Ennio Morlotti / Alfredo Chighine - Opere scelte 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva POLESCHI ARTE ​ Foro Buonaparte 68 Milano 20121

Milano - dal 25 ottobre 2007 al 18 gennaio 2008

Ennio Morlotti / Alfredo Chighine - Opere scelte

Ennio Morlotti / Alfredo Chighine - Opere scelte
Alfredo Chighine, Composizione, 1968, olio su tela
 [Vedi la foto originale]
POLESCHI ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Foro Buonaparte 68 (20121)
+39 0286997098 , +39 0286913367 (fax)
info@poleschiarte.com
www.poleschiarte.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Con la presentazione della mostra Morlotti e Chighine. Opere scelte la galleria Poleschi Arte indaga la stagione artistica che nel capoluogo lombardo, intorno alla metà del secolo scorso, segnò il cammino della pittura italiana verso i linguaggi della modernità, nel tempo del rapido progresso aperto al confronto internazionale
orario: Da martedì a sabato dalle 10/13.30 e 15.30/19.30; lunedì 16/20.
Domenica 28 ottobre 16/20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 25 ottobre 2007. ore 18
catalogo: in galleria
ufficio stampa: IRMA BIANCHI
curatori: Tino Gipponi
autori: Alfredo Chighine, Ennio Morlotti
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Con la presentazione della mostra Morlotti e Chighine. Opere scelte la galleria Poleschi Arte indaga la stagione artistica che nel capoluogo lombardo, intorno alla metà del secolo scorso, segnò il cammino della pittura italiana verso i linguaggi della modernità, nel tempo del rapido progresso aperto al confronto internazionale.

Le opere selezionate dal curatore Tino Gipponi rappresentano i più significativi momenti espressivi di Ennio Morlotti (1910-1992) e di Alfredo Chighine (1914-1974), focalizzando un percorso che descrive la vicenda di due protagonisti assoluti dell’arte italiana.

E’ il 1938 quando Morlotti, nativo di Lecco, si trasferisce a Milano dove entra a far parte del gruppo Corrente con Cassinari, Guttuso, Birolli e compagni. Con circa 20 opere la mostra privilegia il suo decennio felice tra gli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta, con quadri significativi tra i quali Vegetazione del 1956, Sterpi del 1958, Granoturco del 1959 e Paesaggio del 1964. In questi dipinti l’esaltazione fisica del colore-materia accosta un riecheggiamento del referente esterno ai fermenti della ricerca informale da vero "ultimo naturalista", secondo la definizione di Francesco Arcangeli.

Una lezione, quella dell’informale europeo, pienamente recepita da Chighine, rappresentato qui da circa 20 opere, a partire dalla prima fase che agli inizi degli anni Cinquanta lo vede già privilegiare gli effetti di segno, gesto e materia: significativi, a questo proposito, sono Figura verticale del 1954, Composizione ocra verde del 1956, Spirali intrecciate del 1957, senza escludere Rocce di Positano del 1959. "Successiva sarà la fase –scrive in catalogo Tino Gipponi- distillata con un accento più personale e meditato, liricamente distesa in una struttura compositiva più semplificata in pezzature giustapposte, con la materia mai inerte stesa con la spatola nella varietà risonante di colori maturi, profondi, smaltati, di vitrea lucidità o di increspata granulosità".

A proposito della mostra il curatore commenta: "Ennio Morlotti e Alfredo Chighine sono due vicende umane e artistiche differenti, legate però da un sottile filo che nella diversità le accomuna, simili nella prontezza con cui hanno saputo cogliere i fermenti innovativi della ventata postguerra".

In occasione della mostra viene pubblicato un catalogo edito da Poleschi Arte curato da Tino Gipponi.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram