Massimo Scolari 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAG MUSEO ALTO GARDA - MUSEO RIVA DEL GARDA ​ Piazza Cesare Battisti 3a Riva Del Garda 38066

Riva Del Garda (TN) - dal 9 settembre al 18 novembre 2007

Massimo Scolari
[leggi la recensione]

Massimo Scolari
[leggi la recensione]
La stanza del collezionista, XVII Triennale di Milano, 1986 (Foto L. Ghirri)
 [Vedi la foto originale]
MAG MUSEO ALTO GARDA - MUSEO RIVA DEL GARDA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Cesare Battisti 3a (38066)
+39 0464 573868 (fax)
info@museoaltogarda.it
www.museoaltogarda.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La ricostruzione dell’attività artistica è affidata a un’esposizione che ripercorre il complesso lavoro di questo artista intellettuale: un racconto che mette a fuoco, come scrive Daniele del Giudice in catalogo, “le multiple attività, architettura, pittura, scultura, scrittura” che determinano la “caratteristica rarissima” e “l’assoluta singolarità” di Massimo Scolari
orario: 10.00-18.00; lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: euro 2
vernissage: 9 settembre 2007. ore 11
editore: SKIRA
curatori: Giovanni Marzari
autori: Massimo Scolari
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Negli spazi del Museo di Riva del Garda e nel parco antistante la Rocca è allestita la mostra dedicata all’opera di Massimo Scolari.

La ricostruzione dell’attività artistica è affidata a un’esposizione che ripercorre il complesso lavoro di questo artista intellettuale: un racconto che mette a fuoco, come scrive Daniele del Giudice in catalogo, “le multiple attività, architettura, pittura, scultura, scrittura” che determinano la “caratteristica rarissima” e “l’assoluta singolarità” di Massimo Scolari.

Il legante che tiene assieme, sia cronologicamente che tematicamente, disegni, sculture, installazioni, scritti e fotografie sono gli straordinari acquerelli ai quali Massimo Scolari, fin dai primissimi anni Settanta, conferisce un carattere originalissimo, sorretto da una elaborata perfezione del mestiere e da una raffinata cultura dei contenuti.

Gli acquerelli testimoniano le diverse fasi della ricerca e mostrano la genesi formale che caratterizza le installazioni realizzate per la Biennale di Venezia, per la Triennale di Milano e per il Museo Palladio di Vicenza.

Le installazioni sono ampiamente documentate dai disegni di progetto, dai modelli che mettono in evidenza le caratteristiche architettoniche e scultoree e dalle numerose fotografie di Luigi Ghirri, di Gabriele Basilico, di Luca Campigotto, di Pino Guidolotti, ….

La mostra si apre con una scultura in bronzo alta 220 cm realizzata per l’installazione “L’origine dell’architettura” alla Biennale di Venezia del 1996 e si conclude nel parco della Rocca di fronte al lago con la “Saetta” alta oltre 7 metri, realizzata in acciaio per la Biennale di Venezia 2004 e collocata sul Padiglione Italia.

Il percorso espositivo inizia, invece, dai primi dipinti presentati da Aldo Rossi nel 1967, e continua con i disegni per l’Architettura laconica, l’Architettura lagunare, l’Architettura del limite: studi che si riflettono nei numerosi taccuini, dai quali prende avvio ogni suo lavoro, sia esso un dipinto, un’installazione o un mobile.

Al primo piano della Rocca è esposta una vasta rassegna di pezzi che Scolari ha disegnato in quasi vent’anni di collaborazione con la Giorgetti S.p.A, di cui è stato anche art director dal 1989 al 2001.

Installazioni, mobili, dipinti, disegni, scritti, sono i numerosi temi e materiali con i quali, come dice Carlo Bertelli in catalogo, Scolari: “ragiona sui segreti dell’arte, specialmente sul segreto maggiore che è la rappresentazione dello spazio”.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram