Giuseppe Fioriello - Eyes wide shut 3175 utenti online in questo momento
exibart.com
giochi
 
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
La lavagna
Question Time
Reading Room
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche

Bitonto (BA) - dal 25 gennaio al 25 febbraio 2008
Giuseppe Fioriello - Eyes wide shut


 [Vedi la foto originale]
TEATRO COMUNALE TOMMASO TRAETTA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Guglielmo Marconi (70032)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Con esplicita allusione al “Doppio sogno” di Arthur Schnitzler, una storia che si sviluppa su percorsi paralleli tra sogno e intenzione, fino alla coscienza di sé, l’artista prevede di giungere ad una conoscenza, conquistata non senza disorientamento
orario: 18,30 – 20,30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
prenota il tuo albergo a Bitonto (BA):
Booking.com
vernissage: 25 gennaio 2008. ore 19
curatori: Lucia Anelli
autori: Giuseppe Fioriello
telefono evento: +39 3396049965
genere: arte contemporanea, personale
email: solopassaggi@libero.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Con esplicita allusione al “Doppio sogno” di Arthur Schnitzler, una storia che si sviluppa su percorsi paralleli tra sogno e intenzione, fino alla coscienza di sé, l’artista prevede di giungere ad una conoscenza, conquistata non senza disorientamento.

Un geometrismo primitivo e sintetico - evocativo e sacrale - è affiancato alle frequenti scelte informali, che mostrano una sensibilità visionaria.

Il complesso figurale che si percepisce è un tentativo di svelare percorsi, passaggi, scovando risposte - ma si desiderano davvero? – disattese e sempre abbozzate.

La luce è esplorata, smembrata, catturata nel suo frangersi e attraversare la materia, tra continue negazioni e convergenze.

L’utilizzo del linguaggio fatto di contrapposizioni, dal gesto al segno, dall’indizio grafico a quello informale è monito per il nostro quotidiano, impietoso riferimento al moderno modus vivendi nella continua e compiaciuta antinomia tra guerra e pace, amore e odio, occidentale e orientale, bianco e nero.

 
community
trovamostre