Velasco Vitali - Lato4 3084 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PROJECTB ​ Via Pietro Maroncelli 7 Milano 20154

Milano - dal 12 marzo al 24 aprile 2008

Velasco Vitali - Lato4
[leggi la recensione]

Velasco Vitali - Lato4
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
PROJECTB
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Pietro Maroncelli 7 (20154)
+39 0286998751 , +39 0280581467 (fax)
info@projectb.eu
www.projectb.eu
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Quadri di città e sculture verranno allestite negli spazi di Projectb e, a pochi passi, il Monumento a Sandro Pertini di Aldo Rossi ospiterà una grande installazione
orario: lunedì-venerdì: 11.00-13.00 14.00-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 12 marzo 2008. ore 19-21
catalogo: con testi di Danilo Eccher
editore: ELECTA
ufficio stampa: ADICORBETTA
curatori: Danilo Eccher
autori: Velasco Vitali
patrocini: Comune di Milano
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dopo i tanti progetti in spazi pubblici negli ultimi cinque anni, Velasco Vitali ritorna in uno spazio privato a Milano, con la mostra LATO 4. Da metà marzo a fine aprile 2008, presso ProjectB Contemporary Art, la galleria diretta da Emanuele Bonomi, saranno esposte opere su tela dedicate alla città e una grande installazione scultorea. Nei giorni di inaugurazione, a pochi metri da ProjectB, presso il monumento di Aldo Rossi dedicato a Sandro Pertini, verranno esposte otto sculture di ferro e bronzo.

Per la parte pittorica saranno otto le tele in mostra, tutte raffiguranti Milano. Composizioni di pieni e vuoti, spazi urbani tra ordine e disordine perché nei quadri di Velasco non esiste definizione topografica bensì una continua ricerca verso una visione più ampia. Così i luoghi simbolo di Milano, le grandi e storiche architetture (la torre Velasca, il grattacielo Pirelli), i monumenti (l’Arena), le strade più note (da via Larga a corso Europa) perdono, attraverso il linguaggio della pittura, la loro definizione, la loro leggibilità e riconoscibilità, a favore di una percezione estesa più incline al caos che all’ordine.

Per la parte scultorea: 8 cani di ferro e bronzo saranno esposti per i giorni di inaugurazione presso il monumento di Aldo Rossi in piazzetta Croce Rossa, tra via Manzoni e via Monte di Pietà mentre altri 8 cani, sempre di ferro e bronzo, faranno parte di una grande installazione, all’interno dello spazio box di ProjectB, e poggeranno su parallelepipedi in ferro ispirati alla gradinata di Rossi.

“Chi pratica la pittura come Velasco Vitali - scrive Danilo Eccher nel catalogo Immagini, Forme e Natura delle Alpi, Electa 2007 - esprime il coraggio o l’incoscienza di chi accetta la sfida del proprio tempo restando sul proprio territorio aspettando ma non nell’immobilità. Anzi, proprio questa è la grande sfida: accettare l’attesa praticando il movimento e la corsa. Nessuna compiacenza nostalgica dunque e neppure un attardarsi allo specchio, nessuna paura della competizione e nemmeno il piacere narcisistico di un esibito virtuosismo. Chi pratica la pittura sa però di non usare uno dei molteplici linguaggi dell’arte, sa di camminare con i morti e non deve avere paura.”



 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram