AnimaUnderground 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CINODROMO PONTE MARCONI ​ Ponte Guglielmo Marconi Roma 00146

Roma - dal 27 gennaio 2008 al 27 gennaio 2009

AnimaUnderground

AnimaUnderground

 [Vedi la foto originale]
CINODROMO PONTE MARCONI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Ponte Guglielmo Marconi (00146)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un reportage concettuale che non va ad analizzare popoli lontani speculando, ma con autocritica osserva il popolo occidentale stesso nella sua incoffessata fragilità, al fine di stimolarne la coscienza ed affrontare un cambiamento
vernissage: 27 gennaio 2008.
autori: Guido Fabrizi
genere: documentaria, fotografia, personale
email: azioneanalogica@libero.it
web: animaunderground.wordpress.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
animaUnderground é "uno sguardo nella società occidentale". Un reportage concettuale che non va ad analizzare popoli lontani speculando, ma con autocritica osserva il popolo occidentale stesso nella sua incoffessata fragilità, al fine di stimolarne la coscienza ed affrontare un cambiamento.
Centinaia di finestrini della metropolitana che, come monitor nel buio, raccontano frammenti di centinaia di vite riflettendo anche qualcosa di noi. La mostra é viva, itinerante negli angoli più inconsueti di Roma, fuori da schemi e spazi espositivi di "circuito".
Attualmente verrà esposta all'interno dello spazio abitato da una comunità Rom che ha restaurato una struttura in abbandono rendendola realtà vivibile. L'evento vuole rappresentare un tentativo di riflessione sui luoghi comuni e pregiudizi che oltre a colpire chi li subisce imprigionano in uno schema mentale chi li genera. Un pensiero che non vuole soffermarsi solo su come viviamo il rapporto con i Rom, ma guardare in faccia alla paura che la diversità genera nell'uomo occidentale, in un momento storico in cui dobbiamo abbattere le barriere mentali per proseguire insieme nel futuro. La mostra verrà inaugurata il 27 Gennaio, "Giorno della Memoria" e della caduta dei cancelli di Auschwitz.

immagini di http://www.guidofabrizi.com
blog: http://animaunderground.wordpress.com
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram