Mascherini e la scultura del '900 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CIVICO MUSEO REVOLTELLA - GALLERIA D'ARTE MODERNA ​ Via Armando Diaz 27 Trieste 34123

Trieste - dal 27 luglio al 14 ottobre 2007

Mascherini e la scultura del '900
[leggi la recensione]

Mascherini e la scultura del '900
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
CIVICO MUSEO REVOLTELLA - GALLERIA D'ARTE MODERNA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Armando Diaz 27 (34123)
+39 0406754350 , +39 0406754137 (fax)
revoltella@comune.trieste.it
www.museorevoltella.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra di Mascherini come occasione per percorrere un itinerario d’autore dentro l’arte del Novecento espressa nella scultura ma anche nella pittura e nell’architettura
orario: 9-23
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: unico per le due sedi: intero: 7 ridotto: 4
vernissage: 27 luglio 2007. ore 19
editore: ELECTA
ufficio stampa: STUDIO ESSECI, ELECTA
curatori: Alessandro Del Puppo, Flavio Fergonzi
autori: Kenneth Armitage, Dino Basaldella, Afro Basaldella, Leonardo Bistolfi, Vittorio Bolaffio, Alberto Burri, Guido Cadorin, Alfonso Canciani, Pietro Canonica, Giuseppe Capogrossi, Ugo Carà, Antonio Carena, Carlo Carrà, Felice Casorati, Bruno Cassinari, Michele Ciardi, Carlo Conte, Antonio Corpora, Bruno Croatto, Stefano de Luigi, Astolfo De Maria, Giuseppe De Nittis, Giorgio DeChirico, Charles Despieau, Marcello Dudovich, Giovanni Fattori, Pericle Fazzini, Leonor Fini, Lucio Fontana, Carlo Gentilini, Emilio Greco, Renato Guttuso, Gerolamo Induno, Max Klinger, Aristide Maillol, Fabio Mancini, Giacomo Manzù, Marino Marini, Martini, Arturo Martini, Pietro Marussig, Marcello Mascherini, Francesco Messina, Ivan Mestrovic, Luciano Minguzzi, Henry Moore, Moranti, Guido Morelli, Mattia Moreni, Ennio Morlotti, Zoran Music, Arturo Nathan, Plinio Nomellini, Luigi Nono, Arnaldo Oomodoro, Filippo Palizzi, Nino Perizi, Pablo Ruiz Picasso, Fausto Pirandello, Enrico Prampolini, Gaetano Previati, Domenico Rambelli, Ruggero Rovan, Giuseppe Santomaso, Alberto Savinio, Carlo Sbisà, Attilio Selva, Mario Sironi, Luigi Spacal, Filippo Tibertelli, Timmel, Arturo Tosi, Trentacoste, Emilio Vedova, Lorenzo Viani, Franz Von Stuck, Adolfo Wildt, Ossip Zadkine, Alberto Zigaina, Zuloaga
note: anche al Centro d’arte moderna e contemporanea dell’ex Pescheria centrale (Riva Nazario Sauro)
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra di Mascherini come occasione per percorrere un itinerario d’autore dentro l’arte del Novecento espressa nella scultura ma anche nella pittura e nell’architettura.

Il biglietto unico che unisce la visita alla mostra allestita nelle ex Pescherie Centrali con il vicino Museo Revoltella, oltre all’itinerario proposto in città, consente infatti di immergersi dentro l’arte del Novecento in molte delle sue più interessanti espressioni.

L’ampia retrospettiva dedicata a Mascherini è, per sua struttura, anche un viaggio dentro la scultura italiana ed europea del Novecento.

I grandi capolavori del Maestro sono infatti posti in correlazione e confrono con opere di Leonardo Bistolfi, Alfonso Canciani, Attilio Selva, Max Klinger, Adolfo Wildt, Ivan Mestrovic. Franco Asco, Ruggero Rovan, Domenico Rambelli, Arturo Martini, Marino Marini, Giamo Manzù, Francesco Messina, Lucio Fontana, Dino e Mirko Basaldella, Carlo Conte, Charles Despieau, Ossip Zadkine, Aristide Maillol, Ugo Carà, Pericle Fazzini, Luciano Minguzzi, Pablo Picasso. Lynn Chadwick, Kenneth Armitage, Henry Moore…

Alla scultura esposta alle ex Pescherie corrisponde la pittura esposta al Museo Revoltella, a completare un excursus, per sintesi, dell’arte di un intero secolo in Italia, con alcuni interessanti “cannocchiali” sull’Europa del Novecento.

Percorrendo le sale rinnovate di Palazzo Brunner, annesso alla storica residenza del barone Pasquale Revoltella, si ammira, infatti, una rappresentativa selezione delle numerosissime opere acquisite dal 1872 in poi per questa Galleria d’Arte Moderna.

Articolata in quattro piani, propone, al terzo piano, gli autori italiani del secondo Ottocento (Fattori, Induno, Palizzi, Morelli), al quarto, gli acquisti effettuati - tra la fine dell'Ottocento e la prima guerra mondiale - alle Esposizioni internazionali (De Nittis, Nono, Ciardi, Trentacoste, Canonica, Bistolfi, Carena, von Stuck, Zuloaga), al quinto piano gli artisti del primo Novecento a Trieste e in Italia (Marussig, Bolaffio, Cadorin, Croatto, De Maria, de Pisis, Mancini, Moranti, Nathan, Nomellini, Previati, Savinio, Sbisà, Sironi, Tosi,Timmel, Dudovich, Casorati, Sironi, Carrà, de Chirico, Martini) e, in una galleria più piccola, gli artisti del Friuli-Venezia Giulia degli ultimi cinquant'anni (Zigaina, Afro, Dino e Mirko Basaldella, Spacal, Perizi) mentre i protagonisti del panorama nazionale del secondo Novecento (Burri, Caporossi, Tassinari, Corpora, De Luigi, Leonor Fini, Fontana, Gentilini, Emilio Greco, Guttuso, Manzù, Marino Marini, Mattia Moreni, Ennio Morlotti Anton Zoran Music, Fausto Pirandello, Arnaldo Pomodoro, Prampolini, Santomaso, Vedova, Viani, per citarne alcuni), trovano posto nella grande sala del sesto piano che si apre alla vista della città e del mare. Da qui si può uscire sulla grande terrazza, disegnata da Carlo Scarpa, e vedere uno splendido panorama. Nelle sere d'estate (dal 15 luglio ai primi di settembre, da giovedì a domenica) in questi spazi è in funzione un caffè aperto fino a mezzanotte.

Seguendo l’itinerario che Trieste dedica a “Mascherini Monumentale”, ovvero alle numerose opere che l’artista creò per le piazze della città, si è invitati ad ammirare molti, importanti e spesso originali esempi dei diversi momenti dell’architettura del Novecento in una città che, forse più di altre, ha vissuto, per tutto quel secolo, cambiamenti che si sono stratificati lasciandoci alte testimonianze dei più diversi movimenti e stili.

Mascherini e la sua mostra offrono quindi un importante “pretesto” per addentrarci nella storia di un intero secolo in una città che da quella storia è stata fortemente plasmata.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram