Il realismo olandese dalle avanguardie magiche alle ultime generazioni 3057 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO LEONE DA PEREGO ​ Via Monsignor Eugenio Gilardelli 10 Legnano 20025

Legnano (MI) - dal 23 febbraio al 20 aprile 2008

Il realismo olandese dalle avanguardie magiche alle ultime generazioni
[leggi la recensione]

Il realismo olandese dalle avanguardie magiche alle ultime generazioni
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO LEONE DA PEREGO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Monsignor Eugenio Gilardelli 10 (20025)
+39 0331471335
comunicazioni@legnano.org
www.legnano.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Per la prima volta in Italia la mostra che racconta, attraverso sessanta capolavori, l’avventura del realismo olandese, uno dei più interessanti movimenti artistici europei del Novecento
orario: da martedì a venerdì 16.30-19; sabato 16-19.30; domenica e festivi 10-13/15-19.30; chiuso lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 23 febbraio 2008. ore 11.30
editore: ALLEMANDI
ufficio stampa: CLP
curatori: Flavio Arensi, Annabelle Birnie, Yildith della Coletta, Caroline Vos
autori: Philip Akkerman, Barend Blankert, Annemarie Busschers, Nicolas Dings, Douwe Elias, Joke Frima, Peter Hartwig, Henk Helmantel, Raoul Hynckes, Dick Ket, Theo l'Herminez, Pieter Pander, Matthijs Röling, Wim Schuhmacher, Eja Siepman van den Berg, Gerrit van 't Net, Arnout van Albada, Anneke van Brussel, Tony van de Vorst, Piet van den Boog, Koos Van Keulen, Adriana van Zoest, Bernard Verkaaik, Carel Willink, Sylvia Willink
patrocini: Comune di Legnano, Assessorato alla Cultura, Ambasciata dei Paesi Bassi a Roma, Consolato Generale dei Paesi Bassi a Milano, ING Bank, ING Investment Management Italia, Regione Lombardia, Provincia di Milano, Fondazione Mondrian e Gruppo Pellegrini
genere: arte moderna e contemporanea, collettiva
web: www.ingartcollection.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Per la prima volta in Italia, dal 23 febbraio al 20 aprile 2008, a Palazzo Leone da Perego, a Legnano, si tiene la mostra che racconta, attraverso sessanta capolavori, l’avventura del REALISMO OLANDESE, uno dei più interessanti movimenti artistici europei del Novecento, dai padri del Realismo Magico, Pyke Koch, Carel Willink, Wim Schuhmacher, Dick Ket, fino ai recenti e ossessivi autoritratti di Philip Akkerman, provenienti dalla Collezione ING Olanda.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Legnano – Assessorato alla Cultura, in collaborazione con l’Ambasciata dei Paesi Bassi a Roma e il Consolato Generale dei Paesi Bassi a Milano, ING Bank, ING Investment Management Italia, col patrocinio della Regione Lombardia, della Provincia di Milano, col sostegno della Fondazione Mondrian e Gruppo Pellegrini.

L’esposizione, curata da Flavio Arensi, direttore di Palazzo Leone da Perego, e dagli studiosi olandesi Annabelle Birnie (Head ING Art Management), Yildith della Coletta e Caroline Vos, traccerà ottant’anni d’arte all’insegna della figurazione, dagli sviluppi stilistici del Realismo olandese, che prende avvio negli anni Venti del Novecento (il quadro di Schuhmacher dedicato a San Giminiano è del 1926) fino al nuovo secolo (le ultime opere sono infatti del 2007).

Sin dal Rinascimento, arte italiana e arte fiamminga hanno intrecciato, pur da posizioni diverse, un fitto lavoro di analisi sulla realtà della visione e sull’illusione dello spazio che ha segnato profondamente l’intera successiva arte europea. Il percorso espositivo delinea quanto la contemporaneità non abbia esaurito le sue possibilità ma, al contrario, sia gravida degli sviluppi propri di ogni linguaggio, strumento di comprensione e conoscenza dell’esperienza. La sezioni della mostra giocheranno essenzialmente fra esterno e interno, ma non soltanto come rappresentazione del paesaggio o dell’ambiente domestico, bensì come manifestazione del corpo e della sua anima.

Come in passato, la programmazione di Palazzo Leone da Perego cerca nell’indagine della Realtà uno spunto per comprendere il tempo contemporaneo. Dopo le mostre dedicate a Willy Varlin e Jean Rustin, il comune di Legnano omaggia ancora la produzione dei grandi maestri stranieri, avviando un serrato confronto fra la nostra tradizione e quella europea.

Accompagna l’esposizione un catalogo Allemandi.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram