Franco Guerzoni - Antichi tracciati 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SCUDERIE DI PALAZZO MORONI ​ Via Del Municipio 1 Padova 35122

Padova - dal 27 settembre al 28 ottobre 2007

Franco Guerzoni - Antichi tracciati
[leggi la recensione]

Franco Guerzoni - Antichi tracciati
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
SCUDERIE DI PALAZZO MORONI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Municipio 1 (35122)
+39 049624146 , +39 0498685494 (fax)
as-pd@beniculturali.it
www.archivi.beniculturali.it/ASPD
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’impatto visivo dell’esposizione, costituita da circa venti opere, è caratterizzato dalle tonalità del bianco e del nero, attraverso le quali la luce rispettivamente conosce la sua dilatazione come il suo riassorbimento, allusivamente liberata dalle solcature che l’artista imprime nella materia
orario: tutti i giorni 10.00 - 13.00 e 16.00 - 19.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 27 settembre 2007. ore 18.00
catalogo: con un contributo critico di Umberto Galimberti ed un’intervista al pittore di Nicola Galvan
editore: SKIRA
curatori: Annamaria Sandonà
autori: Franco Guerzoni
genere: arte contemporanea, personale
email: infocultura@comune.padova.it
web: padovacultura.padovanet.it/stampa

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Pittore la cui notorietà ha da tempo travalicato i confini nazionali, Guerzoni ha visto la propria ricerca ricondotta nell’area espressiva dell’Informale, della quale non condivide tuttavia l’impulsiva gestualità, pur nella comune scelta non figurativa. Le sue immagini, nella loro inquietudine e mobilità, appaiono sottendere ognuna ad un’immagine ulteriore e potenziale, offrendo occasione di una compiuta lettura nel contesto dei rispettivi cicli: ultimo dei quali è “Antichi tracciati”, prossimo protagonista di un’esposizione a Tokio e qui presentato in anteprima, dove l’artista perviene ad un’espressione più decantata e rigorosa. La persistenza del passato nell’immagine del presente, ed insieme l’impossibilità di una sua effettiva ricostruzione, sono parte della poetica di Guerzoni fin dagli esordi affidati alla fotografia ed ai libri-opera, assumendo nel tempo le forme di una visionaria evocazione. L’approdo alla pittura ha distolto lo sguardo dell’artista dalle memorie recenti verso le stratificazioni della storia e gli incanti polverosi delle sue testimonianze. Ad un metaforico, ulteriore “viaggio” sembrano inoltre guardare le sue superfici, plausibili diari di bordo che del fare creativo registrano gli accadimenti, le scoperte, i cambi di direzione. L’impatto visivo dell’esposizione, costituita da circa venti opere, è caratterizzato dalle tonalità del bianco e del nero, attraverso le quali la luce rispettivamente conosce la sua dilatazione come il suo riassorbimento, allusivamente liberata dalle solcature che l’artista imprime nella materia.
La lunga attività creativa di Franco Guerzoni, oltre ad essersi manifestata attraverso innumerevoli esposizioni in Italia ed all’estero, ha conosciuto la propria consacrazione nel 1990 con la partecipazione dell’artista, con una sala personale, alla XLVI Biennale di Venezia. Importanti mostre antologiche gli sono state dedicate a Parma nel 1994 dal Centro Studi Arte Comunicazione dell’Università ed a Verona nel 2004 da Palazzo Forti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram