Josef Maria Auchentaller (1865-1949). Un secessionista ai confini dell’Impero 3050 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO ATTEMS-PETZENSTEIN ​ Piazza Edmondo De Amicis 2 Gorizia 34170

Gorizia - dal 23 aprile al 30 settembre 2008

Josef Maria Auchentaller (1865-1949). Un secessionista ai confini dell’Impero
[leggi la recensione]

Josef Maria Auchentaller (1865-1949). Un secessionista ai confini dell’Impero
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO ATTEMS-PETZENSTEIN
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Edmondo De Amicis 2 (34170)
+39 0481 547499
musei.erpac@regione.fvg.it
www.musei.regione.fvg.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra presenta al pubblico l’opera di Josef Maria Auchentaller (Vienna 1865 - Grado 1949), uno degli artisti partecipi al rivoluzionario panorama delle arti viennesi di inizio secolo
vernissage: 23 aprile 2008. ore 11.30
catalogo: Esaexpoedizioni, italiano/tedesco
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Roberto Festi
autori: Josef Maria Auchentaller
genere: personale, arte moderna

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra presenta al pubblico l’opera di Josef Maria Auchentaller (Vienna 1865 - Grado 1949), uno degli artisti partecipi al rivoluzionario panorama delle arti viennesi di inizio secolo. Pittore e grafico, Auchentaller è stato per oltre un decennio un attivo protagonista all’interno del movimento della Secessione fondato a Vienna da Gustav Klimt nel 1897. Collaboratore e responsabile in prima persona di molte delle mostre realizzate dal movimento a cavallo del secolo, coinvolto nella redazione della rivista “Ver Sacrum” – l’organo ufficiale della Secessione, l’artista non ha mai avuto una fortuna critica all’altezza dei suoi meriti. La scelta di abbandonare Vienna, già nel 1901, per seguire la moglie Emma nell’avventura “turistica” a Grado, lo isolò anzitempo dall’ambiente viennese.


Anche gli studi critici degli ultimi decenni hanno faticato ad inserire la figura di Auchentaller nel novero degli artisti viennesi aderenti al movimento secessionista. Al di là dei meriti specifici, la difficoltà nel reperimento delle sue opere – molte delle quali conservate nelle raccolte private degli eredi – hanno contribuito a “isolare” l’artista in un limbo di scarsa o quasi nulla conoscenza. Il lavoro, inedito, di tesi di laurea di Vera Vogelsberger (Innsbruck, 1985) è l’unico recente contributo su Auchentaller e il primo serio tentativo di riordino e catalogazione della sua opera pittorica e grafica. Recentemente, i Musei Provinciali di Gorizia gli hanno dedicato una sala all’interno della mostra “Belle Epoque Imperiale. L’arte, il design”, riproponendo al grande pubblico la figura di Auchentaller.


La disponibilità degli eredi al prestito, la volontà di diffondere l’opera di un artista ancora così poco conosciuto, così come la certezza che proprio attraverso la visione di un panorama sempre più vasto dei protagonisti delle arti viennesi d’inizio secolo si possano cogliere i veri significati di quel movimento artistico, sono alla base di questa mostra che nasce itinerante in tre sedi e che avrà il suo esordio presso i Musei Provinciali di Gorizia a Palazzo Attems-Petzenstein da aprile ad agosto 2008.


Circa quattrocento le opere in esposizione – suddivise in sei sezioni –, molte delle quali assolutamente inedite: tele, disegni, studi, manifesti, bozzetti, gioielli, fotografie; alcuni materiali provengono da prestiti concessi dai più importanti musei viennesi. Il percorso artistico di Auchentaller viene analizzato fin dagli anni della formazione a Vienna e Monaco, passando attraverso la fondamentale esperienza secessionista e sino agli anni della maturità, quando risiede ormai stabilmente a Grado, dedicandosi alla pittura di paesaggio e al ritratto. La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue (it./ted.;200 pp. esaExpoedizioni) che scheda e commenta criticamente tutti i materiali esposti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram