Visioni & Illusioni 3064 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO NAZIONALE D'ABRUZZO - CASTELLO CINQUECENTESCO ​ Viale Benedetto Croce L'aquila 67100

L'Aquila - dal 30 giugno al 20 settembre 2007

Visioni & Illusioni

Visioni & Illusioni
Piero Gruccione
Il nero e l’azzurro, 2003
Olio su tela, cm 150 x 276
Collezione del Senato della Repubblica Italiana, Palazzo Madama, Roma
 [Vedi la foto originale]
MUSEO NAZIONALE D'ABRUZZO - CASTELLO CINQUECENTESCO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Benedetto Croce (67100)
+39 0862633229
spsadaq@arti.beniculturali.it
www.museonazionaleabruzzo.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il realismo visionario nella pittura italiana moderna e contemporanea
vernissage: 30 giugno 2007.
catalogo: pagine 148, illustrazioni 140, € 42,00 in libreria, € 25,00 in mostra
editore: MAZZOTTA
ufficio stampa: STUDIO PESCI
autori: Corrado Cagli, Duilio Cambellotti, Michele Cascella, Carlo Cattaneo, Fabrizio Clerici, Enrico Colombotto Rosso, Italo Cremona, Leonardo Cremonini, Umberto Crisciotti, Gianfranco De Angelis, Giorgio DeChirico, Mauro Di Silvestre, Antonio Donghi, Gerardo Dottori, Carlo Erba, Gigino Falconi, Ferruccio Ferrazzi, Giuseppe Fiducia, Giannetto Fieschi, Ezio Gribaudo, Carlo Guarienti, Piero Guccione, Federico Guida, Renato Guttuso, Alessandro Kokocinski, Romano Lotto, Mino Maccari, Mario Mafai, Giovanni Manfredini, Francesco Paolo Michetti, Giuseppe Modica, Franco Mulas, Zoran Music, Luca Pace, Maria Palliggiano, Francesco Parisi (1972), Silvia Pegoraro, Fausto Pirandello, Nicola Samorì, Ruggero Savinio, Alberto Savinio, Scipione Scipione, Mario Sironi, Federico Spoltore, Giovanni Stradone, Alberto Sughi, Filippo Tibertelli, Luciano Ventrone, Renzo Vespignani, Alberto Zamboni, Giuseppe Zigaina
note: In collaborazione con la DARC - Ministero dei Beni Culturali e con il Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito del progetto “Sensi contemporanei”
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 30 giugno al 20 settembre si terrà al Castello Spagnolo dell’Aquila la mostra Visioni e Illusioni. Il realismo visionario nella pittura italiana moderna e contemporanea, ideata e curata da Silvia Pegoraro. La mostra è realizzata dalla Regione Abruzzo, in collaborazione con il ministero dei Beni Culturali e il Ministero dello Sviluppo Economico, nell’ambito del progetto Sensi Contemporanei, promosso dalla DARC (Direzione per l’Arte e l’Architettura Contemporanee del Ministero dei Beni Culturali). L’organizzazione dell’evento e la cura degli allestimenti sono affidate all’Accademia dell’Immagine dell’Aquila.

La mostra coinvolge 51 artisti, per un totale di 100 opere, molte delle quali inedite (tra gli inediti anche dipinti di Michetti, De Chirico, Savinio, De Pisis, Sironi, Guttuso, Musič) suddivise in una sezione storica e in una sezione contemporanea, comprendente opere di artisti attualmente operativi.

----------------------------------------

Nella pittura italiana del Novecento si può individuare una linea, che si sviluppa sino a questo inizio di XXI secolo, la quale si pone in netto contrasto con la linea più fredda, oggettiva e minimale della cosiddetta avanguardia. Questo è ormai un dato di fatto, certo e acquisito, ma ciò che ancora è stato poco studiato e analizzato è l'insorgere di quella che andrebbe definita come una vera e propria linea di nuova visionarietà: una pittura che affonda le sue radici in un ritrovato rapporto con la coscienza profonda, con quell'inconscio di cui si credeva ormai spenta la forza propulsiva dopo cento e più anni di psicoanalisi. I più recenti sviluppi di questa linea pittorica non guardano, come il resto della pittura odierna, alla realtà mediale, alle immagini dei giornali, della televisione, del cinema o del fumetto, ma tornano ad affidare il proprio potere di creazione di immagini e di forme più o meno compiute a quel libero “fluire dell'immaginazione creatrice” di cui parlava Giuliano Briganti nel suo libro I pittori dell'immaginario: quello “spostarsi dell'attenzione dall'oggettivo al soggettivo”, che porta gli artisti ad elaborare “un nuovo senso del mito che affiora dal profondo sino alle soglie della coscienza, e che è identificabile con la genesi stessa delle immagini, cioè col determinarsi di una realtà linguistica e simbolica”.

Una tendenza pittorica che si potrebbe definire, con espressione ossimorica - ma proprio per questo carica di promesse e contraddizioni, slanci imprevedibili e spunti dialettici - Realismo Visionario. Questa mostra - ideata e curata da Silvia Pegoraro - vorrebbe documentare proprio tale tendenza, individuandone le radici nelle opere di grandi pittori del ‘900, e gli sviluppi più recenti nel lavoro di artisti delle ultime generazioni. Cento opere – di cui molte inedite – a documentare una pittura che non cancella i fantasmi del reale, l’eterna ossessione della referenzialità, ma li immerge nel magma dell’immaginario individuale, di una visione che è sguardo verso il reale, ma è sempre anche sogno, immaginazione, allucinazione: da Michetti a De Chirico, da Savinio a De Pisis, da Sironi a Guttuso, da Musič a Pirandello, da Guarienti a Guccione, sino ad arrivare ad alcuni fra i più interessanti pittori figurativi delle giovani generazioni, come Federico Guida, Mauro Di Silvestre, Giovanni Manfredini, Luca Pace, Nicola Samorì o Alberto Zamboni.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram