersi in gioco attraverso un felice incastro di arte ispirata e vita vissuta. La Galleria Mucciaccia Arte Moderna e Contemporanea, in collaborazione con la Fondazione Rotella, presenta un’antologica di circa cinquanta opere, un avvincente percorso che segue il lungo iter creativo del Maestro, dal 1948 dei carboncini su carta fino ai recenti décollages del 2005. Il pubblico ritroverà opere significative degli anni Sessanta, décollages storici e olii su tela del 1950, riporti fotografici e artypo… un viaggio tra messaggi politici e amore per il cinema, militanza ideologica e cultura della nuova metropoli, passione per la bellezza e occhio lungo sul caos urbano…



Mimmo Rotella è morto a Milano lo scorso anno all’età di 87 anni: tutti vissuti sull’onda dinamica del proprio cognome, come una ruota velocissima che si incarnava, senza fronzoli, nei famosi décollages. Anni e anni da film scorsesiano per questo ragazzo di Catanzaro che arrivò a Roma nel dopoguerra, pronto come tanti ad inventarsi la vita. Andò anche negli Stati Uniti tra il 1951 e il 1952, quindi tornò a Roma in cerca di novità e fuochi d’avanguardia. Una vita come un continuo strappo, un sovrapporsi di esperienze e suture, un collage di stimoli e colori emozionali. L’idea geniale di Rotella si chiamerà, come detto, décollage e sarà un modo eccellente di portare il rumore della città dentro il quadro. Dal 1953 l’artista, camminando in una Roma molle e meticcia, staccava manifesti pubblicitari dai muri e li ricomponeva su tela, ricreando il suono visivo delle “caverne” urbane, il colore primitivo della metropoli poliglotta. Dentro il quadro c’era il cinema ma anche la politica, la militanza incalzante e tutto il caos che investiva gli sguardi. Molto prima dei graffitisti alla Basquiat, prima della Pop Art, in concomitanza col riciclo urbano di Rauschenberg, Rotella registrava il malessere, la noia, le passioni collettive, i feticismi, il delirio politico. In poche parole, la vita con le sue contaminazioni ma anche le radici del futuro ’68, le derive ideologiche, la voglia crescente di gossip da copertina. Sono ormai icone le sue opere con Marilyn Monroe, John Wayne, Clark Gable, Liza Minnelli, Anita Ekberg… pezzi che da soli aumentano l’aura sacrale dei divi, proprio come accadde coi primi piani di Andy Warhol. Rotella e Warhol: due facce della stessa medaglia, stratificazione e sintesi davanti ai feticci, autori capaci di sentire la tristezza dietro l’eccesso, la follia dietro l’apparenza. Nei decenni il nostro artista è stato presente dentro musei e progetti di massimo livello internazionale. Ed è stato premiato, non dimentichiamolo, da un mercato che ha sempre amato i suoi ruggiti cartacei. Negli anni parigini ha anche sperimentato la fusione dei manifesti con la fotografia, la tela emulsionata, le cancellazioni, la pittura manuale. Non dimenticando mai la sua vera natura, quella che sugli strappi e le sovrapposizioni ha creato un momento indelebile della nostra cultura contemporanea. Dal 1980 Rotella viveva a Milano, la sua ultima città d’elezione, un altro dei luoghi che ha profondamente segnato il suo sguardo curioso e mai sazio.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram