Interiors 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva OREDARIA ARTI CONTEMPORANEE ​ Via Reggio Emilia 22-24 Roma 00198

Roma - dal 18 aprile al 18 luglio 2008

Interiors
[leggi la recensione]


 [Vedi la foto originale]
OREDARIA ARTI CONTEMPORANEE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Reggio Emilia 22-24 (00198)
+39 0697601689 , +39 0697601689 (fax)
info@oredaria.it
www.oredaria.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Tutto lo spazio della galleria sarà “frammentato” in un percorso, dove dieci artisti di livello internazionale, sono stati invitati a rappresentare la propria “interiorità”, con un'opera o un intervento specifico
orario: dal martedì al sabato: 10-13 / 16-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 18 aprile 2008. dalle 19 alle 21
editore: SKIRA
curatori: Achille Bonito Oliva
autori: Daniel Buren, Loris Cecchini, Braco Dimitrijevic, Doriana Fuksas, Massimiliano Fuksas, Fabio Mauri, Luigi Ontani, Mimmo Paladino, Alfredo Pirri, Michelangelo Pisoletto, Ettore Spalletti, Donatella Spaziani
genere: architettura, design, arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Tutto lo spazio della galleria sarà “frammentato” in un percorso, dove dieci artisti di livello internazionale, sono stati invitati a rappresentare la propria “interiorità”, con un'opera o un intervento specifico


Lo spettatore dovrà addentrarsi nella mostra in diverse “stanze”, fisiche e mentali, trovando armadi dove nascondere i propri segreti, una chaise long dove poter liberare memorie ataviche, o mobili dove lasciare i ricordi abbandonati. Forme morbide o specchi di colore che si accavalcano a forme geometriche, fino a raggiungere un tempio consacrato al proprio ego e una stanza di evidenti reminiscenze infantili.


Così, in una società globalizzata, dove le particolarità individuali tendono ad amalgamarsi e a soccombere alla standardizzazione, si pretende di dar origine ad un “luogo”, ad una sorta di entourage, un “interior”, dove ognuno possa esprimere, e lottare, per la propria identità, attraverso una poetica personale, ma allo stesso tempo empatica.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram