Paolo Annibali - Opere 3107 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva COMPLESSO MONUMENTALE DI SAN SALVATORE IN LAURO ​ Piazza Di San Salvatore In Lauro 15 Roma 00186

Roma - dal 15 febbraio al 15 marzo 2008

Paolo Annibali - Opere

Paolo Annibali - Opere

 [Vedi la foto originale]
COMPLESSO MONUMENTALE DI SAN SALVATORE IN LAURO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Di San Salvatore In Lauro 15 (00186)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un cospicuo insieme di sculture in bronzo e in terracotta, bozzetti e studi preparatori, per un’esaustiva lettura di tutta la produzione dell'artista attraverso le opere più significative, di carattere religioso e laico
orario: tutti i giorni 10 – 13 / 16 – 19. Chiuso domenica pomeriggio
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 febbraio 2008. ore 18
editore: SKIRA
ufficio stampa: STUDIO BEGNINI
autori: Paolo Annibali
telefono evento: 0731213685
genere: arte contemporanea, personale
web: www.noicultura.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Si tratta di un’esposizione importante di questo maturo artista contemporaneo, confinato finora nella provincia, che presenterà un cospicuo insieme di sculture in bronzo e in terracotta, bozzetti e studi preparatori, dando un’esaustiva lettura di tutta la sua produzione attraverso le opere più significative, di carattere religioso e laico. Un artista degno di una sede quale quella del Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro, che da qualche anno ha ripreso ad utilizzare gli ambienti restaurati e il chiostro rinascimentale per l’organizzazione di importanti mostre e manifestazioni culturali anche a carattere nazionale, oltre quelle riguardanti le Marche e la Comunità di Roma.
Paolo Annibali si dedica alla scultura laica narrando storie quotidiane attraverso i suoi personaggi introversi e apparentemente solitari, fotografando attimi di riflessione nello scorrere rapido della vita. Ma è anche, e soprattutto, uno dei protagonisti dell’arte sacra contemporanea, in piena sintonia con il gusto estetico della Chiesa che fin dalla sua nascita ha affidato alla bellezza estetica il compito di manifestare la Bellezza morale e spirituale. Non un divo dell’arte in cerca di gratificazione visiva, ma un artista sapiente in cerca del significato. Uno scultore che si fa sensibile interprete dei fatti cristiani attraverso eleganti figure di madonne, angeli, santi, e crea una scultura leggibile densa di riferimenti che invita a riflettere, raffigura l’ansia dell’eterno tipica dell’uomo e la strada a cui Dio ci vuol condurre, induce al raccoglimento, aiuta la preghiera. Vale a dire, Paolo Annibali fa arte dedicata al trascendente lontano da spettacolarizzazioni e da vuoti modernismi che poco centrano con la fede, ma anzi con le sue figure concrete e umanissime, risponde perfettamente alla primaria esigenza pastorale della Chiesa di comunicare con l’intera comunità di fedeli.
La mostra sarà accompagnata dalla pubblicazione di un catalogo edito da Skira, in cui sono inseriti, tra gli altri, contributi critici del Mons. Carlo Chenis, vescovo della diocesi di Civitavecchia-Tarquinia e docente straordinario presso la Facoltà di Filosofia dell’Università Pontificia Salesiana, e di Flaminio Gualdoni, docente di storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano e una delle figure di maggior rilievo della critica d’arte contemporanea.
Ad accogliere il visitatore anche la proiezione di un video contenente un’intervista al Maestro Annibali e un ampio excursus sul suo modo di lavorare.
Paolo Annibali (San Benedetto del Tronto, 1958) ha dedicato la propria carriera artistica prevalentemente alla realizzazione di opere d’arte di destinazione sacra e pubblica, legate a contesti architettonici urbani.
Di particolare importanza sono la Porta della Misericordia (1997) per la chiesa di San Filippo Neri e la Porta dello Spirito Santo (1998) per la chiesa di San Pio X a San Benedetto del Tronto, le porte della chiesa Regina Pacis in Matelica (Macerata) del 2001, la Porta di San Giacomo Maggiore per la chiesa di San Jacopo in Pratovecchio (Arezzo), realizzata nel 2004 e i lavori eseguiti nella città di Fiesole, la Porta di San Giovanni Battista per la chiesa di San Giovanni Decollato del 2003 e l’ambone per la Cattedrale del 2007.
Due le opere di destinazione pubblica ideate per San Benedetto del Tronto, Il mare, il ritorno (2002), monumento ai caduti del mare nel porto della città e Racconti di mare e di costa (2002), fregio per la Capitaneria di Porto.
Attualmente Paolo Annibali vive e lavora a Grottammare (Ascoli Piceno).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram