Giuseppe Fioriello - Eyes wide shut 3170 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
fotografia
ALLONS ENFANT/12
reading room
senti chi parla
I galleristi si raccontano
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TEATRO COMUNALE TOMMASO TRAETTA ​ Piazza Guglielmo Marconi Bitonto 70032

Bitonto (BA) - dal 25 gennaio al 25 febbraio 2008

Giuseppe Fioriello - Eyes wide shut

Giuseppe Fioriello - Eyes wide shut

 [Vedi la foto originale]
TEATRO COMUNALE TOMMASO TRAETTA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Guglielmo Marconi (70032)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Con esplicita allusione al “Doppio sogno” di Arthur Schnitzler, una storia che si sviluppa su percorsi paralleli tra sogno e intenzione, fino alla coscienza di sé, l’artista prevede di giungere ad una conoscenza, conquistata non senza disorientamento
orario: 18,30 – 20,30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
prenota il tuo albergo a Bitonto (BA):
Booking.com
vernissage: 25 gennaio 2008. ore 19
curatori: Lucia Anelli
autori: Giuseppe Fioriello
telefono evento: +39 3396049965
genere: arte contemporanea, personale
email: solopassaggi@libero.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Con esplicita allusione al “Doppio sogno” di Arthur Schnitzler, una storia che si sviluppa su percorsi paralleli tra sogno e intenzione, fino alla coscienza di sé, l’artista prevede di giungere ad una conoscenza, conquistata non senza disorientamento.

Un geometrismo primitivo e sintetico - evocativo e sacrale - è affiancato alle frequenti scelte informali, che mostrano una sensibilità visionaria.

Il complesso figurale che si percepisce è un tentativo di svelare percorsi, passaggi, scovando risposte - ma si desiderano davvero? – disattese e sempre abbozzate.

La luce è esplorata, smembrata, catturata nel suo frangersi e attraversare la materia, tra continue negazioni e convergenze.

L’utilizzo del linguaggio fatto di contrapposizioni, dal gesto al segno, dall’indizio grafico a quello informale è monito per il nostro quotidiano, impietoso riferimento al moderno modus vivendi nella continua e compiaciuta antinomia tra guerra e pace, amore e odio, occidentale e orientale, bianco e nero.

 
trovamostre