Nahum Tevet 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 14 marzo al 18 maggio 2008

Nahum Tevet
[leggi la recensione]

Nahum Tevet
[leggi la recensione]
MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Due grandi installazioni selezionate come tappe indicative nella ricerca dell’artista volta alla ridefinizione dello spazio attraverso complessi assemblaggi di oggetti, materiali e colori, che creano nuove e sorprendenti costruzioni.
orario: da martedì a domenica 9.00 - 19.00; chiuso: tutti i lunedì, 1 maggio
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 1 euro
vernissage: 14 marzo 2008. ore 18.30
catalogo: con una conversazione tra Danilo Eccher direttore di MACRO e Nahum Tevet
editore: ELECTA
ufficio stampa: Lorenza Bolelli
lorenza.bolelli@comune.roma.it
Ufficio Stampa MACRO
Federica Provaroni
ufficiostampa.macro@comune.roma.it
curatori: Danilo Eccher
autori: Nahum Tevet
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nahum Tevet (1946), artista israeliano che vive e lavora a Tel Aviv, ha scelto per la mostra che MACRO gli dedica presso le Sale Panorama una serie di opere contraddistinte dall’utilizzo di materiali lignei: due grandi installazioni, Untitled 1995-96 e Take Two, e alcune opere a parete. I lavori selezionati rappresentano le tappe fondamentali del percorso artistico di Tevet, un cammino segnato dalla continua ridefinizione dello spazio abitativo.

Tevet esplora il territorio dove arte contemporanea e architettura si intersecano, realizzando strutture complesse dal design minimale. Nello specifico si tratta di assemblaggi apparentemente caotici di parti di mobili e di materiali vari trattati con vernici colorate, strutture dall’aria instabile ma in verità costruite seguendo i rigorosi principi della geometria.

Dalle prime opere degli anni 70’ e 80’ nelle quali era predominante la rappresentazione e la trasposizione razionale della logica dell’assemblaggio, Tevet passa progressivamente alla realizzazione di grandi installazioni dove l’osservatore può rintracciare diversi punti d’inizio per creare il proprio soggettivo percorso all’interno delle ideali sezioni delle strutture in essere.

Le installazioni si compongono di molteplici punti di snodo, quasi come fossero labirinti, con diversi ideali punti di partenza che danno prospettive e vie di fuga sempre diverse tra loro. In questo percorso esplorativo, si ritrovano materiali e componenti familiari, angoli intimi che rendono personale l’esperienza all’interno dello spazio comune. Ed è proprio sulla collocazione dell’opera d’arte e dell’individuo all’interno dello spazio collettivo che Tevet fonda la sua ricerca.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram