Caio Gracco - Così ci vogliono 3114 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA ​ Via Dei Mille 60 Napoli 80121

Napoli - dal 28 settembre al 2 ottobre 2007

Caio Gracco - Così ci vogliono

Caio Gracco - Così ci vogliono

 [Vedi la foto originale]
PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Mille 60 (80121)
+39 0817958600
pan@comune.napoli.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il progetto prende la forma di una campagna di affissioni che diffonde sul territorio cittadino un’unica immagine fotografica: un uomo –l’artista stesso- e un cane entrambi con il volto ingabbiato da una museruola sui quali campeggia la scritta "così ci vogliono"
biglietti: free admittance
vernissage: 28 settembre 2007. ore 19.00
ufficio stampa: CIVITA GROUP
curatori: Giulia Giovanardi, Alexandra Gracco Kopp
autori: Caio Gracco
patrocini: Comune di Napoli - dall’Assessorato alla Cultura
note: 20-30 settembre 2007 per le strade di Napoli
genere: performance - happening

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il 28 settembre alle ore 19.00 “così ci vogliono” dell’artista Caio Gracco arriva al PAN –dopo aver invaso le strade di Napoli- con un’incursione unica e incisiva.

La performance sarà seguita da una tavola rotonda a cui interverranno l’artista Caio Gracco, l’Assessore alla Cultura del Comune di Napoli Nicola Oddati, il sociologo Luigi Caramiello, il giornalista di Repubblica Napoli Marco Lombardi, la direttrice artistica del PAN Julia Draganovic e le curatrici del progetto Giulia Giovanardi e Alexandra Gracco Kopp, modera l’incontro la giornalista Rai Silvia Grassi.

Il progetto è sostenuto dall’Assessorato alla Cultura, in collaborazione con il PAN | Palazzo delle Arti Napoli e Civita.



L’azione al PAN rappresenta il momento culminante del progetto d’arte pubblica “così ci vogliono”.

Il progetto prende la forma di una campagna di affissioni che diffonde capillarmente e ossessivamente sul territorio cittadino un’unica immagine fotografica: un uomo –l’artista stesso- e un cane entrambi con il volto ingabbiato da una museruola sui quali campeggia la scritta così ci vogliono.



I manifesti sono il medium democratico scelto dall’artista per raggiungere la popolazione senza alcuna distinzione con una “provocazione” che mette in gioco questioni fondamentali quali la libertà, l’autodeterminazione, la legalità, il binomio sapere-potere.



Lontano dall’essere un’immagine rassicurante la foto si rivolge in modo diretto all’osservatore lo invita a specchiarsi, come suggerisce il titolo stesso, a riconoscersi imbavagliato e mutilato.

L’opera è il frutto di un sentimento di ribellione privato e intimo dell’artista contro un mondo particolare come quello dell’arte, e per questo motivo Caio Gracco decide di inserire se stesso nella foto con il volto ingabbiato da una museruola.



L’interpretazione dell’immagine non è però fissata, decisa e quindi sclerotizzata, ma si apre a letture potenzialmente infinite.

Questa continua germinazione di senso è determinata dal processo di identificazione che l’opera innesca nello spettatore.

La violenza critica e destrutturante dell’immagine è potenziata dall’ambiguità della scritta “così ci vogliono” impressa sulla foto secondo una modalità che ricorda i timbri della censura.



Le parole non precisano il bersaglio dell’operazione, non esplicitano quale potere o quale sistema ci vuole assoggettare, non forniscono a chi osserva soluzioni preconfezionate.

In questa apertura di letture possibili si costruisce lo spazio di responsabilità dello spettatore chiamato ad attualizzare il significato dell’immagine, a produrre ipotesi e non solo a ricevere passivamente slogan.



La città di Napoli è stata scelta dall’artista per la tensione interna che la anima, per la voglia di riscatto e di cambiamento che si affianca ad una situazione sociale difficile e complessa. L’invettiva di “così ci vogliono” tocca i sistemi di controllo impliciti e espliciti che aspirano a disciplinare l’uomo, ma soprattutto investe la mentalità che permette a questi poteri di sopravvivere.



La reazione delle persone all’immagine è al centro degli interessi di Caio Gracco che per questa ragione ha deciso di realizzare un video-documentario che registri l’impatto di “così ci vogliono” su Napoli. Il video seguirà l’intero sviluppo del progetto diventandone parte integrante e costitutiva.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram