Kristina Bastian - Lustwandeln, miele zafferano lavanda 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CALCAGNO ART STUDIO ​ Campo del Ghetto 2918 Venezia 30121

Venezia - dal 3 al 18 maggio 2008

Kristina Bastian - Lustwandeln, miele zafferano lavanda

Kristina Bastian - Lustwandeln, miele zafferano lavanda

 [Vedi la foto originale]
CALCAGNO ART STUDIO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Campo Del Ghetto 2918 (30121)
+39 3391134786
calcagnoartgallery@gmail.com
www.calcagnoartstudio.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Kristina Bastian (1970 Stadthagen, Germania) vive e lavora a Venezia; è artista, designer di giardini e pedagoga. Per l'inaugurazione della sua personale eseguirà un'azione artistica con i fiori davanti lo spazio della galleria, "99 Gerbere - omaggio alla mia nonna".
orario: da lunedì a venerdì 10/13 -15/18
Sabato e domenica su appuntamento

(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 maggio 2008. 18.30
curatori: Françoise Calcagno
autori: Kristina Bastian
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 3 maggio la galleria Françoise Calcagno Art Studio presenta “Lustwandeln – miele zafferano lavanda”, esposizione personale di Kristina Bastian, nata a Stadthagen (Germania) nel 1970, veneziana d’adozione.
Artista, designer di giardini e pedagoga, ha un particolare interesse per le piante e la natura, per i gioielli quali “portatori di emozioni”, per le diverse caratteristiche dei materiali e l’espressione artistica nello spazio; lei stessa afferma “Vorrei aprire nuovi spazi, nuove forme di bellezza. Vivere con arte il design di oggetti funzionali con cui conviviamo e trovare la gioia di usarli. Mi sta a cuore unire la poesia, la forma, il colore con la funzionalità di un oggetto e il suo ambiente. Il mio motore per creare un giardino, un gioiello, o un ambiente è la pittura.”
Diplomata in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia, Kristina lavora, studia e realizza progetti artistici tra Venezia, Oldenburg, Flensburg, Hamburg. Nel 2000 progetta e realizza un giardino artistico “Giardino dei sensi e dei piaceri” a Brunico, Alto Adige e dal 2003 disegna gioielli di arte contemporanea in vetro di Murano per uno studio veneziano. Attualmente fa parte dell’Associazione Culturale Internazionale “Collettivo Zafferano” dedita alla realizzazione di progetti che colleghino arte, cultura e natura nello spazio sociale e pubblico.
Tutto comincia con una linea; i suoi disegni sembrano quasi incidentali, a mo’ di schizzo e allo stesso tempo inconfondibilmente autonomi e pregnanti. Nei dipinti il suo procedere diventa ancora più ricco, sia per quanto riguarda il materiale, che per il modo in cui li tratta e in cui viene usata la materia. Ci troviamo davanti a un processo che è costituito da disegno, pittura, collage e molto altro ancora e noi, come spettatori, viviamo l'intensità di questo processo nel suo risultato finale che si slega da una dimensione estetico-formale e spaziale. Lustwandeln – miele zafferano lavanda, intraducibile in italiano, è qualcosa di simile al passeggiare contemplando le metamorfosi del piacere. I quadri di Kristina Bastian non si limitano mai a una dimensione sola. S'incontrano opposti apparentemente incongiungibili, il dettaglio preciso ed il gesto solo suggerito, il monocromo ed i colori puri, la forma precisa ed il sciogliersi della forma, l'impegno affettuoso che è coinvolgimento e la rottura ironica che crea distanza.
L’artista dispone forme e colori, li distrugge per poi ricomporli di nuovo e in modo nuovo e per portarli ad una sintesi: non c'è niente di definito nè di ermetico, ma lei firma il processo in un attimo con la decisione: così deve rimanere. E il quadro riceve un titolo: nuvole. Nuvole sono quelle conformazioni nelle quali già da bambini potevamo scorgere le scene delle favole che si fanno vedere per un attimo per poi sfibrarsi, sciogliersi quasi subito e formarsi di nuovo.
In occasione della mostra verrà realizzata un’azione artistica con i fiori davanti lo spazio della galleria, "99 Gerbere - omaggio alla mia nonna"; un messaggio colorato sull'infinità della vita e dei legami tra le diverse generazioni, un simbolo, una traccia, un legame di fiducia e d’amore per le persone che amiamo e con le quali ci sentiamo legati al di là del tempo e dello spazio.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram