Uno sguardo da Capodimonte. Craigie Horsfield - Napoli conversation 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/07/2019
Una gara da 2 milioni di euro per il risanamento del Museo Archeologico di Aquileia
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DI CAPODIMONTE ​ Via Di Miano 2 Napoli 80131

Napoli - dal 14 marzo al 13 aprile 2008

Uno sguardo da Capodimonte. Craigie Horsfield - Napoli conversation

Uno sguardo da Capodimonte. Craigie Horsfield - Napoli conversation
MUSEO DI CAPODIMONTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di Miano 2 (80131)
+39 0817499111 , +39 0817445032 (fax)
sspsae-na.capodimonte@beniculturali.it
www.museo-capodimonte.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

A Capodimonte Craigie Horsfield presenta immagini frutto di una speciale relazione tra persone e luoghi che caratterizza il suo lavoro, nel quale l’iconografia e la storia dell’arte si ritrovano non tanto come citazione, ma come presupposto dello sguardo.
orario: 14.30-19.30 chiuso il mercoledì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 7,50 €
vernissage: 14 marzo 2008. ore 18
editore: ELECTA NAPOLI
ufficio stampa: CIVITA GROUP
curatori: Cristiana Colli
autori: Craigie Horsfield
genere: fotografia, personale
email: polomusna.uffstampa@arti.beniculturali.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“NAPOLI CONVERSATION”

Craigie Horsfield

con
Maria Teresa Annarumma Raffaele Aragona Maria Giuseppina Castellano
Angelo Crispino Nicoletta Daldanise Maria Di Niola Lucia Donadio
Giuseppe Lucio Gaeta Vittorio Guida Rossana Miele Gabriella Paderni
Antonio Picardi Antonio Ruffo Rosario Squillace Luca Strazzullo



Napoli, Museo di Capodimonte

15 marzo - 13 aprile

In occasione delle celebrazioni del cinquantenario dell’apertura al pubblico del Museo di Capodimonte, la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Napoletano ha commissionato tre mostre fotografiche a tre grandi artisti internazionali, che hanno lavorato al progetto site specific con modalità diverse, nelle scelte tematiche e nelle soluzioni visive o linguistiche, interpretando il rapporto della città con il Museo, il modo in cui esso viene percepito e vissuto, il suo essere una delle strutture culturali napoletane di maggior prestigio europeo.



Per la seconda fase della trilogia - iniziata con la mostra di Olivo Barbieri conclusa il 17 febbraio scorso – saranno presentate, per la prima volta in una istituzione pubblica italiana, al Museo di Capodimonte, le opere Craigie Horsfield.

Il fotografo inglese è conosciuto in particolare per le foto in bianco e nero, di grandi dimensioni e straordinaria intensità visiva realizzate per il film “El Hierro Conversation”, mostrato a Documenta 11 e all’ultima Whitney Biennal a New York, ed esposte in rassegne e musei inernazionali, ma anche per cicli celebri come “Barcelona: la ciutat de la Gent”, “Brussels Summer” e “The Rotterdam Conversation”.



Craigie Horsfield da sempre si interroga e lavora sul rapporto tra individuo e collettività; la speciale pratica artistica insieme a una tecnica sofisticata fanno dei suoi ritratti – individuali e collettivi – e dell’intera sua produzione, qualcosa di profondamente diverso da esperienze apparentemente affini e sono in ogni caso un unicum nel panorama dell’arte contemporanea.

I primi riconoscimenti gli vengono riservati con la storica mostra “Un’altra oggettività” (Parigi, 1989) alla quale partecipano anche Jeff Wall, Thomas Struth, Robert Adams, Bernd e Hilla Becher. Seguono mostre personali in tutto il mondo e riconoscimenti al taglio e all’impaginazione, in tutto originale, dei suoi lavori.



A Capodimonte Craigie Horsfield presenta immagini frutto di una speciale relazione tra persone e luoghi che caratterizza il suo lavoro, nel quale l’iconografia e la storia dell’arte si ritrovano non tanto come citazione, ma come presupposto dello sguardo.



Le fotografie, a colori e in copia unica, sono realizzate con la tecnica dry print, ossia stampe a getto d’inchiostro modificate e realizzate su carta da disegno. Sono il risultato di un lungo e complesso processo elaborato negli anni che conferisce grande intensità e profondità alle persone, ai paesaggi e agli oggetti che rappresenta.



Delle tre diverse letture fornite dai singoli artisti, sia da Capodimonte che su Capodimonte, resterà nelle raccolte permanenti del Museo un documento rilevante attraverso la donazione di una delle immagini che di volta in volta sono in esposizione, così da costituire, con le foto già donate in passato, un altro nucleo rilevante del ‘contemporaneo’ a Capodimonte, luogo non solo di conservazione di antiche e prestigiose collezioni ‘storiche’, ma, attraverso la contaminazione e il dialogo tra passato e presente, anche laboratorio per nuove idee e nuove intese.



La terza esposizione della trilogia è di Mimmo Iodice, dal 23 maggio al 29 giugno.



Il progetto è a cura di Cristiana Colli.



Catalogo Electa Napoli con i contributi del geografo Franco Farinelli e del giornalista e scrittore Gian Luca Favetto.



La mostra è organizzata da Civita con il sostegno della Compagnia di San Paolo.


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram